Login

b_200_150_16777215_00___images_37579750_2063323657035198_717753451081105408_n.jpgMacerata, 10 agosto 2018. La regia "balneare" di Damiano Michieletto non ha fatto storcere il naso al pubblico marchigiano, ben impressionato da un buon cast vocale.


Visto da Simone Ricci

Sono passati quasi sessant'anni da quando Mina cantava in modo frizzante "Tintarella di luna". Questo titolo è perfetto per descrivere "L'elisir d'amore" rappresentato a Macerata in occasione della cinquantaquattresima edizione del festival organizzato allo Sferisterio: il regista Damiano Michieletto ha deciso di proporre un allestimento del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia e del Teatro Real di Madrid in cui l'azione si svolge in uno stabilimento balneare. La luna con cui "abbronzarsi" era proprio quella della città marchigiana, una scelta registica che non ha preso alla sprovvista il pubblico. Come accaduto anche qualche anno fa, Michieletto ha cancellato i Paesi Baschi del '700 previsti dal libretto di Felice Romani e i villici che seguono con trepidazione le vicende di Nemorino, Dulcamara, Adina e Belcore. La nuova prospettiva ha permesso di variare molto con i particolari della situazione, un Elisir che aveva tutte le caratteristiche di un musical colorato e scanzonato. Non sono mancati però gli elementi che hanno fatto storcere il naso.

 

b_200_150_16777215_00___images_37654643_2063324650368432_1002985738196746240_n.jpgQuesta recensione si riferisce alla recita di venerdì 10 agosto 2018. Il Bar Adina ha fatto da sfondo a entrambi gli atti: Giannetta non era più la villanella della versione originale, ma la barista che serve i bagnanti, Adina la grande protagonista della spiaggia con le sue lezioni di fitness, mentre Nemorino è stato trasformato in un bagnino. Per non far mancare proprio nulla, poi, Belcore è stato "degradato" da militare a semplice marinaio. Mossette, schizzi d'acqua, schiuma party e creme spalmate su petti muscolosi hanno accompagnato le varie azioni, senza dimenticare la sostituzione principale ideata da Michieletto. Meglio lasciar perdere il vino spacciato per elisir d'amore, puntando invece su un Dulcamara che spaccia con atteggiamento trash con tanto di bustine di cocaina da elargire ai bagnanti bisognosi di un cuore palpitante. Gli spettatori maceratesi hanno apprezzato la spiaggia e tutto il resto, nonostante qualche trovata sia sembrata francamente fuori luogo.

 

Ad esempio, lasciare campo libero ai vari personaggi ha messo in secondo piano le scene principali. Le docce aperte in continuazione hanno distolto l'attenzione dai cantanti, come anche la piscina a forma di torta nuziale riempita di schiuma proprio nel momento di "gloria" di Giannetta. Fortunatamente la musica di Gaetano Donizetti ha retto molto bene a queste libertà registiche. Sei anni fa lo stesso Elisir messo in scena al Teatro Massimo di Palermo suscitò calorosi consensi e anche stavolta il bilancio finale può dirsi positivo. Il finale è sembrato fuori luogo, con due poliziotti giunti in spiaggia con tanto di unità cinofila dopo una soffiata sulla presenza della droga e l'arresto di Belcore, mentre Dulcamara riesce a evitare inspiegabilmente le manette. Il versante vocale è stato sicuramente all'altezza della situazione, facendo dimenticare in parte gli eccessi della regia.

