Login

 

Giorno_di_regno

Parma, 29 gennaio 2010. Avviandoci al bicentenario verdiano del 2013, Parma prosegue il percorso nell’allestimento di tutte le opere del suo concittadino. Per l’inaugurazione della Stagione invernale 2010 la scelta è caduta su Un giorno di regno o Il finto Stanislao seconda opera nel catalogo di Giuseppe Verdi e suo unico approccio con il melodramma giocoso.

Lukas Franceschini

In 54 anni di carriera questo resta l’unico tonfo del compositore, all’inizio ci furono anche altri titoli non particolarmente graditi dal pubblico o dalla critica, poi titoli con buon successo e molti trionfi, pertanto non è irrispettoso definire Un giorno di regno la piu infelice.
Questa affermazione può dar adito a commenti e dissensi di vario tipo, ma chi scrive trova assurdo non poter considerare che quest’opera è la piu debole, la piu mal strutturata e la piu estranea all’estro compositivo di Verdi. Gabriele Baldini, nel programma di sala, elenca tutte una serie di giustificazioni a difesa del compositore, le quali certamente sono attente, scrupolose e veritiere ma non sovvengono l’esito dello spartito. Giorno_di_regno6Sintetizzando si può affermare che il libretto era datato (1818) anche se per penna di Felice Romani, la struttura dell’opera era tipicamente quella buffa settecentesca e la compagnia di canto alla prima era scadente. Tutte situazioni che sommate ad una vistosa estraneità del compositore verso il genere buffo, hanno creato questo insuccesso. Comunque nell’opera non mancano certo arie o momenti felici, come l’aria di sortita della Marchesa del Poggio, il duetto Belfiore-Edoardo e i due duetti dei bassi buffi, ma in generale zoppica, è stantia e musicalmente si riscontra un forte divario tra primo e secondo atto. Come riporta Budden, se paragonata a simili partiture coeve, Don Pasquale, La fille du regiment o anche L’elisir d’amore, ne fa una gran magra figura. Lo spettacolo al Regio era una ripresa di una produzione di successo del 1997, poi allestita nel 2001 a Bologna, curata per intero da Pier Luigi Pizzi, il quale con arguta fantasia incornicia il canovaccio in un astratto ‘700, ben regolarizzato da movimenti ritmici e ben guidando, per quanto possibile, i sei protagonisti. Bellissime le scene, con cambi a vista, sfarzosi e sgargianti i costumi. Delizioso, infine, l’omaggio alla città di Parma nella scena prima del II atto ambientata nella dispensa del palazzo adornata da prosciutti e forme di parmigiano. Sul podio un Donato Renzetti, non particolarmente persuasivo, direi accomandante e discreto accompagnatore, senza verve e mordente, diversamente dai precedenti Foscari. L’orchestra era in parte appannata e il coro sempre puntuale e preciso non è certo emerso perché gli interventi nell’opera sono uno dei punti piu deboli. Quando si riprendono tali partiture il minimo denominatore dovrebbe essere un grande cast, il quale aiuta a sopperire in parte a lacune compositive, ma in questa occasione, diversamente delle precedenti del ’97 e del ’01, l’accortezza latitava. Giorno_di_regno_5Anna Caterina Antonacci, unica del cast presente nelle citate precedenti edizioni, è forse stata la migliore per garbo stile, puntualità e fraseggio, anche se attualmente il registro acuto e forzato e tremulo. Altro elemento di lode è Paolo Bordogna che sempre più si conferma ottimo cantante, brillante attore soprattutto nel repertorio buffo, musicale e vivace belcantista. Tutti gli altri erano molto inferiori alle aspettative, Guido Loconsolo monotono e gutturale Belfiore, Alessandra Marianelli una precisa Giulietta ma fin troppo esile e vibrata, Andrea Porta era un fiacco e limitato Klebar. Ivan Magrì, Edoardo, è un giovane ancora troppo acerbo, il quale sfoggia sicuramente un registro acuto interessante ma monocorde e la carenza tecnica è lampante, tanto che nella difficile aria del II atto è inciampato piu volte in clamorosi incidenti, che fortunatamente il temibile loggione ha solo apostrofato con qualche mugugno. Al termine successo cordiale.

