Die sieben Todsünden – Mahagonny Songspiel (streaming)

La stagione 2020/2021 del Teatro alla Scala di Milano prosegue con il dittico Die sieben Todsünden e Mahagonny Songspiel di Kurt Weill, trasmesso in differita streaming su RaiPlay e sul sito del Teatro alla Scala.

Prosegue nel segno del Novecento la stagione d’opera 2020/2021 del Teatro alla Scala con una nuova produzione di Die sieben Todsünden e Mahagonny Songspiel, dittico musicale di Kurt Weill, registrata a porte chiuse per le ben note misure anti-Covid.

Die_sieben_Todsünden_Mahagonny_Songspiel_scala_4
Kate Lindsey e Lauren Michelle

La prima parte dello spettacolo è occupata dalla rappresentazione di Die sieben Todsünden, balletto con canto in sette parti su testo di Bertoldt Brecht. La regista Irina Brook, al suo debutto al Piermarini, racconta il “viaggio” delle due sorelle Anna I e Anna II mostrando particolare attenzione alla gestualità e all’espressività delle due protagoniste, magistralmente disinvolte e credibili in ogni momento, mentre la “famiglia” viene spesso rappresentata sullo sfondo in una sorta di stasi perenne. Alcune scene risultano particolarmente riuscite, quali, ad esempio, quella dove le due “Anna” si scatenano in un balletto stile varietà o ancora quando le due vengono rappresentate come mendicanti ai margini della strada mentre alcuni figuranti sfilano in proscenio nella più totale indifferenza. Efficace l’utilizzo sul fondo della scena dei video, in bianco e nero, nei quali “la famiglia” ed alcuni figuranti vengono immortalati, nello spazio prospiciente ad una roulotte, in scene allegoriche del peccato capitale di volta in volta protagonista della vicenda. L’azione si svolge sostanzialmente su di una pedana in legno e nello spazio del proscenio, delimitato ai lati da una grande quantità di bottiglie di plastica vuote, mentre sulla scena sono presenti pochi elementi d’arredo, un bancone da bar, un tavolo, qualche sgabello e un paio di appendiabiti ricchi di capi variopinti e pacchiani.

Die_sieben_Todsünden_Mahagonny_Songspiel_scala_2
Kate Lindsey e Lauren Michelle

Musicalmente svetta la prestazione di Kate Lindsey, Anna I, dotata di timbro suadente, spiccata musicalità e pregevole intonazione; altrettanto convincente Lauren Michelle, Anna II, impegnata prevalentemente in frasi declamate. Sostanzialmente omogeneo il resto del cast: Elliot Carlton Hines, fratello, Andrew Harris, madre, Matthaüs Schmidlechner, padre e Michael Smallwood, fratello.

Die_sieben_Todsünden_Mahagonny_Songspiel_scala_1
Die sieben Todsünden e Mahagonny Songspiel, Teatro alla Scala, 2021.

Nella seconda parte dello spettacolo, di fatto collegata alla precedente senza soluzione di continuità, è rappresentato Mahagonny Songspiel, un vero e proprio esperimento stilistico nato in collaborazione con Bertoldt Brecht. Irina Brook racconta le dinamiche dei personaggi che popolano la città di Mahagonny, città corrotta dal denaro ed allegoria di un sistema sociale borghese in decadenza, attraverso gestualità curate e minuziosamente studiate. I personaggi si muovono con disinvoltura e naturalezza, godibilissimo il finale con la proiezione sul fondo di alcuni estratti del making of della produzione. La scena replica sostanzialmente quella vista nella prima parte dello spettacolo con l’aggiunta di pochi altri elementi. I personaggi indossano abiti contemporanei, nella quasi totalità dei casi gli stessi sfoggiati in precedenza. Il cast vocale conferma le buona impressioni riferite poco sopra con particolare menzione per Kate Lindsey, questa volta nel ruolo di Bessie e Lauren Michelle in quello di Jessie. Anche in questo caso la regista si avvale, per creare controscene di supporto alle azioni dei personaggi della vicenda, delle ottime prestazioni di Martin Chishimba, un attore, Matteo Gavazzi, un ballerino e Elena Dale, una danzatrice.


Alla buona riuscita dello spettacolo concorre l’encomiabile prova del Maestro Riccardo Chailly, che offre una lettura raffinata, di ampio respiro, ricca di dinamiche e tale da sbalzare ogni dettaglio della partitura. Il Maestro milanese conferma ancora una volta la sua totale affinità con il repertorio novecentesco e sigla una prestazione di assoluta eccellenza. L’Orchestra del Teatro alla Scala appare in splendida forma e sa creare un tappeto sonoro impalpabile di rara raffinatezza.

Degna di nota la regia televisiva firmata da Arnalda Canali, particolarmente efficace soprattutto nel cogliere l’espressività dei volti dei personaggi e, in particolare quella della bravissima Kate Lindsey.

Teatro alla Scala (streaming)
DIE SIEBEN TODSÜNDEN
Ballet chanté in nove scene
Testo di Bertolt Brecht
Musica di Kurt Weill

Anna I Kate Lindsey
Anna II Lauren Michelle
Fratello Elliott Carlton Hines
Madre Andrew Harris
Padre Matthäus Schmidlechner
Fratello Michael Smallwood
Attore Martin Chishimba
Ballerino Matteo Gavazzi
Danzatrice Elena Dale

MAHAGONNY-SONGSPIEL
Testi di Bertolt Brecht
Musica di Kurt Weill

Jimmy Andrew Harris
Bobby Elliott Carlton Hines
Billy Michael Smallwood
Charlie Matthäus Schmidlechner
Jessie Lauren Michelle
Bessie Kate Lindsey
Attore Martin Chishimba
Ballerino Matteo Gavazzi
Danzatrice Elena Dale

Orchestra del Teatro alla Scala
Direttore Riccardo Chailly
Regia, scene, costumi, video Irina Brook
Collaboratore tecnico e luci Reinhard Bichsel
Movimenti coreografici Matteo Gavazzi
Nuova produzione Teatro alla Scala

FOTO Brescia/Amisano – Teatro alla Scala