Login

 

poliuto1

Bergamo, 17 settembre 2010. Sgomento! Ecco cosa si provava alle 23.30 ca. all’uscita dal Teatro Donizetti al termine della serata inaugurale del 5° Bergamo Musica Festival. Nessuno va a teatro per annoiarsi o qualsivoglia cattivo pensiero anzi, anche nella più incerta aspettativa una percentuale d’ottimismo c’invade nella speranzosa riuscita di una serata tutto sommato decorosa.

Lukas Franceschini

Anche nell’occasione bergamasca così è stato, ma già all’attacco della sinfonia, tristi presagi s’aggiravano. Poliuto si sa non è opera semplice e le sporadiche esecuzioni sui palcoscenici dei teatri confermano la tesi! Composta da Gaetano Donizetti durante il periodo napoletano su sollecitazione anche del tenore Adolphe Nourrit, il quale scese in Italia a cercar miglior fortuna rispetto la concorrenza francese di Gilbert-Louis Duprez, trovandovi invece la maturazione di un suicidio assurdo. L’opera, che sarà rappresentata solo nel 1848 e con altra compagnia, si scosta dal Donizetti classico aprendo la strada per la successiva affermazione parigina con il grand opéra. La tessitura è decisamente impegnativa ma non impossibile, Nourrit non era certo nel suo periodo migliore, pertanto nello spartito prevalgono accenti e raffinati vigori drammatici piu che prodezze vocali. Il soggetto, che si rifà a Racine, trattando un tema religioso come la conversione, che si scontrò acremente con la censura partenopea. poliuto2Tralasciando ogni riferimento del passato, soprattutto scaligero, la compagnia e l’intero ensemble artistico presentati a Bergamo erano assai deludenti, maggiormente laddove si conoscano le peculiarità dei singoli. Gregory Kunde, l’unico ad aver avuto un applauso al termine del suo assolo, ha tutte le intenzioni per essere un tenore eroico-romantico, peccato arrivi all’appuntamento in ritardo per inevitabile logoramento e seppur ricreatosi una nuova carriera da bari-tenore un conto e cantare Rossini altro Donizetti. Non mancano gli accenti ma non sono mai squillanti, la voce è forzata e talvolta il fraseggio a senso unico. Vi è comunque il senso dell’interprete, reso al massimo delle possibilità, ma ristretto nei confini dei mezzi odierni. Decisamente fuori parte Paoletta Marroccu scritturata per la parte di Paolina. È da chiedersi quale misteriosa forza sotterranea ha contribuito alla sua presenza in locandina. Tecnica dilettantesca, voce sgraziata, acuti forzati e striduli sempre, non hanno potuto che confermare altre sue perfomance recenti o passate. Simone Del Savio, Severo, sarebbe un baritono anche elegante ma povero di colore e accento e laddove non si esibisca al proscenio inudibile. Completava il cast il Callistene cavernoso e disomogeneo di Andrea Papi assieme ai decorosi: Massimiliano Chairolla, Dionigi D’Ostuni e Pier Marco Viñas rispettivamente Nearco, Felice e un cristiano. poliuto3Il direttore Marcello Rota non ha cercato una specifica lettura si è limitato ad accompagnare neppure con tanto ritmo e spesso con tempi molto dilatati. Discreto l’apporto del coro. Dello spettacolo, purtroppo, dobbiamo registrarlo come uno dei piu brutti allestimenti degli ultimi anni. Ben vengano le note di regia nel programma di sala, ma poi nella realizzazione di Marco Spada su un doppio binario di ambientazione fascista anni '40 e d’epoca romana con tanto di centurioni e pelli di leoni, i conti non tornano. Non vi è una chiara idea drammaturgica, troni, salotti, grotte, statue erette o abbattute. Il massimo dell’ipocrisia si raggiunge durante il duetto del II atto Severo-Paolina quando un servo serve un vassoio con tanto di teiera e forse biscotti. In definitiva non un’occasione mancata ma un’occasione decisamente persa! C’è da chiedersi inoltre con tali prerogative, e anche con passati esiti non del tutto felici, quali possono essere le aspettative del Bergamo Festival per il futuro. Sarebbe auspicabile una decisa inversione di marcia con scelte più oculate artisticamente e un netto rinnovamento della compagine musicale, altrimenti tale Festival non ha ragione di esistere solo per il fatto che si svolga nella città natale del compositore.

William Fratti

poliuto_kundeBergamo, 17 settembre 2010. Il Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti, giunto alla sua quinta edizione, inaugura la programmazione 2010 con Poliuto, opera scritta per il Teatro San Carlo di Napoli nel 1838, ma rappresentata postuma soltanto dieci anni più tardi, mentre la versione – e revisione – francese è in scena all’Opéra di Parigi nel 1840 con il titolo Les martyrs. Purtroppo poco rappresentata, la tragedia lirica di Salvatore Cammarano musicata da Donizetti è un vero capolavoro, che non ha nulla da invidiare alle pagine marziali e alle ambientazioni storiche di Norma o Nabucco e a cui Verdi ha sicuramente volto uno sguardo nel comporre “O qual soave brivido” in Un ballo in maschera, “Seguirti fino agli ultimi” ne La forza del destino e “Gloria all’Egitto” in Aida.

Lo sforzo della Fondazione e del Teatro Donizetti nel mettere in scena questo titolo va sicuramente premiato; purtroppo la prima di venerdì 17 settembre non è all’altezza delle aspettative e tutta la rappresentazione appare dozzinale ed approssimativa sotto ogni punto di vista. I “professionisti di grande fama” come cita il direttore artistico Francesco Bellotto nel libretto di presentazione della manifestazione, sono capitanati da un Gregory Kunde al suo debutto nel difficile ruolo del titolo, di cui porta a casa a malapena la pelle. Probabilmente messo in difficoltà da una regia apparentemente priva di idee e da una direzione alquanto superficiale, il personaggio sembra completamente inesistente, tanto che una recita in forma di concerto avrebbe sortito lo stesso effetto. poliuto_marrocuTutto il primo atto è eseguito senza vena né vigore, mentre il secondo riesce meglio, anche se dopo qualche bell’acuto e alcune interessanti variazioni nel da capo in “Veleno è l’aura… Sfolgorò divino raggio” – che strappa gli unici scroscianti applausi della serata – la stanchezza ha probabilmente iniziato a prendere il sopravvento. Il grave errore commesso è forse quello di voler forzare la voce drammaticizzando ed eroicizzando troppo un ruolo belcantistico, che invece necessiterebbe di suoni più eleganti e legati, di colori e sfumature più tipiche del Donizetti serio, piuttosto che di un canto spinto.
Il celebre tenore è affiancato da Paoletta Marrocu, debuttante nel ruolo di Paolina, di cui è possibile salvare soltanto la presenza scenica, purtroppo in parte compromessa da incomprensibili scelte di regia. La bella aria “Di quai soavi lagrime” e la cabaletta successiva “Perché di stolto giubilo” oltre ad essere tagliata, appare modificata di tonalità ed è soltanto l’inizio di un’esecuzione fortemente inadeguata, che vede il suo apice nelle urla di terzo atto, che portano il pubblico a rabbrividire, bisbigliare e dissentire ad alta voce. Soltanto qualche nota centrale emessa in piano segue una minima regola di canto ed è piacevole da udire, il resto è composto da acuti sguaiati, agilità appesantite, passaggi decisamente poco puliti.