William Fratti

Giorno di regnoParma, 31 gennaio e 9 febbraio 2010. Un giorno di regno, seconda opera di Giuseppe Verdi, sua unica incursione nel genere comico prima di Falstaff – l’ultimo capolavoro del genio bussetano – ha aperto la Stagione Lirica 2010, proseguendo l’ambizioso progetto del Teatro Regio di Parmadi completare l’intero lavoro verdiano prima del Bicentenario del 2013, riprendendo ad alta risoluzione ognuna delle opere rappresentate.

Per l’occasione è stato riproposto lo spettacolo creato ed interamente firmato da Pier Luigi Pizzi nel 1997 per il palcoscenico parmigiano, andato nuovamente in scena nel 2001 al Teatro Comunale di Bologna, al Municipale di Piacenza e alla Scala di Milano. altL’imponente impianto scenografico neoclassico ed i colorati costumi settecenteschi non sembrano affatto invecchiati, godendo ancora della freschezza e dell’eleganza tipiche del regista milanese, che si è avvalso delle luci belle e suggestive di Vincenzo Raponi e delle coreografie di Luca Veggetti, semplici e d’effetto in alcuni punti, leggermente banali in altri.
Ad avvalorare la rappresentazione di domenica 31 gennaio è la partecipazione di Anna Caterina Antonacci, già titolare del ruolo della Marchesa del Poggio nella produzione originale di Parma e nelle riprese bolognesi e piacentine. altLa cantante ferrarese, che possedendo una voce scura e particolarmente flessibile è in grado di interpretare parti sopranili e mezzosopranili, molto apprezzata nel repertorio barocco e belcantista, è propriamente adatta a vestire i panni della Marchesa, ruolo inizialmente scritto per soprano, ma più confacente ad una vocalità brunita, che possieda corposità nelle note gravi e centrali. La Signora Antonacci entra in scena con la celebre cavatina “Ah! Non m’hanno ingannata!... Grave a core innamorato” e si prodiga in un canto efficace, sicura nelle pagine più liriche, abile nel trillo e nelle agilità della cabaletta “Se dee cader la vedova”.
Ma è nel secondo atto che l’artista mostra intensità, salde doti tecniche e un buon uso dei chiaroscuri, con “Si mostri a chi l’adora” arricchendo la successiva cabaletta “Sì, scordar saprò l’infido” con interessanti variazioni. L’arduo si acuto, scritto da Verdi in un’aria che scende al la grave, non è perfettamente pulito, ma non è certo motivo di critica ed il pubblico accoglie calorosamente Anna Caterina Antonacci con uno scrosciate applauso e grida di approvazione.
Il ruolo del protagonista è affidato al giovane baritono Guido Loconsolo, che possiede una buona linea di canto, ma pare più adatto ad un repertorio differente. Il Cavalier Belfiore in effetti può essere considerato un ruolo protoverdiano, già precursore di Nabucco e necessiterebbe di maggiore squillo, sicurezza negli accenti e fraseggio espressivo.giorno4
Lo stesso vale per la Giulietta di Alessandra Marianelli, che non sembra sempre omogenea. L’aria “Non san quant’io nel petto” di gusto belliniano e che richiama la Leonora dell’Oberto, avrebbe bisogno di maggiore robustezza tecnica, come pure il duetto con Edoardo “Giurai seguirlo in campo”.
Decisamente migliore è “Cara Giulia alfin ti vedo… Questo bene inaspettato”, pagina ricca di spunti lirici e patetici, che potrebbe affiancare i più bei concertati del Verdi degli anni di galera, dove la Signora Marianelli e il Signor Magrì donano buon esempio di canto spianato. Effettivamente la parte di Edoardo appare scritta per un tenore lirico leggero, che pur possedendo chiare connotazioni verdiane è permeata dell’eleganza del belcanto. Ivan Magrì possiede la giusta vocalità, intensa e squillante, ma esigerebbe di maggiore sicurezza negli appoggi, abilità nell’uso dei colori e padronanza del passaggio dal registro centrale a quello acuto.
altAccanto alle due coppie di innamorati sono il Signor La Rocca e il Barone di Kelbar, unici ruoli per basso buffo scritti dal Maestro di Busseto, di derivazione chiaramente donizettiana e a tratti rossiniana. Paolo Bordogna nei panni del tesoriere, oltreche essere allegro e divertente, dimostra di essere un interprete di altissimo livello, che seppur impegnato in gag comiche e situazioni spassose – tanto da condurre i recitativi con accento emiliano durante la serata del 9 febbraio – non si esibisce mai a discapito della voce, sempre sicura, brillante, piena, ricca di accenti e con buona emissione. Esperto del repertorio buffo preverdiano, ma già interprete di Fra Melitone ne La forza del destino, palesa una vocalità luminosa e squillante che lo renderebbe adeguato anche per l’ultimo capolavoro del Cigno. Lo affianca Andrea Porta, artista di indubbia qualità e di buon gusto, leggermente nascosto dalle innegabili doti del collega, col quale si trova impegnato in tre bellissimi duetti durante tutto l’arco dell’opera.
altCompletano il cast Ricardo Mirabelli e Seung Hwa Paek nei panni del Conte Ivrea e del servo Delmonte e il Coro del Teatro Regio di Parma, guidato da Martino Faggiani, mostra sempre uno standard elevato di preparazione, come pure l’Orchestra diretta da Donato Renzetti.
Nella recita del 9 febbraio il ruolo della Marchesa del Poggio è stato sostenuto da Davinia Rodriguez, che si trova in difetto a dover competere con l’eleganza e la presenza scenica di Anna Caterina Antonacci. Anche la parte vocale non è sgombra di imperfezioni, probabilmente dovute ad una tessitura troppo distante dalla sua vocalità.
Giulietta di Kelbar è interpretata da Arianna Donadelli, in possesso di una voce pulita seppur piccola. La cavatina sembra essere eseguita più lentamente rispetto al consueto, ma il giovanissimo soprano non si risparmia nelle agilità e nelle variazioni nel da capo.
La scelta di affidare numerosi ruoli ad artisti agli inizi della loro carriera, fa onore ai teatri che decidono di offrire queste opportunità, ma non pare particolarmente appropriata in una rappresentazione che deve entrare a far parte della prima e più importante enciclopedia verdiana, ripresa in alta definizione e registrata su supporti video digitali.