 

b_200_150_16777215_00___images_37627635_2063323150368582_5176237994650107904_n.jpgJohn Osborn ha sottolineato in modo appropriato il suo Nemorino in versione bagnino maltrattato ma mai sconfitto. Armato di buona voce e di una presenza scenica non indifferente, la Furtiva lagrima è stata affrontata con l'intensità giusta che ha permesso di sostenere gli acuti e le frasi ampie, tanto da convincere il pubblico marchigiano a richiedere il bis. L'aria più celebre dell'opera è quindi risuonata due volte nella notte di San Lorenzo, con una resa commovente e più convincente proprio nel bis. Mariangela Sicilia è stata una Adina piuttosto aggressiva dal punto di vista femminile, con un dominio della voce che ha garantito delle variazioni di pregevole fattura. Un pizzico in più di seduzione, comunque, avrebbe caratterizzato questa insolita versione della protagonista dell'opera. Anche gli altri tre ruoli principali sono stati ben tratteggiati.

 

Alex Esposito aveva incantato e stupito positivamente qualche mese fa il pubblico del Teatro dell'Opera di Roma ne "La damnation de Faust" e ha confermato la buona impressione suscitata allora. In questa produzione è stato un Dulcamara convincente e sfrontato. La recitazione è stata spigliata e capace di conquistare la simpatia degli spettatori dello Sferisterio, senza tralasciare la voce, potente e impostata in modo corretto. Non è stato da meno lo spessore di Iurii Samoilov, un Belcore distratto continuamente dai bikini delle ragazze: il baritono ucraino poteva forse aggiungere qualche sfumatura in più alla sua rivalità con Nemorino, non del tutto comprensibile nel primo finale del lavoro donizettiano. La Giannetta di Francesca Benitez è apparsa impegnata in diversi tentativi di seduzione, con una consistenza vocale che ha dato lustro alla caratterizzazione del suo personaggio.

 

b_200_150_16777215_00___images_37423095_2063324663701764_1455637289324511232_n.jpgFrancesco Lanzillotta ha sottolineato con i ritmi giusti e le espansioni liriche adeguate la musica del compositore bergamasco, dirigendo con piglio l'Orchestra Regionale delle Marche. Le pause liriche, poi, sono state introdotte puntualmente nel secondo atto, quando c'era bisogno di dare maggiore spazio alla musica e ai sentimenti più profondi. Il Coro Lirico Marchigiano " Vincenzo Bellini" diretto da Martino Faggiani ha indossato senza problemi i costumi da bagno, dimostrando di sapere affrontare una partitura che è piena di ostacoli per quel che riguarda i tempi e gli insiemi. La scena, inoltre, pullulava di figuranti di ogni tipo: giocatori di beach volley, venditori ambulanti di giocattoli, le disinibite collaboratrici di Dulcamara con tanto di parrucca fucsia e le bagnanti pronte a flirtare rendono bene l'idea di quante persone hanno popolato l'Elisir balneare di Michieletto.

 

Gli applausi sono stati scroscianti e ripetuti, qualche timidissima contestazione dalla platea (quasi impercettibile) e rivolta alla regia è stata "soffocata" senza problemi. Quella del 10 agosto è stata l'ultima rappresentazione de "L'elisir d'amore", anche se non l'ultima del Macerata Opera Festival. Subito dopo l'ultima nota è stato organizzato anche un Dj set per rimanere in tema con la regia particolare di quest'opera, uno dei tre eventi proposti per salutare degnamente la conclusione dei tre titoli del Festival. Oltre ai due atti di Donizetti, questo 2018 ha fatto risuonare nel cielo di Macerata anche la musica de "Il flauto magico" di Mozart e "La traviata" di Giuseppe Verdi nell'edizione che prevedeva come sempre un filo comune, quello del "verde speranza".

Locandina

Arena Sferisterio di Macerata- Stagione 2018
L'ELISIR D'AMORE
Melodramma giocoso in due atti
Libretto di Felice Romani
Musica di Gaetano Donizetti
Personaggi: Interpreti:
Adina Mariangela Sicilia
Nemorino John Osborn
Belcore Iurii Samoilov
Dulcamara Alex Esposito
Giannetta Francesca Benitez

Orchestra Regionale delle Marche
Coro Lirico Marchigiano "Vincenzo Bellini"

Maestro del Coro: Martino Faggiani

Direttore Francesco Lanzillotta
Regia Damiano Michieletto

Scene

Paolo Fantin

Costumi

Silvia Aymonino

Luci 

Alessandro Carletti

  
Allestimento del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia e del Teatro Real di Madrid

 

FOTO DI ALFREDO TABOCCHINI

Sono passati quasi sessant'anni da quando Mina cantava in modo frizzante "Tintarella di luna". Questo titolo è perfetto per descrivere "L'elisir d'amore" rappresentato a Macerata in occasione della cinquantaquattresima edizione del festival organizzato allo Sferisterio: il regista Damiano Michieletto ha deciso di proporre un allestimento del Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia e del Teatro Real di Madrid in cui l'azione si svolge in uno stabilimento balneare. La luna con cui "abbronzarsi" era proprio quella della città marchigiana, una scelta registica che non ha preso alla sprovvista il pubblico. Come accaduto anche qualche anno fa, Michieletto ha cancellato i Paesi Baschi del '700 previsti dal libretto di Felice Romani e i villici che seguono con trepidazione le vicende di Nemorino, Dulcamara, Adina e Belcore. La nuova prospettiva ha permesso di variare molto con i particolari della situazione, un Elisir che aveva tutte le caratteristiche di un musical colorato e scanzonato. Non sono mancati però gli elementi che hanno fatto storcere il naso.

Questa recensione si riferisce alla recita di venerdì 10 agosto 2018. Il Bar Adina ha fatto da sfondo a entrambi gli atti: Giannetta non era più la villanella della versione originale, ma la barista che serve i bagnanti, Adina la grande protagonista della spiaggia con le sue lezioni di fitness, mentre Nemorino è stato trasformato in un bagnino. Per non far mancare proprio nulla, poi, Belcore è stato "degradato" da militare a semplice marinaio. Mossette, schizzi d'acqua, schiuma party e creme spalmate su petti muscolosi hanno accompagnato le varie azioni, senza dimenticare la sostituzione principale ideata da Michieletto. Meglio lasciar perdere il vino spacciato per elisir d'amore, puntando invece su un Dulcamara che spaccia con atteggiamento trash con tanto di bustine di cocaina da elargire ai bagnanti bisognosi di un cuore palpitante. Gli spettatori maceratesi hanno apprezzato la spiaggia e tutto il resto, nonostante qualche trovata sia sembrata francamente fuori luogo.

Ad esempio, lasciare campo libero ai vari personaggi ha messo in secondo piano le scene principali. Le docce aperte in continuazione hanno distolto l'attenzione dai cantanti, come anche la piscina a forma di torta nuziale riempita di schiuma proprio nel momento di "gloria" di Giannetta. Fortunatamente la musica di Gaetano Donizetti ha retto molto bene a queste libertà registiche. Sei anni fa lo stesso Elisir messo in scena al Teatro Massimo di Palermo suscitò calorosi consensi e anche stavolta il bilancio finale può dirsi positivo. Il finale è sembrato fuori luogo, con due poliziotti giunti in spiaggia con tanto di unità cinofila dopo una soffiata sulla presenza della droga e l'arresto di Belcore, mentre Dulcamara riesce a evitare inspiegabilmente le manette. Il versante vocale è stato sicuramente all'altezza della situazione, facendo dimenticare in parte gli eccessi della regia.

John Osborn ha sottolineato in modo appropriato il suo Nemorino in versione bagnino maltrattato ma mai sconfitto. Armato di buona voce e di una presenza scenica non indifferente, la Furtiva lagrima è stata affrontata con l'intensità giusta che ha permesso di sostenere gli acuti e le frasi ampie, tanto da convincere il pubblico marchigiano a richiedere il bis. L'aria più celebre dell'opera è quindi risuonata due volte nella notte di San Lorenzo, con una resa commovente e più convincente proprio nel bis. Mariangela Sicilia è stata una Adina piuttosto aggressiva dal punto di vista femminile, con un dominio della voce che ha garantito delle variazioni di pregevole fattura. Un pizzico in più di seduzione, comunque, avrebbe caratterizzato questa insolita versione della protagonista dell'opera. Anche gli altri tre ruoli principali sono stati ben tratteggiati.

Alex Esposito aveva incantato e stupito positivamente qualche mese fa il pubblico del Teatro dell'Opera di Roma ne "La damnation de Faust" e ha confermato la buona impressione suscitata allora. In questa produzione è stato un Dulcamara convincente e sfrontato. La recitazione è stata spigliata e capace di conquistare la simpatia degli spettatori dello Sferisterio, senza tralasciare la voce, potente e impostata in modo corretto. Non è stato da meno lo spessore di Iurii Samoilov, un Belcore distratto continuamente dai bikini delle ragazze: il baritono ucraino poteva forse aggiungere qualche sfumatura in più alla sua rivalità con Nemorino, non del tutto comprensibile nel primo finale del lavoro donizettiano. La Giannetta di Francesca Benitez è apparsa impegnata in diversi tentativi di seduzione, con una consistenza vocale che ha dato lustro alla caratterizzazione del suo personaggio.

Francesco Lanzillotta ha sottolineato con i ritmi giusti e le espansioni liriche adeguate la musica del compositore bergamasco, dirigendo con piglio l'Orchestra Regionale delle Marche. Le pause liriche, poi, sono state introdotte puntualmente nel secondo atto, quando c'era bisogno di dare maggiore spazio alla musica e ai sentimenti più profondi. Il Coro Lirico Marchigiano " Vincenzo Bellini" diretto da Martino Faggiani ha indossato senza problemi i costumi da bagno, dimostrando di sapere affrontare una partitura che è piena di ostacoli per quel che riguarda i tempi e gli insiemi. La scena, inoltre, pullulava di figuranti di ogni tipo: giocatori di beach volley, venditori ambulanti di giocattoli, le disinibite collaboratrici di Dulcamara con tanto di parrucca fucsia e le bagnanti pronte a flirtare rendono bene l'idea di quante persone hanno popolato l'Elisir balneare di Michieletto.

Gli applausi sono stati scroscianti e ripetuti, qualche timidissima contestazione dalla platea (quasi impercettibile) e rivolta alla regia è stata "soffocata" senza problemi. Quella del 10 agosto è stata l'ultima rappresentazione de "L'elisir d'amore", anche se non l'ultima del Macerata Opera Festival. Subito dopo l'ultima nota è stato organizzato anche un Dj set per rimanere in tema con la regia particolare di quest'opera, uno dei tre eventi proposti per salutare degnamente la conclusione dei tre titoli del Festival. Oltre ai due atti di Donizetti, questo 2018 ha fatto risuonare nel cielo di Macerata anche la musica de "Il flauto magico" di Mozart e "La traviata" di Giuseppe Verdi nell'edizione che prevedeva come sempre un filo comune, quello del "verde speranza".

 

 

 

 

 

 

