Login

pirata yonchevaMilano, giugno e luglio 2018. Dopo oltre sessant’anni di assenza Il pirata di Vincenzo Bellini torna sul palcoscenico del Piermarini, proseguendo il nuovo corso belcantista del Teatro alla Scala che ha già visto riproporre titoli come Giovanna d’Arco, La gazza ladra e Anna Bolena.

Visto da Lukas Franceschini

 

Indubbio che i confronti con il passato ci sono e ci saranno sempre, anche per la dose di mistero che circonda l’opera. Cerata nel 1827 alla Scala, l’opera segna il definitivo successo del compositore, che con questo titolo pone l’inizia dell’opera romantica italiana. I personaggi che popolano i nuovi lavori operistici sono figure emblematiche del romanticismo, eroi idealisti con epiloghi tragici. Di pari non è possibile non considerare la voga letteraria del momento, che trova nella città lombarda pirata Alaimo_Yonchevaun fulcro attivissimo anche per la presenza di traduttori rilevanti. Per l’esordio scaligero Bellini aveva a disposizione una compagnia di altissimo livello come Giovanni Battista Rubini, Henriette Méric-Lalande e Antonio Tamburini. Bellini oltre a porre molta perizia nella stesura dello spartito, studio accuratamente le caratteristiche vocali dei tre assi, e scrisse “su misura” laddove la forza espressiva vocale è predominante nell’arcata melodica. Il recitativo non è più un semplice segmento di congiunzione bensì un ragguardevole momento di espressione cui necessita uno spiccato intuito interpretativo. Non meno importante lo stile del protagonista, il quale affronta una tessitura molto acuta, senza le abituali colorature, di tenore con timbro chiaro, forte passione e slancio espressivo. Noi non sappiamo come cantarono i tre “big” nel 1827, e neppure gli atri tre molto più famosi nelle recite del 1958 poiché non esiste una registrazione della serata. Tuttavia dei secondi si possono comprendere lo stile e la vocalità attraverso una vasta discografia. Da questo punto di vista possiamo affermare che il tenore non era sicuramente il cantante stilisticamente ideale per il ruolo ma era l’artista che più di altri avrebbe potuto affrontare la parte, la quale vista sullo spartito è quasi ineseguibile per le difficoltà previste. Diversamente il baritono non pone particolari problemi mentre il ruolo di Imogene è simile ad altri difficili ruoli dello stesso Bellini ma nell’insieme non impossibile.
Il problema si pone quando si vogliono a tutti i costi affrontare titoli per i quali non ci sono i cantanti ideali. Non si tratta di nostalgia del passato, chi scrive non c’era a pirata PrettiMilano nel ’58 (e neppure a Firenze nel ‘67) ma se certe opere sono state riproposte in un preciso momento, questo significa che allora si alla presenza di cantanti di particolare capacità o caratteristiche indispensabili. La Scala, che pare voglia intraprendere una peculiare proposta di belcantismo, dovrebbe prima verificare chi ha a disposizione prima di programmare. Le spese le ha fatte Piero Pretti (un po’ incauto nell’accettare) il quale dopo l’esito non felice ma sorpassato della scorsa Anna Bolena, non era certo il cantante da scritturare per Il Pirata. Pretti è un bravo tenore e la carriera parla da sola ma in quest’occasione era fuori ruolo. Forse ci sarebbero state altre figure, poche per la verità, ma alla Scala fino ad ora non ci sono arrivati o vi hanno fatto una breve e isolata comparsa.