Locandina

Teatro Regio di Parma, Stagione Lirica 2010
Un giorno di regno (Il finto Stanislao)
Melodramma giocoso in due atti su libretto di Felice Romani e Temistocle Solera dalla farsa "Le faux Stanislas" di Alexandre-Vincent Pineux-Duval
Musica di Giuseppe Verdi
Il Cavalier di Belfiore, sotto il nome di Stanislao Re di Polonia Guido Loconsolo
Il Barone di Kelbar Andrea Porta
La Marchesa del Poggio Anna Caterina Antonacci (29 e 31/01)
Davinia Rodriguez (09/02) 
Giulietta di Kelbar Alessandra Marianelli (29 e 31/01)
Arianna Donadelli (09/02)
Edoardo di Sanval Ivan Magrì
Il signor La Rocca Paolo Bordogna
Il Conte d'Ivrea Ricardo Mirabelli
Delmonte/un servo Seung Hwa Paek
Orchestra e Coro del Teatro Regio di Parma (M.o del coro: Martino Faggiani)
Direttore Donato Renzetti
Regia, scene e costumi Pier Luigi Pizzi
Coreografie Luca Veggetti
Luci Vincenzo Raponi
Allestimento del Teatro Regio di Parma e Teatro Comunale di Bologna 1997

 

