Login

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10838122_897170853656836_6339414551169695933_o_1.jpgBilbao, 26 gennaio 2015. [Following French and English translation (excerpts)] Bilbao avvolta dalla bruma di un gennaio piovoso mantiene tutta la bellezza originale e colorata di una città che appare al viaggiatore come un quadro astratto, in cui muoversi in itinerari pieni di sorprese...Lungo uno di questi, il Palacio Euskalduna è una meta irrinunciabile.

Visto da Natalia Di Bartolo

Splendido di legni all'interno, sotto un soffitto stellato, il teatro spagnolo ha visto svolgersi sul suo modernissimo palcoscenico uno spettacolo che era annunciato come un evento e che come tale davvero si è dimostrato al pubblico della città basca, nell'ambito della Stagione lirica 2014-2015 di Abao Olbe: Werther, capolavoro di Jules Massenet.b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_palacio_euskalduna_bilbao_t4800472a.jpg_1306973099.jpg

Il Werther non è opera di ascolto facile né di facile esecuzione. L'immensa sala del teatro di Bilbao, colma all'inverosimile, ha accolto con immediato calore sul podio il grande Maestro Michel Plasson, alla guida della poderosa Bilbao Orkestra Sinfonikoa.

E' un direttore dotato di misteriosi poteri, il Maestro Plasson...Le orchestre sotto la sua bacchetta sembrano diventare una morbida creta da modellare. Splendida duttilità ha dimostrato quella di Abao Olbe, che si è lasciata plasmare secondo le dinamiche inflessibili di uno degli ultimi depositari della Tradition Francais in campo operistico.

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_michel-plasson-930x620.jpgCapace di chiaroscuri acquerellati, di sovrapposizioni di coloriti quasi Fauve, di increspature sonore su superfici cristalline, così come di frustate improvvise all'anima o stilettate ben mirate ed a segno, la direzione di Plasson si è come sempre dimostrata una tavolozza colma di tinte, sfumature, cangianti espressioni. Ogni suo sobrio movimento ha fatto scaturire inverosimili quanto celesti emozioni sonore, ogni accento è stato colto in pieno, ogni sottolineatura è divenuta una pennellata. La sua sensibilità e, nello stesso tempo, il suo rigore hanno fatto sì che il capolavoro prendesse corpo e si snodasse, con la fluidità studiata dal grande direttore e con i tempi calibrati dall'intenditore raffinatissimo. b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10945053_10204184002257759_414522706186536494_n.jpgTutto ciò che Plasson sa ottenere da un'orchestra è stato ottenuto a Bilbao e porto all'ascoltatore come su un piatto d'argento: la più pura lettura filologica si è unita ad un'espressività variegata di sentimenti che sono arrivati a travolgere l'ascoltatore, in particolare nel quarto atto, dove i moti più profondi dell'animo umano, espressi e pretesi dal capolavoro di Massenet, hanno toccato vertici soprannaturali. La staffilata che conclude l'opera, poi, ha colto in pieno lo spettatore, con la forza violenta e la potenza che il compositore in persona avrebbe voluto. Un Werther ben diretto si può giudicare anche solo dalla battuta finale. E qui la perfezione, fin dalla prima battuta, l'ha fatta da padrona.

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10849065_891723707534884_2346163379079080664_o.jpgSe a tutto questo si unisce la presenza sul palcoscenico di un Maestro del canto francese come il tenore Roberto Alagna, allora veramente si toccano vertici da antologia. L'abbinamento Plasson-Alagna è vincente, lo è sempre stato, ma la maturità sembra unire i due grandi musicisti in un legame sempre più stretto, in risultati sempre più esaltanti.

I due Maestri s'intendono anche solo con lo sguardo e vedere dirigere Plasson è uno spettacolo, come lo è vedere e sentire cantare Alagna da lui diretto: il sostegno dato agli interpreti, protagonista per primo, dal Direttore è quanto di più sentito e vigile che chi scrive abbia mai rilevato. Insieme hanno fatto il capolavoro.b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10857177_891722937534961_918357827391463486_o.jpg

Roberto Alagna è stato a Bilbao un Werther fiero, mai troppo dolce, risoluto e quasi eroico; esacerbato nella sua tragica sottomissione ad un dovere estraneo, addirittura violento, suo malgrado, nell'espressione dei propri sentimenti nei confronti di Charlotte. Ma nello stesso tempo indifeso e solo, di una solitudine disperata, che si avvertiva tangibile e trovava il proprio culmine nella meditazione assorta del gesto estremo, di spalle, di fronte alla vetrata, davanti ad una tormenta di neve.b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10835356_891724070868181_335056743890722165_o.jpg