Simone Del Savio è un Severo che si presenta con una vocalità brillante, ma col procedere della tragedia si mostra anch’egli in difetto nel colore e negli accenti, poco presente scenicamente e spesso coperto dalla compagine orchestrale. poliuto_del_savioIl duetto con Paolina “Il più lieto de’ viventi” è forse la pagina meglio riuscita, purtroppo rovinata da un’assurda scena del tè: “gli eventi possono essere contenuti in un salotto privato, che si affaccia sul paesaggio, quella Melitene che si è proposta alla mia fantasia come un deserto roccioso e lontano” scrive Marco Spada nelle note di regia, anche se è difficile credere che Melitene si sia proposta a Spada, piuttosto è facile pensare che Spada si sia immaginato Melitene.
Andrea Papi gode di una bella voce scura ed ombrosa, ma non è perfettamente a suo agio nella parte di Callistene, la cui tessitura non gli è forse troppo congeniale, od è la direzione mediocre che lo mette in difficoltà. Completano il cast Massimiliano Chiarolla, Dionigi D’Ostuni, Pier Marco Vinas.
La guida di Marcello Rota è alquanto grossolana e superficiale, che sul podio di un’orchestra poco precisa non ha certo reso omaggio alla partitura donizettiana. Sufficiente è la prova del coro, senza infamia e senza lode.
Marco Spada mette in scena uno spettacolo, con scene e costumi di Alessandro Ciammarughi, apparentemente privo di senso, di idee originali, di eleganza, di drammaticità, di pathos. A tale proposito sono state pubblicate quattro pagine di note di regia – istruzioni per l’uso che nel teatro non hanno ragione di esistere, poiché la bravura di un regista sta anche nel riuscire a trasmettere chiaramente la propria idea – ma non si sono trovate notizie che spiegano in maniera esauriente la decisione – peraltro già vista decine e decine di volte – di mischiare costumi e ambientazioni di epoca romana e del XX secolo, per arrivare al grottesco, se non ridicolo, di mettere in scena delle statuine di centurioni, simili a quelle acquistabili nelle bancarelle accanto al Colosseo. poliuto_finale_secondoCiò che si sembra di evincere da tali note di regia, è che forse Poliuto di Donizetti non piace a chi lo ha dovuto mettere in scena; si legge: “quando Donizetti, con le difficoltà imposte da una censura ormai isterica, si addentra più e più nel testo spegnendo il proprio entusiasmo e teme di aver scritto qualcosa di troppo fracassoso non ha tutti i torti. Proprio l’atmosfera mistica manca, nonostante i coretti ripetuti in più punti dell’opera (e anticipati nella sinfonia), mentre più sentito è l’estroverso ambaradan che precede l’arrivo di Severo. […] Poliuto […] resta non realizzata in toto, […] è opera che sente un certo schematismo dei numeri chiusi e, a mio parere, di una certa insita freddezza, dovuta proprio al ridimensionato scavo psicologico dei protagonisti”. Malauguratamente, a quanto sembra e a quanto è parso al pubblico che ha fortemente contestato la messinscena al termine della rappresentazione, Marco Spada non è riuscito a trasmettere agli spettatori né maggior calore, né più intensa personalità ai personaggi.
Certo è che produzioni del genere non aiutano i teatri a far cambiare idea agli amministratori pubblici, circa il ridimensionamento dei finanziamenti agli spettacoli da vivo.

