Giacomo Puccini, il poeta del lago. (Ed. del Teatro Regio di Parma)

“Coraggio… piccolo soldato dell’immenso esercito. I tuoi libri sono le tue armi, la tua classe è la tua squadra, il campo di battaglia è la terra intera, e la vittoria è la civiltà umana”

Giacomo_Puccini_il_poeta_del_lago_1
Giacomo Puccini, il poeta del lago.

Negli anni ottanta dell’Ottocento, con parole come queste, Edmondo de Amicis desiderava far capire ad una neonata Italia, l’importanza della letteratura per ragazzi e del suo ruolo di formazione sentimentale e morale. Il successo ottenuto dal suo libro, “Cuore”, noi lo auguriamo a Cristina Bersanelli, scrittrice e pianista, che insieme alla illustratrice Patrizia Barbieri ha dato vita alla collana “I miti dell’opera”, per i tipi di “Edizione del Teatro Regio di Parma”. Una collana rivolta ai piccoli lettori per farli avvicinare in modo accattivante ad una grande realtà culturale: il melodramma, non di facile traduzione al mondo infantile. Iniziativa editoriale meritoria ed interessante il cui ultimo prezioso volume, uscito in questi giorni, è dedicato a Giacomo Puccini.

Giacomo_Puccini_il_poeta_del_lago_3
Giacomo Puccini, il poeta del lago.

Nelle sue coloratissime pagine il libro alterna il racconto biografico pucciniano a pagine dedicate alle singole opere. Al piccolo lettore non spetta un ruolo solamente passivo, gli viene chiesto infatti di partecipare, a volte facendo una ricerca, a volte ascoltando un brano. Anche se è un testo per bambini non offre una narrazione esageratamente zuccherina: si parla anche, pur in modo adatto, ad esempio, della morte del compositore, legata al vizio del fumo. Sfogliando il volume è evidente la cura e la qualità della stampa, realizzata con ottimi materiali. I caratteri di stampa scelti sono sempre adeguatamente grandi, leggibili e gradevoli, così da prestarsi anche all’esercizio della lettura. Bellissimi i disegni realizzati da Patrizia Barbieri, a piena pagina, ricchi di colore, e sempre piacevoli da osservare: una full immersion in un mondo sognante dai deliziosi colori pastello e assonanze con il mondo della pittura naïf. In chiusura del volume i piccoli lettori trovano delle pagine da colorare e soprattutto i famosi e criptici enigmi di Turandot (tranquilli nel caso la soluzione la trovate nell’ultima pagina).

Un volumetto prezioso, ricco di cura nei dettagli che incanterà i più piccoli ma trasmetterà anche ai più grandi un po’ di magia, quella tutta speciale dell’opera lirica