Roberto Alagna ha fatto proprio questo Werther spagnolo con la potenza volitiva dell'esperienza e con la maturità scenica che si ottiene solo dopo avere calcato le tavole del palcoscenico in trent'anni di carriera. Un Werther, quello di Alagna, capace oggi di donare al personaggio l'esperienza di vita di un cinquantenne e, dunque, tutte le sfumature di cui si può essere capaci nella piena maturità, non solo vocale, ma soprattutto di vita vissuta: lo stesso che gli accade ancora nel ruolo di Roméo di Gounod: è straordinario come la sua voce sia ora e sempre perfetta tali per ruoli.

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10494342_897170943656827_5345167091506600299_o.jpgLa sua interiorizzazione dei personaggi, inoltre, è divenuta talmente profonda, che cantare il Werther sempre più gli costa turbamenti dell'animo e notti insonni. Ciò è proprio della sensibilità dei grandi Artisti, che arrivano ad essere addirittura ipersensibili e nei quali l'espressività vocale e la sua trasmissione all'ascoltatore, che ne resta affascinato, arrivano a toccare misteriosi vertici metafisici. Una volta incarnato Werther, poi, come dice il Maestro Plasson, si resta Werther per sempre...b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10662141_897171163656805_6314266726554062946_o.jpg

Quanto ai dati tecnici, il fraseggio del tenore siculo francese, la sua dizione, il suo legato si sono dimostrati da manuale. Non una sbavatura, né un accento fuori posto; non una incrinatura: un cristallo di voce, potente, capace di proiettarsi fino al fondo dell'infinita platea spagnola e di dar vita ad un'emissione talmente calibrata da consentire di ascoltare i pianissimo dall'ultima fila. Sbalorditiva la freschezza della sua vocalità, da sempre perfettamente adatta alla parte, la quale richiede uno sforzo interpretativo in crescendo, fin dal primo atto, il più agevole.
b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_1965453_897171323656789_3893911248689933481_o.jpgEppure, già lì, “Je ne sais si je veille...O Nature...”, a freddo e ricca di sfumature, non è certo facile. Ma, proseguendo il percorso della partitura massenetiana, il cammino vocale si fa più irto, le difficoltà aumentano, si giunge al terzo atto al virtuosismo di una delle arie più difficili dell'Opera di tutti i tempi, ma anche una delle più celebri e amate: “Traduire... -Porquoi me reveiller...” Le insondabili profondità dell'animo umano, sono venute fuori in questo brano con una forza arcana ed una potenza sconvolgente ad Abao Olbe. Oltretutto, certamente nelle orecchie del pubblico spagnolo non potevano non riecheggiare le sonorità espressive di altri celebri Werther. Alagna non le ha fatte rimpiangere, anzi...il suo essere di lingua francese gli ha dato l'asso nella manica, l'essere diretto da un grande la possibilità di dare il massimo della propria grandezza.. b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_1537923_767459690004571_7735499564967652847_o.jpgCosì è stato e, alla fine del celeberrimo brano, le richieste entusiastiche di bis e gli applausi interminabili, troncati solo dall'inarrestabile Plasson, hanno dimostrato tutto il gradimento e l'apprezzamento del pubblico. Al quarto atto, con la magistrale scena del suicidio, l'apoteosi.

Un protagonista di questo calibro aveva bisogno di un'adeguata Charlotte...b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10865903_891723454201576_465717256425226531_o.jpgE l'ha trovata nella sottile, flessuosa Elena Zhidkova. Una Charlotte altezzosa e mai dolce, scenicamente duttile e generosa, vocalmente foriera di sorprendenti espressioni emozionali e di elegante fraseggio. Da sottolineare la sua correttezza nell'emissione e la sua ragguardevole proiezione, in particolare nella sentita aria delle lettere, nonche il complessivo, ammirevole coordinamento con il partner protagonista nei duetti.