Come dicevo Pretti, Gualtiero, è un serio professionista cui va riconosciuto carattere e coraggio nell’affrontare il ruolo e cercando di fare del suo meglio. Egli è incisivo e interprete nel recitativo, i sovracuti sono lacunosi, ma sorvoliamo, alcuni passaggi non sono del tutto calibrati, ma è lo spessore vocale richiesto che mette a dura prova il cantante. Questo fino alla fine del I atto. L’intervallo protrattosi per quasi tre quarti d’ora, ha visto lo spazientirsi del pubblico, il quale quando è entrato sul palcoscenico il sovrintendente Alexander Pereira ha iniziato un battibecco, fortunatamente subito smorzato. L’annuncio era che il tenore ha avuto un abbassamento di pirata Yonchevapressione, e pertanto era indisposto, avrebbe comunque cercato di portare a termine la recita (non c’era un doppio?) pur adattandosi a cantare seduto. Il secondo atto è stato eseguito ma non è corretto farne una cronaca, al termine il cantante è stato applaudito per la volonterosa prova.
Sonya Yoncheva, Imogene, proclamata troppo azzardatamente star dai teatri esteri, possiede la bella voce che sappiamo ma il tuto si ferma li. Le doti naturali non sono messe al servizio del ruolo mai un accento, una nota filata, la zona grave è poco espressiva e pertanto artefatta. Inoltre la cantante non possiede quel carisma interpretativo belcantista, che non è recitazione attoriale ma recitazione canora, utilizzando colori, accenti e fraseggi di rilevante drammaturgia. Tuttavia nel complesso la prova è superata con professionalità, anche se nel finale, non elettrizzante, si notava un certo affaticamento.
pirata Yoncheva_PrettiDelude molto Nicola Alaimo, Ernesto, per una linea di canto quasi irriconoscibile e uno stile del tutto personale al di fuori del ruolo. La parte non è di enorme difficoltà ed è stato strano trovare il cantante così estraneo a un ruolo, poco gratificante, ma con almeno due momenti importanti. Inoltre, l’interprete è sempre monotono e scontato.
I migliori sono gli artisti che ricoprono i ruoli secondari. La stilizzata e precisa Marina De Liso, Adele, è un lusso anche per la resa teatrale.
Il giovane Riccardo Fassi, Goffredo, eccellente cantante con grande presenza, è artista da tenere d’occhio perché potrebbe riservarci in futuro prove luminose.
Lodevole anche Francesco Pittari, sempre musicale e preciso artista nel ruolo di Itulbo.
Non entusiasma la direzione di Riccardo Frizza, la quale è caratterizzata da lentezza, scarsa incisività nella tavolozza dei colori che penalizzano fortemente una drammaturgia musicale e armonica che proprio in un’opera romantica come questa costituisce tessuto basilare su cui poggia tutta la rappresentazione. A suo favore si deve registrare la quasi integralità dello spartito.
Un vero e proprio successo la prova del Coro del Teatro alla Scala, istruito da Bruno Casoni, il quale più che in altre occasioni assolve il proprio compito in maniera superlativa.pirata Yoncheva_Pretti_Alaimo
Lo spettacolo di Emilio Sagi cade in una banale routine senza lasciare traccia, anzi semina parecchi dubbi. Un cubo a specchi sovrasta il palcoscenico, si solleva e si schiude secondo le esigenze ma senza creare atmosfera. Sullo sfondo compaiono dipinti di brughiera che non trovano corrispondenza con la Sicilia, come non lo trova l’ambientazione spostata nell’ottocento. La recitazione è banale ma corretta, e l’unica scena da ricordare è quella finale. La scena senza riferimenti è di Daniel Bianco, mentre i meravigliosi costumi sono creati da Pepa Ojanguren.
Alla terza rappresentazione cui abbiamo assistito, a parte la querelle menzionata, poco entusiasmo durante la recita ma al termine cordiale consenso alla compagnia di canto.