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
L'ITALIANA IN ALGERI Verona, 23 febbraio 2020. Grande successo di pubblico per il secondo titolo...
MADAMA BUTTERFLY Bologna, 22 febbraio 2020. Il Teatro Comunale di Bologna propone come secondo...
NABUCCO Torino, 20 Febbraio 2020. Febbraio all'insegna di Nabucco al Teatro Regio di Torino,...
ADRIANA LECOUVREUR Genova, 16 febbraio 2020. Per la prima volta nella storia del Teatro Carlo Felice...
DONNA DI VELENI Novara, 14 febbraio 2020. Il Teatro Coccia di Novara propone in prima esecuzione...
IL TROVATORE Milano, 12 febbraio 2020. Dopo sei anni di assenza, torna alla Scala di Milano Il...
CAVALLERIA RUSTICANA - PAGLIACCI Reggio Emilia, 9 febbraio 2020. Grande successo per il dittico Cavalleria...
IPHIGéNIE EN TAURIDE Zurigo, 8 febbraio 2020. L’opera di Zurigo propone Iphigénie en Tauride di...
LUCIA DI LAMMERMOOR Verona, 26/30 gennaio 2020. Grandissimo successo di pubblico per il capolavoro...
A HAND OF BRIDGE - IL CASTELLO DEL PRINCIPE BARBABLÙ Venezia, 25 gennaio 2020. La Stagione 2019/2020 del Teatro La Fenice propone un...
FALSTAFF Piacenza, 24 gennaio 2020. Falstaff di Giuseppe Verdi al Teatro Municipale di...
I CAPULETI E I MONTECCHI Roma, 23 gennaio 2020. L'opera di Vincenzo Bellini torna a Roma dopo quasi...
RISURREZIONE Firenze, 19 gennaio 2020. Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino mette in scena in...
ROMéO ET JULIETTE Milano, 18 gennaio 2020. Il Teatro alla Scala di Milano, come seconda opera della...
L'HEURE ESPAGNOLE - GIANNI SCHICCHI Cremona, 17 gennaio 2020. L’inedito dittico composto da L’Heure espagnole di...
IL MATRIMONIO SEGRETO Torino, 15 gennaio 2020. Prosegue con uno scoppiettante e colorato "Il matrimonio...
TURANDOT Parma, 10 gennaio 2020. Parma debutta nel ruolo di Capitale Italiana della...
TOSCA Milano, dicembre 2019 - gennaio 2020. Tosca di Giacomo Puccini è il titolo che...
LA BOHèME Genova, 29 dicembre 2019. Il Teatro Carlo Felice di Genova festeggia il Natale...
MADAMA BUTTERFLY Verona, 17/22 dicembre 2019. Teatro Filarmonico strapieno per il capolavoro...
TOSCA Roma, 21 dicembre 2019. Dal 2015 il Progetto "La Memoria" permette di assistere...
CENDRILLON Novara, 21 dicembre 2019. La favola di Cenerentola, musicata da Pauline Viardot, è il...
CARMEN  Torino, 15 dicembre 2019. Si chiude con una Carmen da ricordare il 2019...
LES VÊPRES SICILIENNES Roma, dicembre 2019. La stagione 2019-2020 del Teatro dell'Opera di Roma si apre...
CAVALLERIA RUSTICANA - SUOR ANGELICA Novara, 14 dicembre 2019. L’inedito dittico Suor Angelica e Cavalleria rusticana,...
LA CENERENTOLA Catania, 11 dicembre 2019. A scrivere questa nota, che non vuol essere  una...
LA SONNAMBULA Cremona, 8 dicembre 2019. La sonnambula di Vincenzo Bellini prosegue la Stagione...
AIDA Brescia, 6 dicembre 2019. Il circuito OperaLombardia prosegue la sua stagione...
DON CARLO Venezia, 3 dicembre 2019. Nel corso della sua lunga e incontrastata carriera...
LUCREZIA BORGIA Bergamo, 24 novembre 2019. Uno dei drammi più discussi e storicamente...
MACBETH Cremona, 22 novembre 2019. Il Macbeth di Giuseppe Verdi nel circuito di Opera Lombardia...
L'ELISIR D'AMORE Verona, 21 novembre 2019. Grandissimo successo al Teatro Filarmonico per il...
LUCIA DI LAMMERMOOR Monte Carlo, 17 novembre 2019. Nel contesto della festa nazionale monegasca, Lucia di...
MACBETH Brescia, 16 novembre 2019. Al Teatro Grande va in scena Macbeth dopo 12 anni di...
L'ANGE DE NISIDA Bergamo, 16 novembre 2019. Poter assistere alla prima mondiale assoluta di...
PIETRO IL GRANDE Bergamo, 15 novembre 2019. Proseguendo il lavoro di ricerca scientifica, nonché...
IDOMENEO, RE DI CRETA Roma, novembre 2019. Il debutto di Michele Mariotti alla direzione dell'orchestra...
DIE ÄGYPTISCHE HELENA Milano, 9 novembre 2019. Per la prima volta alla Scala Die ägyptische Helena,...
ERMIONE Napoli, 7 Novembre 2019. Quando un'opera seria di Gioachino Rossini, soprattutto...
MACBETH Vienna, 1 novembre 2019. “ POLONIO : Che cosa state leggendo,...
WERTHER Vienna, 31 ottobre 2019. E’ raro che io scriva una recensione in prima persona,...
LA TRAVIATA Venezia, 29 ottobre 2019. La Stagione 2018/2019 del Teatro La Fenice chiude con...
VERDI OPERA GALA Piacenza, 27 ottobre 2019. La stagione 2018/2019 del Teatro Municipale di...
IL MATRIMONIO SEGRETO Verona, 27 ottobre 2019. Grande successo domenica, per la prima rappresentazione...
GIULIO CESARE Milano, 25 ottobre 2019. Con il celebre Giulio Cesare in Egitto di Georg...
L'ELISIR D'AMORE Thiene, 20 ottobre 2019. Dopo le fortunate recite al Teatro Olimpico, il Festival...
FERNAND CORTEZ Firenze, 20 ottobre 2019. Opera monumentale di Gaspare Spontini, Fernand Cortez...
QUARTETT Milano, 19 ottobre 2019. Quartett, l'innovativo titolo di Luca Francesconi del 2011,...
LUISA MILLER Parma, settembre e ottobre 2019. Rappresentata nella monumentale Chiesa di San...
ERNANI Novara, 18 ottobre 2019. Il teatro Coccia di Novara inaugura la sua stagione...
I PESCATORI DI PERLE - TOSCA Torino, 17 e 27 ottobre 2019 La stagione operistica 2019/20 del Teatro Regio di...
I DUE FOSCARI Parma, 17 ottobre 2019. Eseguita per la prima volta in versione preliminare in...
NABUCCO Parma, 13 ottobre 2019. Stiamo tutti annegando. Non c'è bisogno di andare...
AIDA Busseto, settembre e ottobre 2019. L’Aida firmata da Franco...
NORMA Tolosa, 5 ottobre 2019. E' ormai invalso l'uso di eseguire la sinfonia delle opere...
Guglielmo tell Cremona, 4 ottobre 2019. Il Teatro Amilcare Ponchielli di Cremona inaugura la sua...
L'Elisir d'amore Milano, 1 ottobre 2019. L'Elisir d'amore, melodramma giocoso di Gaetano Donizetti,...
DON CARLO Madrid, 30 settembre 2019. Il Teatro Real di Madrid inaugura la Stagione...
DON GIOVANNI Roma, 28 settembre 2019. Graham Vick ha completato la trilogia dapontiana al...
L'ITALIANA IN ALGERI Torino, 26 maggio 2019. La stagione d'opera e balletto 2019 del Teatro Regio si...
Rigoletto Milano, 11 settembre 2019. Dopo la pausa estiva il Teatro alla Scala riprende la...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Venezia, 7 settembre 2019. Il Teatro la Fenice, nel proseguire la Stagione...
DEMETRIO E POLIBIO Pesaro, 18 agosto 2019. La prima opera composta da Gioachino Rossini non fu la...
GALA ROF XL Pesaro, 21 agosto 2019. Il Quarantesimo Rossini Opera Festival è festeggiato con...