Altrettanto interessante la performance dell'esperiente baritono spagnolo Manuel Lanza, che, incarnando un Albert espressivo e sentito, ha dato vita efficace e credibile ad un personaggio che di suo non gode di doti di particolare simpatia.b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10923652_897171056990149_7747566243939623708_o.jpg

Gradevoli e corretti tutti gli altri interpreti, tra cui la graziosa Sophie di Elena de la Merced, il ben caratterizzato le Bailli di Stefano Palatchi e i due notevoli e ben coordinati Schmidt e Johann di Jon Plazaola e Fernando Latorre.

Delicati e ben diretti da Julia Foruria i piccoli cantori del Gaudeamus Korala, che hanno intonato con particolare calore il celeberrimo canto di Natale.

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10904600_891724664201455_2085230503267650657_o.jpgTutto un gruppo d'interpreti che ha dimostrato, quindi, altissime coesione e professionalità, sotto la guida registica di David Alagna, raffinatissimo stage director, oltre che ottimo compositore, fratello di Roberto, il quale ha curato una regia di grande suggestione, possedendo anche la non comune capacità di collocare ciascun personaggio a favore d'acustica verso la sterminata sala di Bilbao.

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10911358_891724370868151_6201668227180122683_o.jpgSuggestiva la sua lettura del Werther” puro”, anima bambina, vestito di bianco, all'inizio, che scambia la propria purezza, un candido velo, con l'apparenza e la convenzione , il cappello donato a se stesso. Egli torna puro al terzo e quarto atto, nella lotta per l'amore, ritornando vestito di bianco anche da adulto, ma soprattutto ritrovando alla fine quel velo e trasfigurandosi poi nella morte tragica, ma non mai colpevole: un Werther credibile, ma nello stesso tempo fascinosamente romanzato.

Elegantissima l'ambientazione scenica sempre di David Alagna, che è stata capace di riecheggiare certi tempi d'oro dell'Opera...Ovvero, quando sul palcoscenico si vedevano ancora gli oggetti. b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10830440_891724184201503_1894238468145629517_o.jpgE perfino gli oggetti a Bilbao hanno fatto non solo le scene, ma anche la regia. I bicchieri e le bottiglie sul tavolo scaraventati via da Werther al secondo atto; il tappeto sulla scrivania del protagonista che diventa sua coperta e sudario nel finale...tutto studiato nei minimi particolari, nei decori e nella presenza delle suppellettili. Un revival che davvero ha riportato gli spettatori ammirati alle glorie passate dei palcoscenici anni '50.

Il tutto contenuto in una scenografia sontuosa, monumentale, anch'essa curatissima, abilmente illuminata dalle luci di Aldo Solbiati ed arricchita dagli eleganti e coloristicamente simbolici costumi ottocentesci di Louis Desiré, nonché animata anche da numerose comparse e da carrozza e cavallo, come su un set cinematografico. La produzione di David Alagna, già al Regio di Torino nel 2005, ha ritrovato così rinnovato e rimarchevole splendore, come si era visto dal teatro italiano nel DVD recentemente uscito per la Deutsche Grammophon, sempre Roberto Alagna protagonista.

b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10922765_891723507534904_296434806302747381_o.jpgIn crescendo esponenziale nel corso della serata l'entusiasmo del già caloroso pubblico spagnolo dell'Euskalduna, che ha riconosciuto, con un'ovazione finale impressionante per potenza e durata, nel direttore e nel protagonista, uniti come sempre in un simbolico abbraccio che ha stretto l'intera platea, i due garanti dell'Arte dell'Opera Francaise dei nostri giorni ed in loro ed in tutti gli altri interpreti ed artefici la valenza qualitativa offerta da un teatro di livello internazionale come Abao Olbe a Bilbao.b_200_150_16777215_00___images_NataliaDiBartolo_10904638_891724437534811_5923882053927972884_o.jpg

 

Natalia Di Bartolo


From Roberto Alagna ‘s Official page on Facebook @roberto_alagna @ABAO_OLBE

>> French translation (excerpts)

WERTHER (Bilbao) | CHRONIQUE par Natalia Di Bartolo pour Opera&Opera Magazine (03/02/2015) | “Une fraîcheur vocale stupéfiante, la force résolue de l’expérience, une puissance bouleversante, un Werther fier et héroïque”

