Login

Manon 0256_II_AttoTorino, marzo 2017. Capita a volte che lo spettatore sia colto da qualche perplessità riguardo alle regie teatrali d'Opera. Sono divenute spesso talmente insolite, trasposte arbitrariamente in termini temporali, cinematografiche, che trovarsene davanti una “regolamentare” e ambientata nel “tempo” richiesto dal libretto diventa gradevole, ma perfino inconsueto. In effetti, però, c'è regia e regia anche in questo caso. 


Visto da Natalia Di Bartolo

14 marzo 2017. Capita a volte che lo spettatore sia colto da qualche perplessità riguardo alle regie teatrali d'Opera. Sono divenute spesso talmente insolite, trasposte arbitrariamente in termini temporali, cinematografiche, che trovarsene davanti una “regolamentare” e ambientata nel “tempo” richiesto dal libretto diventa gradevole, ma perfino inconsueto. In effetti, però, c'è regia e regia anche in questo caso.

 

cattura.jpgp

Se è pur vero che ormai, perfino nelle recensioni, si cita prima il nome del regista e poi quello dell'autore dell'Opera, e lo si chiama “direttore” nominandolo prima anche del direttore d'orchestra, è vero pure che tale “direttore” debba dirigere ormai cavalcando la cresta dell'onda della qualità, o si troverà sommerso. Dunque in questa sede, per questa volta, si fa una deroga alla canonica disposizione dei protagonisti e si accenna per prima alla regia.

Questo perché una regia teatrale statica con interpreti che non abbiano una fisicità flessuosa e reattiva, come si è visto nella Manon Lescaut di Giacomo Puccini al Teatro Regio di Torino il 14 marzo 2017, non rende merito agli stessi. Anzi! Proprio per questo, il regista Vittorio Borrelli avrebbe dovuto congegnare il lavoro non solo facendo attenzione alle masse, ma in modo soprattutto da evitare per i protagonisti l'effetto “fai da te”. Se avesse “diretto” gli interpreti principali in maniera più dinamica e meno rilassata, lasciando loro meno spazio all'improvvisazione personale, non avrebbe potuto che giovare ai professionisti in scena ed all'intero spettacolo.

Si tornerà sull'argomento, ma è il momento di parlare del vero “direttore” dell'opera pucciniana, quello che stava sul podio: il M° Gianandrea Noseda. I suoi chiaroscuri sono stati curati con estrema attenzione, alla guida dell'ottima orchestra del Regio, pur sembrando rimanere emotivamente in superficie in alcuni punti, in particolare nel celeberrimo Intermezzo, diretto come un pezzo solo sinfonico e dunque con uno spirito non del tutto aderente all'affondo emotivo che questo richiede rispetto alle altre parti dell'opera. Forse un po' troppo tecnico, il Maestro sembrava in piena empatia con l'orchestrazione pucciniana più che con lo spirito dell'opera: si è beato ad esaltare la perfezione della partitura, a volte trascurando un po' il cuore. Al debutto nella direzione della Manon Lescaut, il M° Noseda ha però retto con ottimo polso l'intero spettacolo e dato sicuramente grande appoggio agli interpreti sul palcoscenico, seguendoli in maniera ammirevole e mai sovrastandoli con le sonorità pucciniane proprompenti, che ha saputo ben tenere a bada.

Giungendo alle voci, si rileva, se ce ne fosse bisogno, come Maria José Siri, Manon Lescaut, abbia una voce dal colore particolarmente scuro. E' quanto di più adorabile ci sia in un soprano, quando poi, come lei, si sia capaci di raggiungere picchi acuti con uno squillo impensato in una voce così brunita. Dunque in quest'opera, soprattutto al secondo atto, la sua vocalità non viene esaltata dal carattere giocoso richiesto dalla partitura al soprano. Inserita in tale contesto, anche la celeberrima “In quelle trine morbide” si rivela poco entusiasmante da cantare per il soprano uruguyano, che ha un gran temperamento e gran desiderio di sfoderarlo con costanza nell'intero arco dell'opera. Appena si toccano le corde del dramma, infatti, ecco i brividi, tutta l'intensità, tutta la proiezione, in un'opera in cui al quarto atto “Sola...perduta...abbandonata...” si è dimostrato un vero pezzo di bravura che sembrava fatto apposta per lei.