©  ®

 

 

Visto da William Fratti

 

La sera della prima scorre fluidamente attraverso poche interruzioni per applausi piuttosto tiepidini, che invece si scaldano al termine della rappresentazione arricchiti di forti contestazioni. Piuttosto singolare è il comportamento del personale di sala delle gallerie, che durante l’esecuzione lascia gli spettatori chiacchierare e fotografare indisturbati, mentre interviene cercando di zittirli al momento della protesta.
pirata Yoncheva_Pretti_AlaimoIl malcontento del pubblico colpisce tutta la squadra della produzione capitanata dalla regia di Emilio Sagi, con scene di Daniel Bianco, costumi di Pepa Ojanguren e luci di Albert Faura. Lo spettacolo è piuttosto carino da vedere, abbastanza suggestivo, giocato su colori tenui e freddi, pareti riflettenti, attrezzeria minimalista, con un lavoro di regia che offre qualche controscena. Purtroppo ciò che manca è uno spunto che crei un interesse al di là del semplice raccontare e soprattutto, nel titolo che ha dato il via al Romanticismo nell’opera italiana, si trascura il gesto teatrale naturalmente descritto dalla musica di Bellini.
pirata Yoncheva_PrettiLo scontento del loggione è rivolto anche alla direzione di Riccardo Frizza, che opta per un’edizione piuttosto integrale, col solo taglio di una manciata di frasi, ma con tutti i da capo comprensivi di variazioni. Sfortunatamente non si sentono accenti e colori personali, né sfumature particolarmente belliniane, pertanto il suo accompagnare e lasciar fraseggiare gli interpreti avrebbe funzionato solo se questi avessero fraseggiato.
pirata YonchevaLa star del momento Sonya Yoncheva veste i panni di Imogene, mettendo in mostra la sua inconfutabile bellezza, un carisma assolutamente magnetico e una presenza scenica davvero invidiabile, oltre ad una certa imponenza e importanza vocale di cui è naturalmente dotata. Ed è un peccato che i teatri di tutto il mondo si accontentino di ciò, poiché le carenze e le lacune tecniche sono diverse e si fanno sentire, salvo che si resti ipnotizzati dal suo dolce viso. La zona centrale è morbida, ma i gravi sono snaturati e cambiano colore a causa di un eccessivo spingere che le fa perdere brillantezza negli acuti, spesso non sostenuti, di conseguenza calanti, talvolta urlati. E una cantante di tale livello non dovrebbe essere stonata, soprattutto in un ruolo che non possiede particolari difficoltà. Né dovrebbe atteggiarsi a diva hollywoodiana degli anni trascorsi, ma cercare almeno di esprimere un minimo di raffinatezza, possibilmente in accordo col testo.
pirata PrettiIl temibile ruolo di Gualtiero è eseguito da un discreto Piero Pretti, per il quale si è scelta la tonalità più adeguata alla sua voce. Certamente non ci si potevano aspettare le puntature da contraltino e neppure gli accenti drammatici tanto in voga negli anni cinquanta e sessanta, mentre deve essere riconosciuto il merito di aver eseguito una parte scritta e personalizzata per le corde di un fuoriclasse. Probabilmente troppo concentrato sull’intonazione e sul suono, appena un po’ tirato negli acuti più estremi, perde carattere nelle pagine in cui sarebbe stato necessario un accento più eroico, come pure poco si sentono i fraseggi più dolci e romantici.
pirata Alaimo_YonchevaAltre forti contestazioni sono rivolte a Nicola Alaimo che esegue la parte di Ernesto con una voce poco timbrata, che non corre e che spesso è coperta da altri suoni.
Piuttosto buona è la prova di Riccardo Fassi nel ruolo di Goffredo, come pure Marina De Liso in quello di Adele. Francesco Pittari è un adeguato Itulbo.
Pure buona è la performance del Coro del Teatro alla Scala preparato da Bruno Casoni.

Locandina

Teatro alla Scala - Stagione d'Opera 2017/2018
IL PIRATA

Melodramma in due atti

Libretto di Felice Romani

Musica di Vincenzo Bellini

Personaggi: Interpreti:
Ernesto Nicola Alaimo
Imogene Sonya Yoncheva
Gualtiero Piero Pretti
Itulbo Francesco Pittari
Goffredo Riccardo Fassi
Adele Marina De Liso

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Direttore Riccardo Frizza
M.o del coro Bruno Casoni
Regia Emilio Sagi

Scene

Daniel Bianco

Costumi

Pepa Ojanguren

Luci

Albert Faura

Nuovo Allestimento del Teatro alla Scala in coproduzione con Teatro Real di Madrid e San Francisco Opera