Extrait (traduit de l’Italien) :
“[…] La combinaison Plasson – Alagna a toujours été gagnante, mais la maturité semble unir plus étroitement encore ces deux grands musiciens, avec un résultat toujours plus éblouissant. […] A Bilbao, Roberto Alagna fut un Werther fier, jamais trop édulcoré, déterminé et presque héroïque. […] Roberto Alagna s’est approprié ce Werther espagnol avec la force résolue de l’expérience et avec une maturité scénique que l’on ne peut obtenir que lorsqu’on a trente années de carrière derrière soi. Le Werther d’Alagna est capable aujourd’hui d’offrir au personnage l’expérience de vie d’un quinquagénaire et, donc, toutes les nuances dont on peut être capable dans la pleine maturité, vocalement comme humainement : cette même maturité que l’on retrouve aussi dans le rôle de Roméo de Gounod : il est extraordinaire de constater comme sa voix actuelle est toujours parfaite pour de tels rôles. […] C’est le propre de la sensibilité des grands artistes que d’être capable de reporter son hypersensibilité sur son expression vocale et de la transmettre à un auditoire qui s’en trouve comme fasciné… Comme le dit Plasson, une fois qu’on a incarné Werther, on est Werther pour toujours […] Pas un défaut dans le phrasé du ténor franco-sicilien et sa diction : une voix de cristal, puissante, capable de se projeter aisément mais une émission qui permet aussi d’entendre le pianissimo de la dernière ligne. La fraîcheur de sa voix est stupéfiante, elle est toujours parfaitement adaptée et autorise une force d’interprétation dont l’intensité ne cesse de croître depuis le premier acte. […] « Traduire… Pourquoi me réveiller… » A l’ @ABAO. Ópera de Bilbao, Alagna est parvenu dans cet air à exprimer les insondables profondeurs de l’esprit humain, avec une force mystérieuse et une puissance bouleversante. En outre, le public espagnol avait certainement dans les oreilles d’autres célèbres Werther. Alagna ne les lui fit pas regretter. […] Au cours de la soirée, l’enthousiasme du public espagnol, chaleureux, est allé crescendo jusqu’à une ovation impressionnante au final.”

>> English translation (excerpts)

WERTHER (Bilbao) | REVIEW by Natalia Di Bartolo for Opera&Opera Magazine (03/02/2015) | “An amazing vocal freshness, the resolute strength of experience, an overhelming power, a proud and heroic Werther”

Excerpt (translated from Italian):
“[…] The association “Plasson / Alagna” has always been a winner partnership, but the maturity seems to unite more and more closely these two great musicians, with an ever more dazzling result. […] In Bilbao, Roberto Alagna was a proud Werther, never watered down, determined and almost heroic. […] Roberto Alagna mastered in this Spanish Werther with the resolute power of experience and with a maturity on stage that you only can get when you have thirty years of career behind you. Alagna’s Werther is able today to offer this character the life experience of his fifties, and therefore all the nuances a singer can bring when he is realizing the full potential of his art, both vocally and humanly: the same maturity which was also found in his performance as Romeo by Gounod. It is extraordinary to hear how his current voice is still perfectly suited for such roles. […] It is the nature of the great sensitive artists to be able to convey their hypersensitivity through their vocal expression to a fascinated audience … As Plasson said, once that you have embodied Werther, you are Werther forever […] Not a single imperfection in the French-Sicilian tenor’s phrasing and diction: a crystal voice, powerful, easily projected, but a rendition that also allows to hear the last line’s pianissimo. The freshness of his voice is amazing, it is always perfectly suitable and allows an on-stage performance which intensity is steadily rising since the first act. […] “Traduire .. Pourquoi me réveiller…” At the ABAO. Opera de Bilbao, Alagna has succeeded in this aria to express the unfathomable depth of the human spirit, with a mysterious force and overwhelming power. In addition, the Spanish public had certainly other famous Werther still in mind (and ears). Alagna did not live to regret them. […] During the evening, the supportive Spanish spectators showed a great enthusiasm, which grew crescendo to an impressive ovation at the end.”

 

Locandina

Teatro ABAO OLBE, Bilbao, Palacio Euskalduna - Stagione 2014-2015
WERTHER
Dramma Lirico in quattro atti e cinque quadri
Libretto di Edouard Blau, Paul Milliet e Georges Hartmann
Musica di Jules Massenet
Personaggi: Interpreti:
Werther Roberto Alagna
Charlotte Elena Zhidkova
Sophie Elena de la Merced
Albert Manuel Lanza
Le Bailli Stefano Palatchi
Schmidt e Johann Jon Plazaola e Fernando Latorre 

Orchestra Bilbao Orkestra Sinfonikoa
Coro Gaudeamus Korala

Maestro del Coro: Julia Foruria

Direttore Michel Plasson
Regia David Alagna

Scene

David Alagna

Costumi

Luis Désiré

Luci 

Aldo Solbiati

  
Allestimento di Teatro Regio di Torino

 

Natalia Di Bartolo - "Opera&Opera Magazine"

FOTO PAGINA UFFICIALE FACEBOOK ROBERTO ALAGNA, MARTINE GARNIER, AA.VV.