Gregory Kunde, De Grieux, si presenta e ripresenta a stupire l'ascoltatore con la freschezza di una voce che nel tempo ha subito una metamorfosi sorprendente e che adesso lo vede debuttare in Italia in questo ruolo pucciniano, lui che è partito dai sovracuti squillanti di Bellini. Molto bravo, Il Kunde, sempre. Ineccepibile vocalmente, con una rotondità come rinnovata ed uno squillo che comunque è ancora il suo pezzo forte.

A questo punto, chi scrive non ritiene di avere doti di preveggenza, ma dire che aveva previsto fin dall'inizio un grande quarto atto, conoscendo bene le doti vocali di entrambi gli interpreti è dire il vero. Sono dei grandi solisti e lo hanno dimostrato proprio da solisti.cattura.jpgnnn

Apprezzabile vocalmente il Lescaut di Dalibor Jenis, gradevole il Geronte di Carlo Lepore, altrettanto l'Edmondo di Francesco Marsiglia, corretti gli altri interpreti, fatta eccezione per il lampionaio Cullen Gandy, un po' debordante vocalmente.

Per tornare al momento opportuno alla regia di Vittorio Borrelli, a cui sopra si accennava, pur considerando positivamente il fatto che che, dal punto di vista registico, quello di Torino sia stato il primo atto della Manon Lescaut più “ordinato” che chi scrive abbia mai visto su un palcoscenico, con un Coro mai chiassoso, a onor del vero, e molto ben calibrato dalla direzione di Claudio Fenoglio, allo stesso modo, si considera meno positivo il fatto che l'ultimo atto sia stato il meno aderente a quell'interiorizzazione che invece la musica ed il canto dovrebbero imporre alla regia.

Il regista ha poi reso il fratello Lescaut curiosamente accudente la sorella, al finale del terzo atto: dopo avergli fatto abbracciare i due amanti disperati che partono per le Americhe, gli ha fatto accennare perfino un saluto con la mano, da lontano. Sembrava la partenza per una crociera, non una scena di deportazione. 

Il libretto, invece, recita tutto il contrario: “Lescaut, in disparte, guarda, crolla il capo e si allontana”. A parte il fatto che si capiva che si trattasse del porto di Le Havre solo dall'albero di trinchetto del veliero che occhieggiava nel buio dello sfondo. Il momento del dirigersi verso la nave è decisamente il più emozionante ed è mancato, anche per la concezione scenica ideata da Thierry Flamand, per il resto positivamente ortodossa.

cattura.jpgnn

Così come è mancata la giusta illuminazione, soprattutto al quarto atto, facendo morire Manon in una landa visivamente piatta, sotto le luci troppo accese e con i pochi charoscuri di Andrea Anfossi. L'intero spettacolo non godeva nel complesso di luci che rendessero piena giustizia all'azione scenica, nonostante la diversificazione dei quattro atti, ciascuno illuminato in maniera anche simbolica. In compenso, i costumi di Christian Gasc erano gradevoli e curati. Finalmente, alla frase di Lescaut al primo atto “Ecco il vostro tricorno!”, Geronte si è visto porgere davvero un tricorno e non un cappello stile borsalino.

Una Manon Lescaut apprezzabile , quindi, nel complesso, e debitamente applaudita dal pubblico torinese, nonché trasmessa in diretta nei cinema di alcune città fortunate e in semi-differita da RAI 5, che ha graziato molti telespettatori internauti concedendo anche lo streaming di questa prima dal Teatro Regio.

Visto da Mirko Gragnato

16 marzo 2017. ....................................

.............................................................