FOTO DI Brescia/Amisano – Teatro alla Scala

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
MACBETH Firenze, 13 luglio 2018. Il celeberrimo Maestro Riccardo Muti torna al Maggio Musicale...
LA TRAVIATA Roma, 7 luglio 2018. Una Traviata che strizza l'occhio alla Dolce Vita di Federico...
IL PIRATA Milano, giugno e luglio 2018. Dopo oltre sessant’anni di assenza Il pirata di Vincenzo...
TURANDOT Verona, 30 giugno 2018. La terza opera in cartellone al 96° Festival dell’Arena è...
RICHARD III Venezia, 29 giugno 2018. Al Teatro La Fenice, in prima rappresentazione italiana,...
FIDELIO Milano, 28 giugno 2018. Fidelio, opera in due atti di Ludwig van Beethoven, è proposta...
LA BOHÈME Roma, 22 giugno 2018. La rivisitazione in chiave contemporanea del catalano Alex Ollè...
CARMEN Verona, 22 giugno 2018. La 96ª Stagione Lirica all’Arena è stata inaugurata con una...
FIERRABRAS Milano, 15 giugno 2018. Franz Schubert è ricordato giustamente come illustre...
DON CARLO Bologna, 6 giugno 2018. Al Teatro Comunale c’era il clima delle grandi attese per il...
L'INGANNO FELICE Vicenza 1 giugno 2018. La XXVIIª edizione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico...
LA BATTAGLIA DI LEGNANO Firenze, 25 maggio 2018. L’unica opera scritta da Giuseppe Verdi a favore della causa...
SALOME   Verona, 24 maggio 2018. La programmazione operistica invernale della...
AIDA Milano, 18 maggio 2018. Alla Scala ritorna l’opera Aida nel celebre allestimento del...
NORMA Venezia, 16 maggio 2018. Le tre recite di Norma previste al Teatro Fenice per il mese...
BILLY BUDD Roma, 10 maggio 2018. Per la prima volta in assoluto l'opera di Benjamin Britten...
CARDILLAC Firenze, 9 maggio 2018. L'ottantunesimo maggio Musicale Fiorentino, il più antico...
FRANCESCA DA RIMINI Milano, 2 maggio 2018. La produzione lirica italiana è sterminata, tuttavia negli...
ANNA BOLENA Verona, 4 maggio 2018. Dopo oltre due lustri torna al Teatro Filarmonico Anna Bolena...
LA TRAVIATA Bolzano, 21 aprile 2018. La stagione d’opera “20.21” 2017-2018 dell’Orchestra Haydn...
I LOMBARDI ALLA PRIMA CROCIATA Torino, aprile 2018. La quarta opera del Cigno di Busseto mancava dal palcoscenico del...
SIMON BOCCANEGRA Bologna, 18 aprile 2018. Ben undici anni sono trascorsi prima che al Teatro Comunale...
ORLANDO FURIOSO Venezia, 13 aprile 2018. Peculiare che tutta la musica strumentale di Antonio Vivaldi...
DON PASQUALE Milano, 6 aprile 2018. Alla Scala una nuova produzione di Don Pasquale di Gaetano...
CAVALLERIA RUSTICANA-PAGLIACCI Roma, 5 aprile 2018. Applausi e contestazioni a scena aperta: la regia di Pippo...
LE NOZZE DI FIGARO Verona, 5 aprile 2018. Il Teatro Filarmonico di Verona ha un rapporto speciale con...
LA GIOCONDA Modena, 23 marzo 2018. Al Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” seconda tappa della...
ROBERTO DEVEREUX Parma, 22 marzo 2018. Strano ma vero, Roberto Devereux, opera in tre atti di Gaetano...
L'ORFEO Torino, 18, Marzo2018.  Quinta opera in cartellone per la stagione 2017/2018 del...
THE TELEPHONE - THE MEDIUM (Gian Carlo Menotti) Modena, 16 marzo 2018. Al Teatro Comunale “L. Pavarotti” un raro dittico del...
ROOMMATES-CIUDADELA Verona, 16 marzo 2018, Al Teatro Camploy va in scena ROOMMATES, uno spettacolo che...
DIALOGUES DES CARMELITES Bologna, 13 marzo 2018. Al Teatro Comunale per la prima volta nel corso della sua...