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
AIDA Roma, 13 luglio 2019. Intimismo e psicologia: alle Terme di Caracalla è tornato...
Prima la musica e poi le parole - Gianni schicchi Milano, 10 luglio 2019. Il Teatro alla Scala, come ultima proposta prima della...
Madama butterfly Savona, 6 luglio 2019. Nel complesso monumentale del Priamar va in scena Madama...
I MASNADIERI Milano, 1 luglio 2019. Dopo oltre quaranta anni di assenza I masnadieri torna sul...
IL TROVATORE Verona, 29 giugno 2019. Terzo titolo dell’Opera Festival 2019, Il Trovatore di...
IPHIGENIE EN TAURIDE Parigi, 24 giugno 2019. Ogni volta che si ha la fortuna di ascoltare uno dei...
LE NOZZE DI FIGARO Firenze, 15 giugno 2019. Il debutto assoluto di Sonia Bergamasco nelle regie...
LA CENERENTOLA Roma, 12 giugno 2019. Una interpretazione fiabesca e azzurrina: Emma Dante torna...
ALCINA Salisburgo, 9 giugno 2019. Nell'anno in cui il Festival di Pentecoste di...
POLIFEMO Salisburgo, 8 giugno 2019. Il Festival di Pentecoste di Salisburgo quest'anno è...
die tote stadt Milano, 7 giugno 2019. Per la prima volta viene rappresentata al Teatro alla Scala Die...
TURANDOT Bologna, 30 maggio 2019. Turandot, l’opera incompiuta di Puccini, torna al...
L'ANGELO DI FUOCO Roma, 23 maggio 2019. Dopo 53 anni il lavoro di Prokof'ev è tornato a Roma con un...
IDOMENEO Milano, 16 maggio 2019. Dopo dieci anni di assenza torna al Teatro alla Scala...
LA STRANIERA Firenze, 14 maggio 2019. Molto repertorio d'opera della prima metà dell'Ottocento,...
Così fan tutte  Las Palmas, Gran Canaria, 11 maggio 2019. Una volta si era soliti dire:...
MADAMA BUTTERFLY Catania, 10 maggio 2019. Madama Butterfly è un gran titolo ed eccolo a Catania il...
LA TRAVIATA Novara, 5 maggio 2019. La Traviata di Giuseppe Verdi, assente dalle scene...
REQUIEM Parma, 3 maggio 2019. L'ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart -...
ARIADNE AUF NAXOS Milano, 30 aprile 2019. Ariadne auf Naxos torna finalmente al Teatro alla Scala...
LA SONNAMBULA Torino,14 Aprile 2019. Assente dalle scene torinesi per oltre vent'anni il...
SERSE Piacenza, 12 aprile 2019. Dopo qualche anno di assenza l’opera barocca torna al...
IL BARBIERE SI SIVIGLIA Parma, 22 marzo 2019. Anche in una città come Parma oggigiorno è più facile...
AGNESE Torino, 17 marzo 2019. Ferdinando Paer, eccellente musicista di collegamento tra il...
CHOVANŠČINA Milano, 6 marzo 2019. La grande opera incompiuta di Modest Petrovič Musorgskij è...
ANDREA CHENIER Reggio Emilia, 1 marzo 2019. Oltre a La forza del destino, l’altra produzione di...
ANNA BOLENA Roma, 28 febbraio 2019. Il quarto titolo del Costanzi per la stagione 2018-2019 è...
SEMIRAMIDE Bilbao, 22 e 25 febbraio 2019. Per questa produzione di Semiramide al Palacio...
RIGOLETTO Torino, 10 e 16 febbraio 2019. Arriva a Torino il Rigoletto con la regia di John...
DON GIOVANNI Verona, 31 gennaio 2019. Al Teatro Filarmonico è stato rappresentato Don Giovanni,...
WERTHER Venezia, 25 gennaio 2019. Werther, il drame lyrique di Jules Massenet, è proposto al...
MADAMA BUTTERFLY Torino, 20 gennaio 2019. Si torna alla tradizione dopo il dirompente allestimento di...
DIONYSOS RISING (Roberto David Rusconi)   Trento, 19 gennaio 2019. La stagione d’opera “Forces of nature” della...