Visto da William Fratti

Manon 0156_I_Atto22 marzo 2017. La serata al Teatro Regio di Torino si apre con un annuncio, esposto da alcuni dei dipendenti della Fondazione – tra cui Coro e Orchestra – al fine di sensibilizzare il pubblico in merito alle problematiche che stanno affliggendo pressoché tutti i teatri lirici italiani a causa dell’applicazione dell’ultima riforma. Si tratta di un genere di protesta molto intelligente, poiché mira a coinvolgere gli spettatori circa questioni che li interessano in quanto fruitori dell’arte e della cultura prodotta dalla lirica. Il Regio di Torino ha ben ragione di protestare, poiché si tratta di un teatro molto ben frequentato e ciò significa soltanto che la qualità è alta al punto da soddisfare un pubblico che continua ad acquistare biglietti.
Manon 1299_II_AttoManon Lescaut torna sul palcoscenico del Mollino nell’allestimento firmato da Thierry Flamand con i costumi di Christian Gasc. L’efficace regia del bravo Vittorio Borrelli sostituisce l’originale ideata da Jean Reno, pur non discostandosene troppo. La scenografia è sempre bellissima, ma poco funzionale, costringendo lo spettacolo a tre pause che quasi pareggiano la durata della musica. Pure i costumi sono sempre preziosi e raffinati, le luci ben riuscite e suggestive curate da Andrea Anfossi, i movimenti mimici raffinati assistiti da Anna Maria Bruzzese.
Manon 0198_II_AttoGianandrea Noseda e la sua bravissima Orchestra del Teatro Regio eccellono in un’esecuzione precisa e pulitissima, ma al tempo stesso toccante e struggente fino alle lacrime. Emblematici in quanto ad accuratezza certi passaggi di primo e secondo atto, ma assolutamente significativi in termini di emozioni e passione pucciniana sono tutto il terzo e il quarto, sfortunatamente separati da una pausa che distoglie l’attenzione. Sempre ottimo il Coro preparato da Claudio Fenoglio.
Maria José Siri continua la sua sfavillante carriera e ottiene a Torino l’ennesimo successo, ma l’impressione che si ha della cantante è sempre la stessa: brava, ma nulla di più. Non si percepisce il pathos di Manon, né l’ardore pucciniano, neppure brilla nelle numerose note acute, tantomeno si prodiga in un fraseggio che invece dovrebbe trasmettere sentimento e tormento.
Manon 1494_III_AttoGregory Kunde, negli ultimi anni eccellente interprete del repertorio lirico spinto, rende magnificamente certi passaggi di Des Grieux, come la celebre “No! Pazzo son!” e anche altri momenti di secondo e quarto atto, mentre resta un poco sottotono nei momenti più lezzosi, ma è poca cosa in confronto ad un’interpretazione che dimostra lucentezza e vigore.
Buona la parte di Lescaut a cura di Dalibor Jenis, ma senza particolare pregio. Eccellente Carlo Lepore nei panni di Geronte. Bravo Francesco Marsiglia nel ruolo di Edmondo.
Adeguate le parti di contorno: il maestro di ballo di Saverio Pugliese, il musico di Clarissa Leonardi, il lampionaio di Cullen Gandy, il sergente e l’oste di Dario Giorgelè, il comandante di Cristian Saitta.
Successo entusiastico per tutti al termine della bella serata.

Locandina

 

Teatro Regio di Torino - Stagione 2016-2017
MANON LESCAUT
Dramma lirico
Libretto di Luigi Illica, Marco Praga, Domenico Oliva, Ruggero Leoncavallo

Musica di Giacomo Puccini

Personaggi: Interpreti:
Manon Lescaut Maria José Siri
de Grieux Gregory Kunde
Lescaut Dalibor Jenis
Geronte Carlo Lepore
Edmondo Francesco Marsiglia
Il maestro di ballo Saverio Pugliese 
Un musico Clarissa Leonardi
Un lampionaio Cullen Gandy
Sergente/Oste Dario Giorgelè
Comandante Cristian Saitta

Orchestra del Teatro Regio
Coro del Teatro Regio

Maestro del Coro: Claudio Fenoglio

Direttore Gianandrea Noseda
Regia Vittorio Borrelli

Scene

Thierry Flamand

Costumi

Christian Gasc

Luci 

Andrea Anfossi

  
Allestimento del Teatro Regio di Torino

 

Natalia Di Bartolo © dibartolocritic

FOTO DI © Ramella & Giannese | Teatro Regio Torino

 