MANON LESCAUT Verona, 8 marzo 2018. La Stagione Lirica al Teatro Filarmonico della Fondazione Arena...
LA SONNAMBULA Roma, 3 marzo 2018. Dopo oltre 12 anni il Teatro Costanzi è tornato a rappresentare il...
TURANDOT (F. Busoni) - SUOR ANGELICA (G. Puccini) Cagliari, 2 marzo 2018. La Fondazione Teatro Lirico di Cagliari ha inaugurato la...
ORPHEE ET EURIDICE Milano, 28 febbraio 2018. C’è sempre una prima volta, in questo caso al Teatro alla...
ZENOBIA REGINA DEI PALMIRENI Venezia, 24 Febbraio 2018, Zenobia regina dei Palmireni di Tomaso Albinoni in prima...
GAIA e CURON/GRAUN Bolzano, 22 febbraio 2018 e Trento, 23 febbraio 2018. La Stagione d'Opera 2017-2018,...
ROSSINI OUVERTURES Catania 20 febbraio 2017. Scrive il coreografo e regista Mauro Astolfi nelle note di...
SALOME  Torino, 18 Febbraio 2018.Terzo titolo in cartellone per la stagione operistica...
SIMON BOCCANEGRA Milano. 16 febbraio 2018. Dal 2010 il Teatro alla Scala propone l'opera di Giuseppe...
DIE LUSTIGE WITWE (La vedova allegra) Venezia, 13 febbraio 2018. Per il carnevale 2018 il Teatro La Fenice ha allestito una...
OTELLO Verona, 8 febbraio 2018. La Stagione Lirica al Teatro Filarmonico prosegue con Otello...
DIE FLEDERMAUS (Il Pipistrello) Milano, 31 gennaio 2018. Una delle più celebri operette, Die Fledermaus di Johann...
I MASNADIERI Roma, 27 gennaio 2018. A distanza di quasi mezzo secolo il Teatro dell'Opera di Roma...
LA TRAVIATA Treviso, 26 gennaio 2018. Il Teatro Comunale “M. Del Monaco” chiude la stagione...
LE METAMORFOSI DI PASQUALE Venezia, 21 gennaio 2018. Al Teatro Malibran, nell'ambito della stagione lirica del...
LA BOHEME Bologna, 19 gennaio 2018. La Stagione d’Opera 2018, denominata “ON”, del Teatro...
TURANDOT Torino, 16 gennaio 2017. Turandot al teatro Regio di Torino si è dimostrata una...
CARMEN Firenze, 14 gennaio 2018. Recita domenicale all’insegna dell’esaurito al Teatro...
IRIS Pisa, 13 gennaio 2018. Iris di Pietro Mascagni torna al Teatro Verdi nell’ambito di un...
TOSCA Bologna, 21 dicembre 2017. La stagione d’opera 2017 del Teatro Comunale si è terminata...
DIE LUSTIGE WITWE (La vedova allegra) Verona, 19 dicembre 2017. Dopo la forzata pausa autunnale, la Fondazione Arena...
LA DAMNATION DE FAUST Roma, 17 dicembre 2017. La regia di Damiano Michieletto ha attirato reazioni...
TOSCA Rovigo, 15 dicembre 2017. Al Teatro Sociale un nuovo allestimento dell’opera Tosca di...
ANDREA CHENIER Milano, 13 dicembre 2017. La stagione d'opera 2017-2018 del Teatro alla Scala è stata...
LA CENERENTOLA Bergamo, 9 dicembre 2017. La stagione lirica di Bergamo e il contestuale Festival...
DON PASQUALE Vienna, 2 dicembre 2017. Saldamente in mano al M° Evelino Pidò, che ne ha...
DIE ANTILOPE Bolzano, 2 dicembre 2017. Inaugurata al Teatro Comunale di Bolzano la Stagione lirica...
CHE ORIGINALI! - PIGMALIONE Bergamo, 1 dicembre 2017. Al Festival Donizetti è stato allestito un dittico davvero...
UN BALLO IN MASCHERA Venezia, 29 novembre 2017. Il Teatro La Fenice ha inaugurato la Stagione Lirica e di...
FALSTAFF   Torino, 26 Novembre 2017. Secondo titolo della stagione operistica...
IL BORGOMASTRO DI SAARDAM Bergamo, 24 novembre 2017. Il Donizetti Festival 2017 è stato inaugurato dal...
CARMEN (balletto) Catania, 24 novembre 2017. Se è vero che il personaggio di Carmen la gitana,...
LA CIOCIARA Cagliari, 24 novembre 2017. Il Teatro Lirico, nelle figure del Sovrintendente Claudio...