TURANDOT Rovigo, 18 gennaio 2019. Un successo pieno la prima rappresentazione della fiaba...
LA TRAVIATA Roma, 18 gennaio 2019. Sofia Coppola e Valentino hanno regalato ancora una...
LA FORZA DEL DESTINO Piacenza, 18 gennaio 2019. Dopo tredici anni di assenza, La forza del destino di...
LA TRAVIATA Milano, 16 gennaio 2019. Al Teatro alla Scala il primo titolo del nuovo anno è La...
UN BALLO IN MASCHERA Parma, 16 gennaio 2019. Nel centenario della morte di Cleofonte Campanini – sotto...
LA CENERENTOLA Padova, 31 dicembre 2018. Padova celebra Rossini chiudendo l’anno con La...
DON GIOVANNI Bologna, 20 dicembre 2018. Il Teatro Comunale di Bologna conclude la Stagione 2018 e...
ATTILA Milano, 18 dicembre 2018. L’opera inaugurale della Stagione del Teatro alla Scala è...
LE NOZZE DI FIGARO Rovigo, 14 dicembre 2018. Ben realizzata, nel suo insieme, la messa in scena del...
RIGOLETTO Roma, 13 dicembre 2018. Dal '500 al 1943 il passo è breve: la stagione 2018-2019...
CARMEN Firenze, 4 dicembre 2018. Dopo solo un anno dal suo debutto, lo spettacolo di Leo...
ELISABETTA AL CASTELLO DI KENILWORTH Bergamo, 30 novembre 2018. Secondo e imperdibile titolo del Donizetti Opera è stato...
MACBETH Venezia, 29 novembre 2018. La stagione lirica 2018-2019 del Teatro La Fenice è stata...
L'ELISIR D'AMORE 24 novembre 2018, Torino. La stagione operistica 2018/19 del Teatro Regio di Torino...
ENRICO DI BORGOGNA Bergamo, novembre e dicembre 2018. Il Donizetti Opera Festival 2018 è stato inaugurato...
FIN DE PARTIE Milano, 22 novembre 2018. Finalmente dopo anni di gestazione e rimandi, dovute a...
MOSÈ IN EGITTO Novara, 18 novembre 2018. Nel centocinquantesimo anniversario della morte di Gioachino...
LA FILLE DU REGIMENT Bologna, 14 novembre 2018. Ripreso al Teatro Comunale l'allestimento ideato da Emilio...
FALSTAFF Como, 11 novembre 2018. Piacevolissimo il Falstaff comasco in scena nel weekend scorso...
NABUCCO Rovigo, 9 novembre 2018. La Stagione Lirica del Teatro Sociale, il quale nel 2019...
LE NOZZE DI FIGARO Roma, 2 novembre 2018. Graham Vick propone una regia del capolavoro mozartiano...
CAPPUCCETTO ROSSO Piacenza, 26 ottobre 2018. Il compositore piacentino Stefano Guagnini, classe...
FALSTAFF Vicenza, 14 ottobre 2018. Felice collaborazione quella tra la Società del Quartetto di...
IL TROVATORE Torino, 13 Ottobre 2018. Una nuova elegante produzione de Il...
MACBETH Parma, 11 e 18 ottobre 2018. L’opera inaugurale del Festival Verdi 2018 è Macbeth...
UN GIORNO DI REGNO Busseto, 3, 10 e 11 ottobre 2018. Seconda opera del Cigno di Busseto e secondo titolo...
DIE ZAUBERFLÖTE Roma, 10 ottobre 2018. Dalla fine del '700 agli anni Venti del '900 il passo è...
TOSCA Cremona, 7 ottobre 2018. Il Teatro Grande di Brescia propone tra le produzioni del...
IL VIAGGIO A REIMS Bergamo, 5 ottobre 2018. La stagione del Circuito Opera Lombardia è iniziata con una...
LE TROUVERE Parma, 4 ottobre 2018. Il Festival Verdi 2018 è l’edizione delle conferme, dalla...
ALI'-BABA' E I QUARANTA LADRONI Milano, 14 settembre 2018. L’annuale allestimento del Teatro alla Scala per il...
POLIDORO (Antonio Lotti) Vicenza, 7 settembre 2018. Fiore all'occhiello del Festival Vicenza in Lirica è stata...
KING ARTHUR Vicenza, 2 settembre 2018. L’annuale manifestazione “Vicenza in Lirica” Visione...