SEMIRAMIDE Pesaro, 20 agosto 2019. La monumentale Semiramide è una delle poche opere serie...
L'EQUIVOCO STRAVAGANTE Pesaro, 19 agosto 2019. Seconda opera di Gioachino Rossini ad essere andata in...
MACBETH Macerata, 4 agosto 2019. Una Scozia molto "siciliana" ha fatto da sfondo...
AIDA Roma, 13 luglio 2019. Intimismo e psicologia: alle Terme di Caracalla è tornato...
Prima la musica e poi le parole - Gianni schicchi Milano, 10 luglio 2019. Il Teatro alla Scala, come ultima proposta prima della...
Madama butterfly Savona, 6 luglio 2019. Nel complesso monumentale del Priamar va in scena Madama...
I MASNADIERI Milano, 1 luglio 2019. Dopo oltre quaranta anni di assenza I masnadieri torna sul...
IL TROVATORE Verona, 29 giugno 2019. Terzo titolo dell’Opera Festival 2019, Il Trovatore di...
IPHIGENIE EN TAURIDE Parigi, 24 giugno 2019. Ogni volta che si ha la fortuna di ascoltare uno dei...
LE NOZZE DI FIGARO Firenze, 15 giugno 2019. Il debutto assoluto di Sonia Bergamasco nelle regie...
LA CENERENTOLA Roma, 12 giugno 2019. Una interpretazione fiabesca e azzurrina: Emma Dante torna...
ALCINA Salisburgo, 9 giugno 2019. Nell'anno in cui il Festival di Pentecoste di...
POLIFEMO Salisburgo, 8 giugno 2019. Il Festival di Pentecoste di Salisburgo quest'anno è...
die tote stadt Milano, 7 giugno 2019. Per la prima volta viene rappresentata al Teatro alla Scala Die...
TURANDOT Bologna, 30 maggio 2019. Turandot, l’opera incompiuta di Puccini, torna al...
L'ANGELO DI FUOCO Roma, 23 maggio 2019. Dopo 53 anni il lavoro di Prokof'ev è tornato a Roma con un...
IDOMENEO Milano, 16 maggio 2019. Dopo dieci anni di assenza torna al Teatro alla Scala...
LA STRANIERA Firenze, 14 maggio 2019. Molto repertorio d'opera della prima metà dell'Ottocento,...
Così fan tutte  Las Palmas, Gran Canaria, 11 maggio 2019. Una volta si era soliti dire:...
MADAMA BUTTERFLY Catania, 10 maggio 2019. Madama Butterfly è un gran titolo ed eccolo a Catania il...
LA TRAVIATA Novara, 5 maggio 2019. La Traviata di Giuseppe Verdi, assente dalle scene...
REQUIEM Parma, 3 maggio 2019. L'ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart -...
ARIADNE AUF NAXOS Milano, 30 aprile 2019. Ariadne auf Naxos torna finalmente al Teatro alla Scala...
LA SONNAMBULA Torino,14 Aprile 2019. Assente dalle scene torinesi per oltre vent'anni il...
SERSE Piacenza, 12 aprile 2019. Dopo qualche anno di assenza l’opera barocca torna al...
IL BARBIERE SI SIVIGLIA Parma, 22 marzo 2019. Anche in una città come Parma oggigiorno è più facile...
AGNESE Torino, 17 marzo 2019. Ferdinando Paer, eccellente musicista di collegamento tra il...
CHOVANŠČINA Milano, 6 marzo 2019. La grande opera incompiuta di Modest Petrovič Musorgskij è...
ANDREA CHENIER Reggio Emilia, 1 marzo 2019. Oltre a La forza del destino, l’altra produzione di...
ANNA BOLENA Roma, 28 febbraio 2019. Il quarto titolo del Costanzi per la stagione 2018-2019 è...
SEMIRAMIDE Bilbao, 22 e 25 febbraio 2019. Per questa produzione di Semiramide al Palacio...
RIGOLETTO Torino, 10 e 16 febbraio 2019. Arriva a Torino il Rigoletto con la regia di John...

Visitatori

Visitatori oggi:53
Visitatori mese:17351
Visitatori anno:91102
Visitatori totali:596454

OperaLibera piace a...