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
DIE ZAUBERFLOTE Brescia, 12 novembre 2017. Seconda replica di Die Zauberflöte di Wolfgang Amadeus...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Rovigo, 5 novembre 2017. La 202ª Stagione Lirica al Teatro Sociale è stata inaugurata...
IL TROVATORE Padova, 27 ottobre 2017. Inaugurata la Stagione Lirica al Teatro Comunale “G. Verdi”...
LA RONDINE Firenze, 22 ottobre 2017. Per la prima volta a Firenze è andata in scena l’opera La...
DER FREISCHUTZ Milano, 20 ottobre 2017. Dopo quasi vent’anni torna nella sala del Piermarini Der...
DON GIOVANNI Venezia, 19 ottobre 2017. L'opera Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, nella...
JÉRUSALEM Parma, ottobre 2017. L’edizione critica di Jérusalem, rifacimento francese de I...
FRA DIAVOLO Roma, 8 ottobre 2017. A distanza di quasi un secolo e mezzo è tornato nella Capitale...
STIFFELIO Parma, 6 ottobre 2017. Strepitoso allestimento di Stiffelio al Verdi Festival ideato...
FALSTAFF Parma, 5 ottobre 2017. Il Festival Verdi 2017 presenta tre titoli: Jérusalem, Stiffelio...
CEFALO E PROCRI - ECCESSIVO E' IL DOLOR QUAND'EGLI E' MUTO Venezia, 29 settembre 2017. Il teatro La Fenice si conferma ancora una volta molto...
ETTORE MAJORANA. CRONACA DI INFINITE SCOMPARSE Como, 28 settembre 2017. La musica d'oggi inaugura la Stagione 2017-2018 del...
TAMERLANO   Alla Scala torna in scena il repertorio barocco. Con piacere si riscoprono...
HANSEL UND GRETEL Milano, 21 settembre 2017. Dopo quasi sessant'anni dall'ultima rappresentazione la...
LA FINTA TEDESCA - LA DIRINDINA   Vicenza, 8 settembre 2017. E’ ormai prassi consolidata che al Festival...
L'OCCASIONE FA IL LADRO   Venezia, 7 settembre 2017. Il ciclo delle cinque farse di Gioachino Rossini,...
ORFEO   Vicenza, 6 settembre 2017. La quinta edizione di “Vicenza in Lirica 2017 –...
LUCREZIA BORGIA Salisburgo, 30 agosto 2017. Lucrezia Borgia è indubbiamente uno dei capolavori...
ARIODANTE Salisburgo, 28 agosto 2017. La messinscena del celebre – e al tempo stesso...
TOSCA   Verona, 25 agosto. L’ultimo titolo del lungo cartellone operistico all’Arena è...
TORVALDO E DORLISKA Pesaro, agosto 2017. La terza opera proposta del Festival pesarese è stata il dramma...
LA PIETRA DEL PARAGONE Pesaro, agosto 2017. Il Festival 2017 potrebbe avere essere sottotitolato “le...
LE SIEGE DE CORINTHE Pesaro, agosto 2017. Il Rossini Opera Festival Per la seconda volta nel corso della...
IL VIAGGIO A REIMS Pesaro, 16 agosto 2017. Come di consuetudine, accanto ai tre titoli principali,...
AIDA (Edizione storica 1913)   Verona, 16 agosto 2017. Aida è titolo principe all’Arena di Verona, e anche...
IL RITORNO DI ULISSE IN PATRIA   Innsbruck, 14 agosto 2017. All’Innsbrucker Festwochen der Alten Musik,...
TURANDOT Macerata, 13 agosto 2017. Il progetto creativo di Stefano Ricci e Gianni Forte ha...
LA SPOSA E I SUOI CARNEFICI Volterra, 8 agosto 2017. In scena a Volterra, in prima assoluta, con...
NABUCCO   Verona, 4 agosto 2017. Sono stato ancora una volta all'Arena per assistere a...
CARMEN Roma, 30 luglio 2017. Il capolavoro di Bizet mantiene intatto il proprio fascino...
LUCIA DI LAMMERMOOR   Padova, 27 luglio 2017. E’ ormai assodato l’appuntamento estivo al Castello...