 FOTO ROBERTO RICCI TEATRO REGIO DI PARMA

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
L'ITALIANA IN ALGERI Verona, 23 febbraio 2020. Grande successo di pubblico per il secondo titolo...
MADAMA BUTTERFLY Bologna, 22 febbraio 2020. Il Teatro Comunale di Bologna propone come secondo...
NABUCCO Torino, 20 Febbraio 2020. Febbraio all'insegna di Nabucco al Teatro Regio di Torino,...
ADRIANA LECOUVREUR Genova, 16 febbraio 2020. Per la prima volta nella storia del Teatro Carlo Felice...
DONNA DI VELENI Novara, 14 febbraio 2020. Il Teatro Coccia di Novara propone in prima esecuzione...
IL TROVATORE Milano, 12 febbraio 2020. Dopo sei anni di assenza, torna alla Scala di Milano Il...
CAVALLERIA RUSTICANA - PAGLIACCI Reggio Emilia, 9 febbraio 2020. Grande successo per il dittico Cavalleria...
IPHIGéNIE EN TAURIDE Zurigo, 8 febbraio 2020. L’opera di Zurigo propone Iphigénie en Tauride di...
LUCIA DI LAMMERMOOR Verona, 26/30 gennaio 2020. Grandissimo successo di pubblico per il capolavoro...
A HAND OF BRIDGE - IL CASTELLO DEL PRINCIPE BARBABLÙ Venezia, 25 gennaio 2020. La Stagione 2019/2020 del Teatro La Fenice propone un...
FALSTAFF Piacenza, 24 gennaio 2020. Falstaff di Giuseppe Verdi al Teatro Municipale di...
I CAPULETI E I MONTECCHI Roma, 23 gennaio 2020. L'opera di Vincenzo Bellini torna a Roma dopo quasi...
RISURREZIONE Firenze, 19 gennaio 2020. Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino mette in scena in...
ROMéO ET JULIETTE Milano, 18 gennaio 2020. Il Teatro alla Scala di Milano, come seconda opera della...
L'HEURE ESPAGNOLE - GIANNI SCHICCHI Cremona, 17 gennaio 2020. L’inedito dittico composto da L’Heure espagnole di...
IL MATRIMONIO SEGRETO Torino, 15 gennaio 2020. Prosegue con uno scoppiettante e colorato "Il matrimonio...
TURANDOT Parma, 10 gennaio 2020. Parma debutta nel ruolo di Capitale Italiana della...
TOSCA Milano, dicembre 2019 - gennaio 2020. Tosca di Giacomo Puccini è il titolo che...
LA BOHèME Genova, 29 dicembre 2019. Il Teatro Carlo Felice di Genova festeggia il Natale...
MADAMA BUTTERFLY Verona, 17/22 dicembre 2019. Teatro Filarmonico strapieno per il capolavoro...
TOSCA Roma, 21 dicembre 2019. Dal 2015 il Progetto "La Memoria" permette di assistere...
CENDRILLON Novara, 21 dicembre 2019. La favola di Cenerentola, musicata da Pauline Viardot, è il...
CARMEN  Torino, 15 dicembre 2019. Si chiude con una Carmen da ricordare il 2019...
LES VÊPRES SICILIENNES Roma, dicembre 2019. La stagione 2019-2020 del Teatro dell'Opera di Roma si apre...
CAVALLERIA RUSTICANA - SUOR ANGELICA Novara, 14 dicembre 2019. L’inedito dittico Suor Angelica e Cavalleria rusticana,...
LA CENERENTOLA Catania, 11 dicembre 2019. A scrivere questa nota, che non vuol essere  una...
LA SONNAMBULA Cremona, 8 dicembre 2019. La sonnambula di Vincenzo Bellini prosegue la Stagione...
AIDA Brescia, 6 dicembre 2019. Il circuito OperaLombardia prosegue la sua stagione...
DON CARLO Venezia, 3 dicembre 2019. Nel corso della sua lunga e incontrastata carriera...
LUCREZIA BORGIA Bergamo, 24 novembre 2019. Uno dei drammi più discussi e storicamente...
MACBETH Cremona, 22 novembre 2019. Il Macbeth di Giuseppe Verdi nel circuito di Opera Lombardia...