TI VEDO, TI SENTO, MI PERDO (in attesa di Stradella) Milano, 21 novembre 2017. L'ultimo titolo della stagione d'opera 2016-2017 è una nuova...
NABUCCO Milano 16 novembre 2017. Nabucco di Giuseppe Verdi è stato il penultimo titolo...
AIDA Bologna, 12 novembre 2017. Penultimo appuntamento operistico della Stagione Lirica...
DIE ZAUBERFLOTE Brescia, 12 novembre 2017. Seconda replica di Die Zauberflöte di Wolfgang Amadeus...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Rovigo, 5 novembre 2017. La 202ª Stagione Lirica al Teatro Sociale è stata inaugurata...
IL TROVATORE Padova, 27 ottobre 2017. Inaugurata la Stagione Lirica al Teatro Comunale “G. Verdi”...
LA RONDINE Firenze, 22 ottobre 2017. Per la prima volta a Firenze è andata in scena l’opera La...
DER FREISCHUTZ Milano, 20 ottobre 2017. Dopo quasi vent’anni torna nella sala del Piermarini Der...
DON GIOVANNI Venezia, 19 ottobre 2017. L'opera Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, nella...
TRISTAN UND ISOLDE Torino, 15 Ottobre 2017. Il capolavoro di Richard Wagner "Tristano e Isotta"...
JÉRUSALEM Parma, ottobre 2017. L’edizione critica di Jérusalem, rifacimento francese de I...
FRA DIAVOLO Roma, 8 ottobre 2017. A distanza di quasi un secolo e mezzo è tornato nella Capitale...
STIFFELIO Parma, 6 ottobre 2017. Strepitoso allestimento di Stiffelio al Verdi Festival ideato...
FALSTAFF Parma, 5 ottobre 2017. Il Festival Verdi 2017 presenta tre titoli: Jérusalem, Stiffelio...
CEFALO E PROCRI - ECCESSIVO E' IL DOLOR QUAND'EGLI E' MUTO Venezia, 29 settembre 2017. Il teatro La Fenice si conferma ancora una volta molto...
ETTORE MAJORANA. CRONACA DI INFINITE SCOMPARSE Como, 28 settembre 2017. La musica d'oggi inaugura la Stagione 2017-2018 del...
TAMERLANO   Alla Scala torna in scena il repertorio barocco. Con piacere si riscoprono...
HANSEL UND GRETEL Milano, 21 settembre 2017. Dopo quasi sessant'anni dall'ultima rappresentazione la...
LA FINTA TEDESCA - LA DIRINDINA   Vicenza, 8 settembre 2017. E’ ormai prassi consolidata che al Festival...
L'OCCASIONE FA IL LADRO   Venezia, 7 settembre 2017. Il ciclo delle cinque farse di Gioachino Rossini,...
ORFEO   Vicenza, 6 settembre 2017. La quinta edizione di “Vicenza in Lirica 2017 –...
LUCREZIA BORGIA Salisburgo, 30 agosto 2017. Lucrezia Borgia è indubbiamente uno dei capolavori...
ARIODANTE Salisburgo, 28 agosto 2017. La messinscena del celebre – e al tempo stesso...
TOSCA   Verona, 25 agosto. L’ultimo titolo del lungo cartellone operistico all’Arena è...
TORVALDO E DORLISKA Pesaro, agosto 2017. La terza opera proposta del Festival pesarese è stata il dramma...
LA PIETRA DEL PARAGONE Pesaro, agosto 2017. Il Festival 2017 potrebbe avere essere sottotitolato “le...
LE SIEGE DE CORINTHE Pesaro, agosto 2017. Il Rossini Opera Festival Per la seconda volta nel corso della...
IL VIAGGIO A REIMS Pesaro, 16 agosto 2017. Come di consuetudine, accanto ai tre titoli principali,...
AIDA (Edizione storica 1913)   Verona, 16 agosto 2017. Aida è titolo principe all’Arena di Verona, e anche...
IL RITORNO DI ULISSE IN PATRIA   Innsbruck, 14 agosto 2017. All’Innsbrucker Festwochen der Alten Musik,...
TURANDOT Macerata, 13 agosto 2017. Il progetto creativo di Stefano Ricci e Gianni Forte ha...

Visitatori

Visitatori oggi:86
Visitatori mese:5717
Visitatori anno:66835
Visitatori totali:271277

OperaLibera piace a...