PLACIDO DOMINGO - Antologia de la Zarzuela   Verona, 21 luglio 2017. Arena traboccante di pubblico, quasi un tutto...
MADAMA BUTTERFLY   Verona, 13 luglio 2017. La Stagione del 95° Opera Festival all’Arena prosegue...
AIDA   Verona, 9 luglio 2017. Come di tradizione Aida, l’opera in quattro di Giuseppe...
TOSCA Roma, 8 luglio 2017. La prima recita del capolavoro pucciniano alle Terme di...
OTELLO Londra, 8 luglio 2017, Alla Royal Opera House va in scena Otello, di Verdi, con...
MITRIDATE RE DI PONTO Londra, 7 luglio 2017 tra un cartellone che comprende Turandot e Otello va in scena...
RIGOLETTO   Verona, 6 luglio 2017. La terza opera del 95° Festival Opera è Rigoletto di...
DIE ENTFUHRUNG AUS DEM SERAIL   Milano, 29 giugno 2017. Al Teatro alla Scala è stato allestito Die Entführung...
NABUCCO   Verona, 23 giugno 2017. Il 95° Opera Festival all'Arena di Verona è stato...
L'INCORONAZIONE DI POPPEA Venezia, 21 Giugno 2017. L’incoronazione di Poppea alla Fenice è una delle tre opere...
LUCIA DI LAMMERMOOR Bologna, 16 giugno 2017. Importante proposta al Teatro Comunale: Lucia di Lammermoor...
LA BOHEME Milano, 15 giugno 2017. Al teatro alla Scala l’ennesima proposta dell'opera La...
RIGOLETTO Forte Arena - Santa Margherita di Pula (Cagliari), 10 giugno 2017. E' stato...
LA CAMBIALE DI MATRIMONIO Vicenza, 3 giugno 2017. La XXVI edizione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico...
LULU Roma, 27 maggio 2017. Il capolavoro di Alban Berg torna per la seconda volta...
IL VIAGGIO A REIMS Verona, 25 maggio 2017. L’ultimo titolo della stagione Lirica al Teatro Filarmonico...
PETER GRIMES Bologna, 24 maggio 2017. Per la prima volta al Teatro Comunale è stata rappresentata...
DON GIOVANNI Milano, 17 maggio 2017. Dopo sette anni l’opera Don Giovanni di Wolfgang Amadeus...
DIE ZAUBERFLOTE Torino, 16 maggio 2017. Non giovano a Die Zauberflöte di Mozart né tronfi afflati...
DON CARLO Firenze, 14 maggio 2017. Recita speciale la pomeridiana di Don Carlo di Giuseppe...
QUARTETT Trento, 5 maggio 2017. La Stagione Lirica, Opera 20.21, dell’Orchestra Haydn di...
ORFEO 5 maggio 2017, Cremona, Al teatro Ponchielli di Cremona si celebrano i 450 anni...
IDOMENEO Pistoia, 30 aprile 2017. L’80° Maggio Musicale Fiorentino ha avuto la prima...
ANDREA CHÉNIER Roma, 30 aprile 2017. Il dramma di Umberto Giordano mancava dal Costanzi dal...
NORMA Verona, 27 aprile 2017. Al Teatro Filarmonico è stara rappresentata l’opera Norma di...
LA GAZZA LADRA Milano, 26 aprile e 5 maggio 2017. Dopo un’assenza di centosettantasei anni...
LUCIA DI LAMMERMOOR Venezia, 21 aprile 2017. Al Teatro La Fenice una nuova produzione di Lucia di...
DON CARLO Genova, 21 aprile 2017. Tutto un debutto il Don Carlo di Giuseppe Verdi,...
TOSCA Baden-Baden, 17 aprile 2017. Una delle caratteristiche che contraddistinguono le...
ANNA BOLENA Milano, 14 aprile 2016. Terza edizione di Anna Bolena di Gaetano Donizetti al Teatro...
LA VOIX HUMAINE - CAVALLERIA RUSTICANA Bologna, 13 aprile 2017. Inedito dittico quello presentato al Teatro Comunale di...
NORMA Ferrara, 7 aprile 2017. Lo spettacolo andato in scena al Teatro Comunale di...
DIE MEISTERSINGER VON NURNBERG Milano 5 aprile 2017. Dopo ventisette anni il Teatro La Scala allestisce l’opera Die...