VERDI OPERA NIGHT Verona, 26 agosto 2018. Il 96° Opera Festival all’Arena ha offerto quasi in...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA (cast alternativo) Verona, 24 agosto 2018 (cast alternativo). Le ultime due recite de Il barbiere di...
GLI AMORI D'APOLLO E DAFNE Innsbruck, 23 agosto 2018. Come consuetudine una delle produzioni dell’Innsbruck...
DIDONE ABBANDONATA (Giuseppe Saverio Mercadante) Innsbruck, 14 agosto 2018. L’edizione 2018 de Innsbruckner Festwochen der Alten Musik,...
L'ELISIR D'AMORE Macerata, 10 agosto 2018. La regia "balneare" di Damiano Michieletto non ha fatto...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Pesaro, 10 agosto 2018 (prova generale). L’anniversario celebrativo al Rossini Opera...
ADINA Pesaro, 9 agosto 2018 (prova generale). La seconda opera dell’odierno Rossini Opera...
RICCIARDO E ZORAIDE Pesaro, agosto 2018. Il XXXIX Rossini Opera Festival è sato inaugurato con l'opera...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA   Verona, 4 agosto 2018. L’opera che ha ottenuto un vero trionfo all’Arena Opera...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Padova, 2 agosto 2018. Come di consueto ad agosto c’è il classico appuntamento con...
MACBETH Firenze, 13 luglio 2018. Il Maestro Riccardo Muti torna al Maggio Musicale Fiorentino...
LA TRAVIATA Roma, 7 luglio 2018. Una Traviata che strizza l'occhio alla Dolce Vita di Federico...
NABUCCO Verona, 7 luglio 2018. Uno spettacolo di successo non si cambia, anzi è riproposto con...
IL PIRATA Milano, giugno e luglio 2018. Dopo oltre sessant’anni di assenza Il pirata di Vincenzo...
TURANDOT Verona, 30 giugno 2018. La terza opera in cartellone al 96° Festival dell’Arena è...
RICHARD III Venezia, 29 giugno 2018. Al Teatro La Fenice, in prima rappresentazione italiana,...
FIDELIO Milano, 28 giugno 2018. Fidelio, opera in due atti di Ludwig van Beethoven, è proposta...
LA BOHÈME Roma, 22 giugno 2018. La rivisitazione in chiave contemporanea del catalano Alex Ollè...
CARMEN Verona, 22 giugno 2018. La 96ª Stagione Lirica all’Arena è stata inaugurata con una...
FIERRABRAS Milano, 15 giugno 2018. Franz Schubert è ricordato giustamente come illustre...
DON CARLO Bologna, 6 giugno 2018. Al Teatro Comunale c’era il clima delle grandi attese per il...
L'INGANNO FELICE Vicenza 1 giugno 2018. La XXVIIª edizione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico...
LA BATTAGLIA DI LEGNANO Firenze, 25 maggio 2018. L’unica opera scritta da Giuseppe Verdi a favore della causa...
SALOME   Verona, 24 maggio 2018. La programmazione operistica invernale della...
AIDA Milano, 18 maggio 2018. Alla Scala ritorna l’opera Aida nel celebre allestimento del...
NORMA Venezia, 16 maggio 2018. Le tre recite di Norma previste al Teatro Fenice per il mese...
BILLY BUDD Roma, 10 maggio 2018. Per la prima volta in assoluto l'opera di Benjamin Britten...
CARDILLAC Firenze, 9 maggio 2018. L'ottantunesimo maggio Musicale Fiorentino, il più antico...
FRANCESCA DA RIMINI Milano, 2 maggio 2018. La produzione lirica italiana è sterminata, tuttavia negli...
ANNA BOLENA Verona, 4 maggio 2018. Dopo oltre due lustri torna al Teatro Filarmonico Anna Bolena...

Visitatori

Visitatori oggi:80
Visitatori mese:6507
Visitatori anno:80102
Visitatori totali:417240

OperaLibera piace a...