Locandina

Teatro Donizetti di Bergamo
Poliuto
Tragedia lirica in tre atti di Salvatore Cammarano
Musica di Gaetano Donizetti
Poliuto Gregory Kunde
Paolina Paoletta Marrocu
Severo Simone Del Savio
Callistene Andrea Papi
Nearco Massimiliano Chiarolla
Felice Dionigi D'Ostuni
Un cristiano Pier Marco Viñas
Orchestra e Coro del Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti - M.o del coro: Fabio Tartari
Direttore Marcello Rota
Regia Marco Spada
Scene e costumi Alessandro Ciammarughi
Luci Fabio Rossi
  
Nuovo allestimento del Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti in coproduzione con Ente Concerti Marialisa De Carolis di Sassari

 

FOTO PHOTO STUDIO UV

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
AIDA Roma, 13 luglio 2019. Intimismo e psicologia: alle Terme di Caracalla è tornato...
Prima la musica e poi le parole - Gianni schicchi Milano, 10 luglio 2019. Il Teatro alla Scala, come ultima proposta prima della...
Madama butterfly Savona, 6 luglio 2019. Nel complesso monumentale del Priamar va in scena Madama...
I MASNADIERI Milano, 1 luglio 2019. Dopo oltre quaranta anni di assenza I masnadieri torna sul...
IL TROVATORE Verona, 29 giugno 2019. Terzo titolo dell’Opera Festival 2019, Il Trovatore di...
IPHIGENIE EN TAURIDE Parigi, 24 giugno 2019. Ogni volta che si ha la fortuna di ascoltare uno dei...
LE NOZZE DI FIGARO Firenze, 15 giugno 2019. Il debutto assoluto di Sonia Bergamasco nelle regie...
LA CENERENTOLA Roma, 12 giugno 2019. Una interpretazione fiabesca e azzurrina: Emma Dante torna...
ALCINA Salisburgo, 9 giugno 2019. Nell'anno in cui il Festival di Pentecoste di...
POLIFEMO Salisburgo, 8 giugno 2019. Il Festival di Pentecoste di Salisburgo quest'anno è...
die tote stadt Milano, 7 giugno 2019. Per la prima volta viene rappresentata al Teatro alla Scala Die...
TURANDOT Bologna, 30 maggio 2019. Turandot, l’opera incompiuta di Puccini, torna al...
L'ANGELO DI FUOCO Roma, 23 maggio 2019. Dopo 53 anni il lavoro di Prokof'ev è tornato a Roma con un...
IDOMENEO Milano, 16 maggio 2019. Dopo dieci anni di assenza torna al Teatro alla Scala...
LA STRANIERA Firenze, 14 maggio 2019. Molto repertorio d'opera della prima metà dell'Ottocento,...
Così fan tutte  Las Palmas, Gran Canaria, 11 maggio 2019. Una volta si era soliti dire:...
MADAMA BUTTERFLY Catania, 10 maggio 2019. Madama Butterfly è un gran titolo ed eccolo a Catania il...
LA TRAVIATA Novara, 5 maggio 2019. La Traviata di Giuseppe Verdi, assente dalle scene...
REQUIEM Parma, 3 maggio 2019. L'ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart -...
ARIADNE AUF NAXOS Milano, 30 aprile 2019. Ariadne auf Naxos torna finalmente al Teatro alla Scala...
LA SONNAMBULA Torino,14 Aprile 2019. Assente dalle scene torinesi per oltre vent'anni il...
SERSE Piacenza, 12 aprile 2019. Dopo qualche anno di assenza l’opera barocca torna al...
IL BARBIERE SI SIVIGLIA Parma, 22 marzo 2019. Anche in una città come Parma oggigiorno è più facile...
AGNESE Torino, 17 marzo 2019. Ferdinando Paer, eccellente musicista di collegamento tra il...
CHOVANŠČINA Milano, 6 marzo 2019. La grande opera incompiuta di Modest Petrovič Musorgskij è...
ANDREA CHENIER Reggio Emilia, 1 marzo 2019. Oltre a La forza del destino, l’altra produzione di...
ANNA BOLENA Roma, 28 febbraio 2019. Il quarto titolo del Costanzi per la stagione 2018-2019 è...
SEMIRAMIDE Bilbao, 22 e 25 febbraio 2019. Per questa produzione di Semiramide al Palacio...
RIGOLETTO Torino, 10 e 16 febbraio 2019. Arriva a Torino il Rigoletto con la regia di John...
DON GIOVANNI Verona, 31 gennaio 2019. Al Teatro Filarmonico è stato rappresentato Don Giovanni,...
WERTHER Venezia, 25 gennaio 2019. Werther, il drame lyrique di Jules Massenet, è proposto al...
MADAMA BUTTERFLY Torino, 20 gennaio 2019. Si torna alla tradizione dopo il dirompente allestimento di...
DIONYSOS RISING (Roberto David Rusconi)   Trento, 19 gennaio 2019. La stagione d’opera “Forces of nature” della...
TURANDOT Rovigo, 18 gennaio 2019. Un successo pieno la prima rappresentazione della fiaba...
LA TRAVIATA Roma, 18 gennaio 2019. Sofia Coppola e Valentino hanno regalato ancora una...
LA FORZA DEL DESTINO Piacenza, 18 gennaio 2019. Dopo tredici anni di assenza, La forza del destino di...
LA TRAVIATA Milano, 16 gennaio 2019. Al Teatro alla Scala il primo titolo del nuovo anno è La...
UN BALLO IN MASCHERA Parma, 16 gennaio 2019. Nel centenario della morte di Cleofonte Campanini – sotto...
LA CENERENTOLA Padova, 31 dicembre 2018. Padova celebra Rossini chiudendo l’anno con La...
DON GIOVANNI Bologna, 20 dicembre 2018. Il Teatro Comunale di Bologna conclude la Stagione 2018 e...
ATTILA Milano, 18 dicembre 2018. L’opera inaugurale della Stagione del Teatro alla Scala è...
LE NOZZE DI FIGARO Rovigo, 14 dicembre 2018. Ben realizzata, nel suo insieme, la messa in scena del...
RIGOLETTO Roma, 13 dicembre 2018. Dal '500 al 1943 il passo è breve: la stagione 2018-2019...
CARMEN Firenze, 4 dicembre 2018. Dopo solo un anno dal suo debutto, lo spettacolo di Leo...
ELISABETTA AL CASTELLO DI KENILWORTH Bergamo, 30 novembre 2018. Secondo e imperdibile titolo del Donizetti Opera è stato...
MACBETH Venezia, 29 novembre 2018. La stagione lirica 2018-2019 del Teatro La Fenice è stata...
L'ELISIR D'AMORE 24 novembre 2018, Torino. La stagione operistica 2018/19 del Teatro Regio di Torino...
ENRICO DI BORGOGNA Bergamo, novembre e dicembre 2018. Il Donizetti Opera Festival 2018 è stato inaugurato...
FIN DE PARTIE Milano, 22 novembre 2018. Finalmente dopo anni di gestazione e rimandi, dovute a...
MOSÈ IN EGITTO Novara, 18 novembre 2018. Nel centocinquantesimo anniversario della morte di Gioachino...
LA FILLE DU REGIMENT Bologna, 14 novembre 2018. Ripreso al Teatro Comunale l'allestimento ideato da Emilio...
FALSTAFF Como, 11 novembre 2018. Piacevolissimo il Falstaff comasco in scena nel weekend scorso...
NABUCCO Rovigo, 9 novembre 2018. La Stagione Lirica del Teatro Sociale, il quale nel 2019...
LE NOZZE DI FIGARO Roma, 2 novembre 2018. Graham Vick propone una regia del capolavoro mozartiano...
CAPPUCCETTO ROSSO Piacenza, 26 ottobre 2018. Il compositore piacentino Stefano Guagnini, classe...
FALSTAFF Vicenza, 14 ottobre 2018. Felice collaborazione quella tra la Società del Quartetto di...
IL TROVATORE Torino, 13 Ottobre 2018. Una nuova elegante produzione de Il...
MACBETH Parma, 11 e 18 ottobre 2018. L’opera inaugurale del Festival Verdi 2018 è Macbeth...
UN GIORNO DI REGNO Busseto, 3, 10 e 11 ottobre 2018. Seconda opera del Cigno di Busseto e secondo titolo...
DIE ZAUBERFLÖTE Roma, 10 ottobre 2018. Dalla fine del '700 agli anni Venti del '900 il passo è...
TOSCA Cremona, 7 ottobre 2018. Il Teatro Grande di Brescia propone tra le produzioni del...
IL VIAGGIO A REIMS Bergamo, 5 ottobre 2018. La stagione del Circuito Opera Lombardia è iniziata con una...
LE TROUVERE Parma, 4 ottobre 2018. Il Festival Verdi 2018 è l’edizione delle conferme, dalla...
ALI'-BABA' E I QUARANTA LADRONI Milano, 14 settembre 2018. L’annuale allestimento del Teatro alla Scala per il...