L'ELISIR D'AMORE Verona, 21 novembre 2019. Grandissimo successo al Teatro Filarmonico per il...
LUCIA DI LAMMERMOOR Monte Carlo, 17 novembre 2019. Nel contesto della festa nazionale monegasca, Lucia di...
MACBETH Brescia, 16 novembre 2019. Al Teatro Grande va in scena Macbeth dopo 12 anni di...
L'ANGE DE NISIDA Bergamo, 16 novembre 2019. Poter assistere alla prima mondiale assoluta di...
PIETRO IL GRANDE Bergamo, 15 novembre 2019. Proseguendo il lavoro di ricerca scientifica, nonché...
IDOMENEO, RE DI CRETA Roma, novembre 2019. Il debutto di Michele Mariotti alla direzione dell'orchestra...
DIE ÄGYPTISCHE HELENA Milano, 9 novembre 2019. Per la prima volta alla Scala Die ägyptische Helena,...
ERMIONE Napoli, 7 Novembre 2019. Quando un'opera seria di Gioachino Rossini, soprattutto...
MACBETH Vienna, 1 novembre 2019. “ POLONIO : Che cosa state leggendo,...
WERTHER Vienna, 31 ottobre 2019. E’ raro che io scriva una recensione in prima persona,...
LA TRAVIATA Venezia, 29 ottobre 2019. La Stagione 2018/2019 del Teatro La Fenice chiude con...
VERDI OPERA GALA Piacenza, 27 ottobre 2019. La stagione 2018/2019 del Teatro Municipale di...
IL MATRIMONIO SEGRETO Verona, 27 ottobre 2019. Grande successo domenica, per la prima rappresentazione...
GIULIO CESARE Milano, 25 ottobre 2019. Con il celebre Giulio Cesare in Egitto di Georg...
L'ELISIR D'AMORE Thiene, 20 ottobre 2019. Dopo le fortunate recite al Teatro Olimpico, il Festival...
FERNAND CORTEZ Firenze, 20 ottobre 2019. Opera monumentale di Gaspare Spontini, Fernand Cortez...
QUARTETT Milano, 19 ottobre 2019. Quartett, l'innovativo titolo di Luca Francesconi del 2011,...
LUISA MILLER Parma, settembre e ottobre 2019. Rappresentata nella monumentale Chiesa di San...
ERNANI Novara, 18 ottobre 2019. Il teatro Coccia di Novara inaugura la sua stagione...
I PESCATORI DI PERLE - TOSCA Torino, 17 e 27 ottobre 2019 La stagione operistica 2019/20 del Teatro Regio di...
I DUE FOSCARI Parma, 17 ottobre 2019. Eseguita per la prima volta in versione preliminare in...
NABUCCO Parma, 13 ottobre 2019. Stiamo tutti annegando. Non c'è bisogno di andare...
AIDA Busseto, settembre e ottobre 2019. L’Aida firmata da Franco...
NORMA Tolosa, 5 ottobre 2019. E' ormai invalso l'uso di eseguire la sinfonia delle opere...
Guglielmo tell Cremona, 4 ottobre 2019. Il Teatro Amilcare Ponchielli di Cremona inaugura la sua...
L'Elisir d'amore Milano, 1 ottobre 2019. L'Elisir d'amore, melodramma giocoso di Gaetano Donizetti,...
DON CARLO Madrid, 30 settembre 2019. Il Teatro Real di Madrid inaugura la Stagione...
DON GIOVANNI Roma, 28 settembre 2019. Graham Vick ha completato la trilogia dapontiana al...
L'ITALIANA IN ALGERI Torino, 26 maggio 2019. La stagione d'opera e balletto 2019 del Teatro Regio si...
Rigoletto Milano, 11 settembre 2019. Dopo la pausa estiva il Teatro alla Scala riprende la...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Venezia, 7 settembre 2019. Il Teatro la Fenice, nel proseguire la Stagione...
DEMETRIO E POLIBIO Pesaro, 18 agosto 2019. La prima opera composta da Gioachino Rossini non fu la...
GALA ROF XL Pesaro, 21 agosto 2019. Il Quarantesimo Rossini Opera Festival è festeggiato con...