Tosca Palermo, 2 aprile 2017. Viene da pensare, a volte, assistendo dal vivo ad...
LE NOZZE DI FIGARO Bolzano, 1 aprile 2017. Al Teatro Comunale di Bolzano è stata rappresentata l’opera...
MARIA STUARDA Roma, 28 marzo e 1° aprile 2017. Il Teatro Costanzi ha deciso di puntare...
TOSCA Verona, 30 marzo 2017. La Stagione al Teatro Filarmonico procede a ritmo incalzante...
DIE ZAUBERFLÖTE Firenze, 29 marzo 2017. Esprimere diversi pareri riguardo le performance...
MANON LESCAUT Catania, 22 marzo 2017. I brividi suscitati dall'ascolto della Manon Lescaut di...
LA TRAVIATA Palermo, 19 marzo 2017. Il rischio più grave che oggi un'opera come La Traviata...
I PURITANI Modena e Piacenza, marzo 2017. Al Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” è stata...
MANON LESCAUT Torino 19 Marzo 2017, na Manon Lescaut tradizionale quella ripreso al Teatro...
Manon Lescaut Torino, marzo 2017. Capita a volte che lo spettatore sia colto da qualche...
IL TURCO IN ITALIA Bologna, 10 marzo 2017. Una velata malinconia ha contraddistinto la prima bolognese...
TURANDOT Vienna, 8 marzo 2017. La Turandot di Giacomo Puccini è a prova di bomba. Nulla la...
LA TRAVIATA Milano, 5 marzo 2017. Dopo qualche anno d’assenza il Teatro alla Scala ha...
THE RAVEN (Il Corvo) Bolzano, 3 marzo 2017. Al Teatro Studio, sala inferiore del più imponente Teatro...
PRINCIPE IGOR Amsterdam. 23 febbraio 2017. L'Opera Nationale & Ballet vincitrice dell'Opera...
NORMA Palermo, 22 febbraio 2017. I miti dell’opera devono rimanere tali. Soprattutto se...
I CAPULETI E I MONTECCHI   Verona, 21 febbraio 2017. E’ stata riproposta al Teatro Filarmonico l’opera I...
KÁT’A KABANOVÁ Torino, 21 febbraio 2017. Il progetto Janáček-Carsen è indubbiamente uno dei più...
LA WALLY Piacenza e Modena, febbraio 2017. Dopo il successo dello scorso anno con la produzione...
FALSTAFF Milano, 15 febbraio 2017. Un nuovo Falstaff, ultima opera di Giuseppe Verdi, è...
GINA Venezia, 10 gennaio 2017. Al Tetro Malibran, per la stagione d’opera della Fenice, è...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Trieste, 10 febbraio 2017. Al teatro Verdi di Trieste successo per l'opera Il...
ATTILA Modena, 7 febbraio 2017. Attila di Giuseppe Verdi è un'opera...
Il Trovatore Vienna, 5 febbraio 2017. (Following excerpts of English and French translation from M°...
PAGLIACCI Verona, 2 febbraio 2017. L’opera breve Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, un prologo...
DON CARLO Milano, 1 febbraio 2017. Ritorna al Teatro alla Scala l’opera Don Carlo di Giuseppe...
DIE ENTFUHRUNG AUS DEM SERAIL Treviso, 27 gennaio 2017. Interessante assistere in due giorni a due produzioni di...
DIE ENTFÜHRUNG AUS DEM SERAIL Bologna, 24 e 26 gennaio 2017. Ad accompagnare l’inaugurazione della Stagione...
FAUST Firenze, 22 gennaio e 3 febbraio 2017. Una delle più celebri opere del repertorio...
COSÌ FAN TUTTE Roma, 21 gennaio 2017. La prima opera del nuovo anno del Costanzi è il capolavoro...
LA STRANIERA Catania 21 gennaio 2017. Capolavoro non facile La...
TANNHAUSER Venezia, 20 gennaio 2017. Era molto attesa la prima produzione 2017 del Teatro La...

Visitatori

Visitatori oggi:101
Visitatori mese:6669
Visitatori anno:98987
Visitatori totali:189395

OperaLibera piace a...