POLIDORO (Antonio Lotti) Vicenza, 7 settembre 2018. Fiore all'occhiello del Festival Vicenza in Lirica è stata...
KING ARTHUR Vicenza, 2 settembre 2018. L’annuale manifestazione “Vicenza in Lirica” Visione...
VERDI OPERA NIGHT Verona, 26 agosto 2018. Il 96° Opera Festival all’Arena ha offerto quasi in...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA (cast alternativo) Verona, 24 agosto 2018 (cast alternativo). Le ultime due recite de Il barbiere di...
GLI AMORI D'APOLLO E DAFNE Innsbruck, 23 agosto 2018. Come consuetudine una delle produzioni dell’Innsbruck...
DIDONE ABBANDONATA (Giuseppe Saverio Mercadante) Innsbruck, 14 agosto 2018. L’edizione 2018 de Innsbruckner Festwochen der Alten Musik,...
L'ELISIR D'AMORE Macerata, 10 agosto 2018. La regia "balneare" di Damiano Michieletto non ha fatto...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Pesaro, 10 agosto 2018 (prova generale). L’anniversario celebrativo al Rossini Opera...
ADINA Pesaro, 9 agosto 2018 (prova generale). La seconda opera dell’odierno Rossini Opera...
RICCIARDO E ZORAIDE Pesaro, agosto 2018. Il XXXIX Rossini Opera Festival è sato inaugurato con l'opera...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA   Verona, 4 agosto 2018. L’opera che ha ottenuto un vero trionfo all’Arena Opera...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Padova, 2 agosto 2018. Come di consueto ad agosto c’è il classico appuntamento con...
MACBETH Firenze, 13 luglio 2018. Il Maestro Riccardo Muti torna al Maggio Musicale Fiorentino...
LA TRAVIATA Roma, 7 luglio 2018. Una Traviata che strizza l'occhio alla Dolce Vita di Federico...
NABUCCO Verona, 7 luglio 2018. Uno spettacolo di successo non si cambia, anzi è riproposto con...
IL PIRATA Milano, giugno e luglio 2018. Dopo oltre sessant’anni di assenza Il pirata di Vincenzo...
TURANDOT Verona, 30 giugno 2018. La terza opera in cartellone al 96° Festival dell’Arena è...
RICHARD III Venezia, 29 giugno 2018. Al Teatro La Fenice, in prima rappresentazione italiana,...
FIDELIO Milano, 28 giugno 2018. Fidelio, opera in due atti di Ludwig van Beethoven, è proposta...
LA BOHÈME Roma, 22 giugno 2018. La rivisitazione in chiave contemporanea del catalano Alex Ollè...
CARMEN Verona, 22 giugno 2018. La 96ª Stagione Lirica all’Arena è stata inaugurata con una...
FIERRABRAS Milano, 15 giugno 2018. Franz Schubert è ricordato giustamente come illustre...
DON CARLO Bologna, 6 giugno 2018. Al Teatro Comunale c’era il clima delle grandi attese per il...
L'INGANNO FELICE Vicenza 1 giugno 2018. La XXVIIª edizione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico...
LA BATTAGLIA DI LEGNANO Firenze, 25 maggio 2018. L’unica opera scritta da Giuseppe Verdi a favore della causa...
SALOME   Verona, 24 maggio 2018. La programmazione operistica invernale della...
AIDA Milano, 18 maggio 2018. Alla Scala ritorna l’opera Aida nel celebre allestimento del...
NORMA Venezia, 16 maggio 2018. Le tre recite di Norma previste al Teatro Fenice per il mese...
BILLY BUDD Roma, 10 maggio 2018. Per la prima volta in assoluto l'opera di Benjamin Britten...
CARDILLAC Firenze, 9 maggio 2018. L'ottantunesimo maggio Musicale Fiorentino, il più antico...
FRANCESCA DA RIMINI Milano, 2 maggio 2018. La produzione lirica italiana è sterminata, tuttavia negli...
ANNA BOLENA Verona, 4 maggio 2018. Dopo oltre due lustri torna al Teatro Filarmonico Anna Bolena...

Visitatori

Visitatori oggi:82
Visitatori mese:5273
Visitatori anno:78868
Visitatori totali:416006

OperaLibera piace a...