SEMIRAMIDE Pesaro, 20 agosto 2019. La monumentale Semiramide è una delle poche opere serie...
L'EQUIVOCO STRAVAGANTE Pesaro, 19 agosto 2019. Seconda opera di Gioachino Rossini ad essere andata in...
MACBETH Macerata, 4 agosto 2019. Una Scozia molto "siciliana" ha fatto da sfondo...
AIDA Roma, 13 luglio 2019. Intimismo e psicologia: alle Terme di Caracalla è tornato...
Prima la musica e poi le parole - Gianni schicchi Milano, 10 luglio 2019. Il Teatro alla Scala, come ultima proposta prima della...
Madama butterfly Savona, 6 luglio 2019. Nel complesso monumentale del Priamar va in scena Madama...
I MASNADIERI Milano, 1 luglio 2019. Dopo oltre quaranta anni di assenza I masnadieri torna sul...
IL TROVATORE Verona, 29 giugno 2019. Terzo titolo dell’Opera Festival 2019, Il Trovatore di...
IPHIGENIE EN TAURIDE Parigi, 24 giugno 2019. Ogni volta che si ha la fortuna di ascoltare uno dei...
LE NOZZE DI FIGARO Firenze, 15 giugno 2019. Il debutto assoluto di Sonia Bergamasco nelle regie...
LA CENERENTOLA Roma, 12 giugno 2019. Una interpretazione fiabesca e azzurrina: Emma Dante torna...
ALCINA Salisburgo, 9 giugno 2019. Nell'anno in cui il Festival di Pentecoste di...
POLIFEMO Salisburgo, 8 giugno 2019. Il Festival di Pentecoste di Salisburgo quest'anno è...
die tote stadt Milano, 7 giugno 2019. Per la prima volta viene rappresentata al Teatro alla Scala Die...
TURANDOT Bologna, 30 maggio 2019. Turandot, l’opera incompiuta di Puccini, torna al...
L'ANGELO DI FUOCO Roma, 23 maggio 2019. Dopo 53 anni il lavoro di Prokof'ev è tornato a Roma con un...
IDOMENEO Milano, 16 maggio 2019. Dopo dieci anni di assenza torna al Teatro alla Scala...
LA STRANIERA Firenze, 14 maggio 2019. Molto repertorio d'opera della prima metà dell'Ottocento,...
Così fan tutte  Las Palmas, Gran Canaria, 11 maggio 2019. Una volta si era soliti dire:...
MADAMA BUTTERFLY Catania, 10 maggio 2019. Madama Butterfly è un gran titolo ed eccolo a Catania il...
LA TRAVIATA Novara, 5 maggio 2019. La Traviata di Giuseppe Verdi, assente dalle scene...
REQUIEM Parma, 3 maggio 2019. L'ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart -...
ARIADNE AUF NAXOS Milano, 30 aprile 2019. Ariadne auf Naxos torna finalmente al Teatro alla Scala...
LA SONNAMBULA Torino,14 Aprile 2019. Assente dalle scene torinesi per oltre vent'anni il...
SERSE Piacenza, 12 aprile 2019. Dopo qualche anno di assenza l’opera barocca torna al...
IL BARBIERE SI SIVIGLIA Parma, 22 marzo 2019. Anche in una città come Parma oggigiorno è più facile...
AGNESE Torino, 17 marzo 2019. Ferdinando Paer, eccellente musicista di collegamento tra il...
CHOVANŠČINA Milano, 6 marzo 2019. La grande opera incompiuta di Modest Petrovič Musorgskij è...
ANDREA CHENIER Reggio Emilia, 1 marzo 2019. Oltre a La forza del destino, l’altra produzione di...
ANNA BOLENA Roma, 28 febbraio 2019. Il quarto titolo del Costanzi per la stagione 2018-2019 è...
SEMIRAMIDE Bilbao, 22 e 25 febbraio 2019. Per questa produzione di Semiramide al Palacio...
RIGOLETTO Torino, 10 e 16 febbraio 2019. Arriva a Torino il Rigoletto con la regia di John...

Visitatori

Visitatori oggi:130
Visitatori mese:2141
Visitatori anno:75037
Visitatori totali:580389

OperaLibera piace a...