Login

inganno 2Vicenza 1 giugno 2018. La XXVIIª edizione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico prosegue con il Progetto Rossini, il quale iniziato nel 2017 si sviluppa nel mettere in scena le cinque farse che il pesarese compose per il Teatro San Moisé di Venezia. Il titolo dell’odierna edizione è L’inganno felice


Visto da Lukas Franceschini

 

La farsa in un atto, su libretto di Giuseppe Maria Foppa, fu rappresentata l’8 gennaio 1812 con due illustri protagonisti: Teresa inganno 1Belloc Giorgi e Filippo Galli, i quali segneranno in futuro altri successi sia buffi sia seri di Rossini. Il titolo pur rientrando nell’ambito dell’opera semiseria è sempre stato associato alle farse, forse perché coevo deii primi lavori, le farse appunto, andate in scena in breve tempo nello stesso teatro. Infatti, dopo l'iniziale successo, l’opera ebbe poca circolazione e fortuna, sia perché eclissata da altre più celebri opere buffe, sia perché rappresentava un soggetto più drammatico e quasi tragico. Nel secolo scorso dopo una ripresa nel 1973 al Teatro Animosi di Carrara e relativa tournée in alcuni teatri della Toscana, sarà sdoganata nel 1980 al Rossini Opera Festival diretta da Alberto Zedda con la presenza inganno 4di Sesto Bruscantini ed Enzo Dara in locandina.
Ardua impresa per un regista allestire uno spettacolo al Teatro Olimpico, vincoli e limitazioni imperano, ma Alberto Triola ha saputo realizzare una messa in scena piacevole giocando in prefetto equilibrio tra dramma e farsa, in collaborazione con lo scenografo Giuseppe Cosaro, il quale è anche costumista assieme a Sara Marcucci, e al disegno luci di Giuliano Almerighi.
Il regista basa la sua drammaturgia su un ingrediente psicoanalitico poiché l’antefatto della trama offre questa possibilità, e la protagonista femminile si trova nella condizione traumatica del rapporto difficoltoso con il mondo maschile, tanto da isolarsi in se stessa. Idea molto originale e azzeccata poiché la stessa farsa come suddetto ha forte tratto drammatico, e la sapienza del regista è stata il giusto mix narrativo. Indicativa è la levità e l’ironia attraverso le quali Triola riesce a costruire una visione ora inganno 5sorridente ora più amara tenendo sempre presente il filo conduttore rossiniano. Rilevante che l’aggiunta di mimi, dei “doppi dei protagonisti”, non è una forzatura ma una delicata visione che contraddistingue un lavoro registico di alto livello, il quale trova spazio anche durante la sinfonia con un racconto attoriale di chiara comprensione.
La scena è ovviamente delimitata da pochi elementi, la botola sul palcoscenico è la miniera, la sedia emblema dello psicologo, la barca del salvataggio. Belli ed eleganti i costumi che s’ispirano sia all’antico sia al moderno. Molto efficace il progetto luci, che inquadra la peculiare drammaturgia in modo differente e con effetti notevolmente teatrali.
inganno 6L’artefice musicale dell’intero progetto Rossini è Giovanni Battista Rigon, direttore, concertatore e maestro al cembalo. L’innata qualità musicale del direttore è parallela a una visione artistica della manifestazione, la quale nel corso degli anni è cresciuta notevolmente tanto da esser oggi considerata un appuntamento irrinunciabile d’inizio estate. Inoltre, Rossini è un autore che Rigon ama molto, si nota durante l’esecuzione, avendo già proposto altri titoli peculiari del pesarese nelle passate edizioni delle Settimane.
Sul podio dell’Orchestra di Padova e del Veneto, in serata molto brillante e pulita, Rigon si prodiga in una lettura molto scrupolosa e bilanciata nel perfetto equilibrio farsesco che contraddistingue la particolare farsa. In particolare si evidenziano tempi serrati e inganno 8vivaci negli importanti assiemi (duetti, terzetti), tinte più drammatiche negli assoli. L’accompagnamento dei cantanti è esemplare, in taluni casi anche di vero supporto, e l’esecuzione al cembalo ammirevole considerando quanto sono lunghi e importanti i recitativi in questo spartito. La leggerezza dinamica, che potremo definire il comune denominatore dell’intera produzione, perfettamente azzeccata.
La compagnia di canto era ben assortita, e presentava, come di consueto, alcune novità di forte interesse.
La parte del leone la facevano i due bassi-baritoni Sergio Foresti e Daniele Caputo, rispettivamente Batone e Tarabotto. Foresti che abbiamo apprezzato per anni nel repertorio barocco, credo canti il suo primo Rossini, ed è un approccio felice per stile e carattere, vocalmente preciso e ed elegante. Caputo possiede di suo una vis teatrale d’indiscusso valore, e non scade mai nella banale macchietta ma si colloca nel raffinato gesto e sguardo teatrale. L’accento e l’uso del colore permettono al giovane cantante di esprimere un canto forbito e di grande eleganza, perfettamente calibrato nei registri e di ammirevole scioltezza.
inganno 9La protagonista femminile Isabella era interpretata da Eleonora Bellocci, un giovane soprano con buone caratteristiche cui si ammirano fraseggio e buon uso dei fiati, e uno spiccato accento, tuttavia è il registro acuto che deve essere migliorato perché spesso forzato e non del tutto calibrato. Considerata la giovane età avrà tempo e occasione.
Patrick Kabongo era Bertrando, un giovane tenore che può vantare solo un buon colore, ma è carente sia nel gusto sia nell’uniformità vocale dei registri soprattutto in acuto.
Buona la prova di Lorenzo Grante, Ormondo, preciso e puntuale, che speriamo di ascoltare in qualche ruolo più impegnativo.


Il teatro era esaurito in ogni ordine di posto, con la presenza di molti giovani, e al temine trionfale successo per tutta la compagnia.

 

©  ®

 

Locandina

SETTIMANE MUSICALI AL TEATRO OLIMPICO - XXVIIa Edizione 2018
L'INGANNO FELICE
Farsa in un atto
Libretto di Giuseppe Maria Foppa
Musica di Gioachino Rossini
Personaggi: Interpreti:
Bertando, Duca Patrick Kabongo
Isabella, sua moglie Eleonora Bellocci
ormondo, intimo del duca Lorenzo Grante
Batone, confidente d'Ormondo Sergio Foresti
Tarabotto, capo de' minatori Daniele Caputo

Orchestra di Padova e del Veneto

Direttore e maestro al cembalo Giovanni Battista Rigon
Regia Alberto Triola

Scene

Giuseppe Cosaro

Costumi

Giuseppe Cosaro e Sara Marcucci

Luci

Giuliano Almerighi
  
Nuovo allestimento

 

FOTO di Alessandro Della Pozza - Settimane Musicali Teatro Olimpico

Collega la pagina al tuo social: