Login

lady 1Bologna, 4 dicembre 2014. L'ultimo titolo della Stagione d'Opera al Teatro Comunale di Bologna è anche una prima per il teatro locale, infatti, Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Dmitrij Dmitrevic Šostakovič non è mai stata rappresentata, eccetto una produzione del rifacimento con il titolo Katerina Izmajlova nel 1968.


Visto da Lukas Franceschini

Oggi il titolo è considerato giustamente un capolavoro ed è rappresentato con discreta frequenza nei teatri di tutto il mondo, ma ebbe all'inizio vicende di censura e un lungo lady 2oblio prima di essere recuperata e riallestita. Lady Macbeth è la seconda opera, dopo il Naso, del compositore russo. Egli lesse il racconto omonimo scritto nel 1865 di Boris Kustodiev, suo vecchio amico, quando aveva solo ventiquattro anni. Il libro narra la storia crudele di Katerina Lvovna Ivanova, giovane contadina infelicemente sposata al ricco mercante Zinovi Ismailov, la quale compie una serie di delitti assieme all'amante: assassina il suocero, il marito e un nipotino di questi per sottrargli l'eredità. Scoperta è deportata assieme al complice in Siberia, dove muore. La cupa vicenda è certamente lontana dalle convenzioni del teatro lirico ma Šostakovič non è artista convenzionale e si entusiasma alla trama anche in funzione dei tempi, siamo negli anni '30 del secolo scorso, sia il mondo musicale sia quello politico è in fermento con esiti drammatici che si svilupperanno di lì a poco. La versione librettistica dell'opera fa alcune varianti rispetto dal racconto, il libretto fu scritto dal compositore assieme ad lady 3Aleksandr Prejs, già suo collaboratore per il Naso. È eliminato l'assassinio del bambino e le gesta della protagonista, anche se incompatibili con l'epoca, trovano una sommaria giustificazione nella passione amorosa e nella ribellione dell'ambiente in cui vive. Šostakovič scrive: "...ella non è una donna crudele, al contrario è un essere intelligente ed appassionato che soffoca nel grigiore della vita e dell'ambiente volgare in cui è costretta. Non ama il marito, e quando compare Sergeij, l'amante, se ne innamora, sacrificando tutta se stessa per lui, anche se questi si rivelerà un essere debole e meschino". Tali spiegazioni per quanto innocenti sono dirette al mondo sovietico, dal quale si prevedevano reazioni ufficiali. Il compositore cerca di giustificare e rilevare gli aspetti positivi per quanto possibili. Dopo la prima rappresentazione il 22 gennaio 1934 al Teatro Malij di Leningrado e due giorni dopo al Teatro Nemirovic-Dancenko di Mosca il successo fu pieno, anzi un trionfo che fa dire ad un musicologo ed intellettuale con Ivan Sollertinskij che dopo Pikovaja Dama di Cajkovskij nessun lavoro nella storia dell'opera russa ha raggiunto un livello e una profondità come quella di Šostakovič. La passione sessuale, la parodia dell'autorità, la rivolta contro le tradizioni oppressive, il pessimismo della conclusione sono peccati capitali contro l'ottimismo rituale di un mondo totalitario, in questo caso comunista, che vorrebbe tutt'altro. La musica non smorza i toni, anzi ne esalta la rudezza in maniera lady 4emblematica ed innovativa. Gli uomini che stanno intorno alla protagonista, o meglio contro di lei, non sono uomini ma cinici personaggi privi di anima e pertanto resi in maniera grottesca quasi caricaturale soprattutto musicalmente. Tale arditezza sfida la convenzione morale e artistica di uno stato dominato dall'ottimismo rituale e devoto al dittatore, Stalin. Le vicende d Katerina sono oltraggiose. Il 28 gennaio 1936 sulla Pravda appare un articolo dal titolo "Caos anziché musica", l'opera acclamata in precedenza come il frutto più altro della gloria artistica del partito è tacciata ora come formalista, borghese, antipopolare, di confusa produzione musicale e a suo scapito influisce anche il successo nel mondo occidentale. Condannata senza appello Lady Macbeth è ritirata dal repertorio. L'ostracismo sarà levato solo nel 1963, in era Chruscev, ma l'immoralità del libretto è ancora pesante, pertanto Šostakovič deve preparare una nuova versione ribattezzata Katerina Izmajlova nella quale ritocca versi e musica, trasformando il suo lavoro in situazioni più realistiche. Così modificata, l'opera è approvata dall'Unione dei compositori e ha la sua prima l'8 gennaio 1963. L'occidente resta però lady 5più legato alla prima versione, anche se in varie occasione fu condannata per aspetti moralistici, come a Festival di Venezia nel 1949. In seguito tale morale mutò e oggi possiamo apprezzare uno degli spartiti più originali ed innovativi del teatro musicale non solo russo ma internazionale. La ricchezza della partitura è rappresentativa, soprattutto per i molteplici richiami a situazioni precedenti o future, ed è altrettanto indicativo quanto un compositore negli anni '30 abbia guardato il mondo sociale con così dolente partecipazione. Šostakovič scrisse a proposito della sua composizione: "Dedicai Lady Macbeth alla mia fidanzata e futura moglie, così che l'opera tratta anche dell'amore, ma non solo dell'amore. E anche di come l'amore sarebbe potuto essere se il mondo non fosse pieno di esseri vili".

Per questa grande e ben gradita operazione il Teatro Comunale di Bologna ha preso uno dei migliori spettacoli del regista Dmitrij Bertman, assieme al cast completamente russo e alla bacchetta.

Bertman crea uno spettacolo di grande spessore teatrale e struggente innovazione narrativa. Tutto è visto in chiave di un mondo cupo, violento, bigotto che viene di volta in volta anche ridicolizzato. La scena fissa di Igor' Neznij è rappresentativa nel ricordarci le tubature rosse esterne di gas e acqua tipiche del regime comunista, in mezzo a questo labirinto si collocano delle gabbie di ferro che identificano le stanze di casa Izmailov ma sono apertamente allusive alla "prigione" in cui è rinchiusa la protagonista, sempre guardata a vista da un suocero anche viscido e bramoso. Ben realizzate le sfumature che configurano i personaggi, in particolare il goffo e insulso marito, più attento agli affari, e probabilmente anche ad "altro" che alla giovane moglie. Esemplare quando il giovane amante Sergej è scoperto dal suocero, legato è frustato dalla servitù in una scena sadica e coreografata con assordante rumore di colpi di cintura sul palcoscenico. Molto spinta la scena della violenza sulla cameriera ma veritiera, come gli amplessi dentro la gabbia di Katerina con il giovane amante, la passione travolge a protagonista che si lascia andare alle più sfrenate effusioni. Il Coro, peraltro bravissimo e preparato da Andrea Faidutti, è presenza fissa nella regia, al quale è richiesto un impegno non indifferente nel canto nel ballo, nella coreografia, come la scena della festa in caserma che è una lady 6derisione della polizia e nella scena della Siberia ove con movenza elegante e girando alcune scedie crea una prigione umana che rinchiude la protagonista. Qui lei nella sua disperazione fa intuire che ha avuto pure un bambino dal giovane amante, bambino che non ha saputo dargli il marito e che tragedia nella tragedia è un puppatolo, morto o immaginato. La nuova fiamma di Sergej nella prigione in indossa uno stesso costume di Katerina, le donne sono continue per il giovane, e non osa a rinfacciare alla precedente la condizione ove l'ha trascinato. Di forte impatto anche la prima scena del carcere ove tutte le figure che ruotano intorno a Katerina si muovono in continuazione dentro un ristretto spazio delimitato da sedie che fungono da prigione, sono loro che l'hanno portata a quell'epilogo così drammatico ed esistenziale. Mozzafiato il finale nel quale la protagonista non si getta con la nuova amante nel lago ghiacciato, ma si attorcigliano con una calza, la stessa che lei ha donato all'amante e questi ha regalato a Sonetka, simulando una danza macabra di suicidio-omicidio in un finale crudo ma altrettanto insignificante per Sergej e gli altri carcerati. Regista, scenografo e costumista non creano un'identificazione precisa della vicenda, s'intuisce che è collocata durante il periodo cupo dello stalinismo ma i costumi sono bellissimi, come l'impatto visivo spesso buio e soffuso creato da ottime luci teatrali.

Sul podio dell'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, che ha fornito prova di eccellente professionalità con suono limpido e preciso, abbiamo avuto il direttore Vladimir Ponkin che ha ammaliato con la sua concertazione, ruvida, precisa e di taglio teatrale di forte impatto. Il ritmo, la precisione degli attacchi, le ottime rifiniture nelle varie sezioni, soprattutto le percussioni, erano davvero esemplari. Meravigliosi i tanti preludi d'atto e di scena concertati con alta tensione drammatica.

Tutto il cast , presumibilmente interprete anche delle recite al Teatro Helikon di Mosca, ha fornito un'ottima prova sia attoriale sia vocale. Tuttavia emergeva il Boris di Aleksej Tichomirov, basso di grande impatto vocale preciso e raffinato, mentre Elena Michailenko nel difficile e lungo ruolo di Katerina ha lady 7dimostrato grande musicalità e qualche asprezza nel settore acuto. Ilija Houzic era un corretto Sergej cantato senza particolari enfasi, meglio l'allunato marito Zinovij interpretato benissimo da Dmitrij Ponomarev. Merita un plauso anche Larisa Kostjuk nella breve parte di Sonetka, voce brunita bellissima anche se molto usata di "petto", la precisa Maja Barkovskaja frizzante Aksin'ja e il simpatico sergente di polizia interpretato da Aleksandr Miminosvili. Completavano ottimamente la locandina: Michail Serysev, Stanislav Svets, Valeri Kirjanov, Anderj Orekhov, Andrej Palamarchuck e Artem Davjdov.

Infine una considerazione. In oltre trent'anni di frequentazione del Teatro Comunale di Bologna, prima come spettatore in seguito come giornalista, non ho mai visto la sala cosi vuota soprattutto ad una prima. Non posso pensare che il titolo russo abbia intimorito i bolognesi e neppure l'opera non abituale ai nostri palcoscenici, anzi avrebbe dovuto essere un'ulteriore ricerca di conoscenza. Mi sfuggono i motivi di tale "vuoto", incomprensibili ed ingiustificati, soprattutto se si pensa che a Bologna abbiamo visto ed ascoltato uno dei migliori allestimenti della stagione.

Il pubblico presente, molto attento e partecipe, ha tuttavia decretato un autentico trionfo a tutta la compagnia, meritatissimo!

Locandina

Teatro Comunale di Bologna - Stagione d'Opera e Balleto 2014
LADY MACBETH DEL DISTRETTO DI MCENSK
Opera in quattro atti e nove scene
Libretto di Aleksandr Prejs e Dmitrij Dmistrievic Sostakovic, dal racconto di Nikolaj Lestov
Musica di Dmitrij Dmitrievic Sostakovic
Personaggi: Interpreti:
Boris Timofeevic Izmailov/Una sentinella Aleksej Tichomirov
Zinovij Borisovic Izmailov Dmitrij Ponomarev
Katerina L'vovna Izmailova Elena Michailenko
Sergaj Ilija Houzic
Aksin'ja, una forzata Maja Barkovskaja
Sonetka Larisa Kostjuk
Un poliziotto/Un sergente Aleksandr Miminosvili
Un balorodo Michail Serysev
Il pope/Un vecchio forzato Stanislav Svets
Il lavoratante del mulino Valeri Kirjanov
Un gurardiano/Un venditore Andrej Orekhov
Un maestro/Secondo bracciante Andrej Palamarchuk
Un ospite ubriaco/Un cocchiere/Primo bracciante Artem Davjdov
Terzo bracciante Aleksej Vertogradov

Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna

Direttore Vladimir Ponkin
M.o del coro Andrea Faidutti
Regia Dmitrij Bertman

Scene

Igor' Neznij

Costumi

Tat'jana Tulub'eva

Assistente alla regia

Ilja Iljin

Direttore di produzione

Rotislav Protasov
  
Allestimento del Teatro Helikon di Mosca, 2001

 

FOTO di Rocco Casalucci - Teatro Comunale di Bologna

Collega la pagina al tuo social:

Spettacoli

Previous Next
Guglielmo tell Cremona, 4 ottobre 2019. Il Teatro Amilcare Ponchielli di Cremona inaugura la sua...
NORMA Tolosa, 5 ottobre 2019. E' ormai invalso l'uso di eseguire la sinfonia delle opere...
L'Elisir d'amore Milano, 1 ottobre 2019. L'Elisir d'amore, melodramma giocoso di Gaetano Donizetti,...
DON CARLO Madrid, 30 settembre 2019. Il Teatro Real di Madrid inaugura la Stagione...
DON GIOVANNI Roma, 28 settembre 2019. Graham Vick ha completato la trilogia dapontiana al...
AIDA Busseto, 24 settembre 2019 (prova antegenerale). Ambientazione magica per l’Aida del...
LUISA MILLER Parma, 22 settembre 2019 (prova antegenerale). Dopo dodici anni torna al Festival...
L'ITALIANA IN ALGERI Torino, 26 maggio 2019. La stagione d'opera e balletto 2019 del Teatro Regio si...
Rigoletto Milano, 11 settembre 2019. Dopo la pausa estiva il Teatro alla Scala riprende la...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Venezia, 7 settembre 2019. Il Teatro la Fenice, nel proseguire la Stagione...
DEMETRIO E POLIBIO Pesaro, 18 agosto 2019. La prima opera composta da Gioachino Rossini non fu la...
GALA ROF XL Pesaro, 21 agosto 2019. Il Quarantesimo Rossini Opera Festival è festeggiato con...
SEMIRAMIDE Pesaro, 20 agosto 2019. La monumentale Semiramide è una delle poche opere serie...
L'EQUIVOCO STRAVAGANTE Pesaro, 19 agosto 2019. Seconda opera di Gioachino Rossini ad essere andata in...
MACBETH Macerata, 4 agosto 2019. Una Scozia molto "siciliana" ha fatto da sfondo...
AIDA Roma, 13 luglio 2019. Intimismo e psicologia: alle Terme di Caracalla è tornato...
Prima la musica e poi le parole - Gianni schicchi Milano, 10 luglio 2019. Il Teatro alla Scala, come ultima proposta prima della...
Madama butterfly Savona, 6 luglio 2019. Nel complesso monumentale del Priamar va in scena Madama...
I MASNADIERI Milano, 1 luglio 2019. Dopo oltre quaranta anni di assenza I masnadieri torna sul...
IL TROVATORE Verona, 29 giugno 2019. Terzo titolo dell’Opera Festival 2019, Il Trovatore di...
IPHIGENIE EN TAURIDE Parigi, 24 giugno 2019. Ogni volta che si ha la fortuna di ascoltare uno dei...
LE NOZZE DI FIGARO Firenze, 15 giugno 2019. Il debutto assoluto di Sonia Bergamasco nelle regie...
LA CENERENTOLA Roma, 12 giugno 2019. Una interpretazione fiabesca e azzurrina: Emma Dante torna...
ALCINA Salisburgo, 9 giugno 2019. Nell'anno in cui il Festival di Pentecoste di...
POLIFEMO Salisburgo, 8 giugno 2019. Il Festival di Pentecoste di Salisburgo quest'anno è...
die tote stadt Milano, 7 giugno 2019. Per la prima volta viene rappresentata al Teatro alla Scala Die...
TURANDOT Bologna, 30 maggio 2019. Turandot, l’opera incompiuta di Puccini, torna al...
L'ANGELO DI FUOCO Roma, 23 maggio 2019. Dopo 53 anni il lavoro di Prokof'ev è tornato a Roma con un...
IDOMENEO Milano, 16 maggio 2019. Dopo dieci anni di assenza torna al Teatro alla Scala...
LA STRANIERA Firenze, 14 maggio 2019. Molto repertorio d'opera della prima metà dell'Ottocento,...
Così fan tutte  Las Palmas, Gran Canaria, 11 maggio 2019. Una volta si era soliti dire:...
MADAMA BUTTERFLY Catania, 10 maggio 2019. Madama Butterfly è un gran titolo ed eccolo a Catania il...
LA TRAVIATA Novara, 5 maggio 2019. La Traviata di Giuseppe Verdi, assente dalle scene...
REQUIEM Parma, 3 maggio 2019. L'ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart -...
ARIADNE AUF NAXOS Milano, 30 aprile 2019. Ariadne auf Naxos torna finalmente al Teatro alla Scala...
LA SONNAMBULA Torino,14 Aprile 2019. Assente dalle scene torinesi per oltre vent'anni il...
SERSE Piacenza, 12 aprile 2019. Dopo qualche anno di assenza l’opera barocca torna al...
IL BARBIERE SI SIVIGLIA Parma, 22 marzo 2019. Anche in una città come Parma oggigiorno è più facile...
AGNESE Torino, 17 marzo 2019. Ferdinando Paer, eccellente musicista di collegamento tra il...
CHOVANŠČINA Milano, 6 marzo 2019. La grande opera incompiuta di Modest Petrovič Musorgskij è...
ANDREA CHENIER Reggio Emilia, 1 marzo 2019. Oltre a La forza del destino, l’altra produzione di...
ANNA BOLENA Roma, 28 febbraio 2019. Il quarto titolo del Costanzi per la stagione 2018-2019 è...
SEMIRAMIDE Bilbao, 22 e 25 febbraio 2019. Per questa produzione di Semiramide al Palacio...
RIGOLETTO Torino, 10 e 16 febbraio 2019. Arriva a Torino il Rigoletto con la regia di John...
DON GIOVANNI Verona, 31 gennaio 2019. Al Teatro Filarmonico è stato rappresentato Don Giovanni,...
WERTHER Venezia, 25 gennaio 2019. Werther, il drame lyrique di Jules Massenet, è proposto al...
MADAMA BUTTERFLY Torino, 20 gennaio 2019. Si torna alla tradizione dopo il dirompente allestimento di...
DIONYSOS RISING (Roberto David Rusconi)   Trento, 19 gennaio 2019. La stagione d’opera “Forces of nature” della...
TURANDOT Rovigo, 18 gennaio 2019. Un successo pieno la prima rappresentazione della fiaba...
LA TRAVIATA Roma, 18 gennaio 2019. Sofia Coppola e Valentino hanno regalato ancora una...
LA FORZA DEL DESTINO Piacenza, 18 gennaio 2019. Dopo tredici anni di assenza, La forza del destino di...
LA TRAVIATA Milano, 16 gennaio 2019. Al Teatro alla Scala il primo titolo del nuovo anno è La...
UN BALLO IN MASCHERA Parma, 16 gennaio 2019. Nel centenario della morte di Cleofonte Campanini – sotto...
LA CENERENTOLA Padova, 31 dicembre 2018. Padova celebra Rossini chiudendo l’anno con La...
DON GIOVANNI Bologna, 20 dicembre 2018. Il Teatro Comunale di Bologna conclude la Stagione 2018 e...
ATTILA Milano, 18 dicembre 2018. L’opera inaugurale della Stagione del Teatro alla Scala è...
LE NOZZE DI FIGARO Rovigo, 14 dicembre 2018. Ben realizzata, nel suo insieme, la messa in scena del...
RIGOLETTO Roma, 13 dicembre 2018. Dal '500 al 1943 il passo è breve: la stagione 2018-2019...
CARMEN Firenze, 4 dicembre 2018. Dopo solo un anno dal suo debutto, lo spettacolo di Leo...
ELISABETTA AL CASTELLO DI KENILWORTH Bergamo, 30 novembre 2018. Secondo e imperdibile titolo del Donizetti Opera è stato...
MACBETH Venezia, 29 novembre 2018. La stagione lirica 2018-2019 del Teatro La Fenice è stata...
L'ELISIR D'AMORE 24 novembre 2018, Torino. La stagione operistica 2018/19 del Teatro Regio di Torino...
ENRICO DI BORGOGNA Bergamo, novembre e dicembre 2018. Il Donizetti Opera Festival 2018 è stato inaugurato...
FIN DE PARTIE Milano, 22 novembre 2018. Finalmente dopo anni di gestazione e rimandi, dovute a...
MOSÈ IN EGITTO Novara, 18 novembre 2018. Nel centocinquantesimo anniversario della morte di Gioachino...
LA FILLE DU REGIMENT Bologna, 14 novembre 2018. Ripreso al Teatro Comunale l'allestimento ideato da Emilio...
FALSTAFF Como, 11 novembre 2018. Piacevolissimo il Falstaff comasco in scena nel weekend scorso...
NABUCCO Rovigo, 9 novembre 2018. La Stagione Lirica del Teatro Sociale, il quale nel 2019...
LE NOZZE DI FIGARO Roma, 2 novembre 2018. Graham Vick propone una regia del capolavoro mozartiano...
CAPPUCCETTO ROSSO Piacenza, 26 ottobre 2018. Il compositore piacentino Stefano Guagnini, classe...
FALSTAFF Vicenza, 14 ottobre 2018. Felice collaborazione quella tra la Società del Quartetto di...
IL TROVATORE Torino, 13 Ottobre 2018. Una nuova elegante produzione de Il...
MACBETH Parma, 11 e 18 ottobre 2018. L’opera inaugurale del Festival Verdi 2018 è Macbeth...
UN GIORNO DI REGNO Busseto, 3, 10 e 11 ottobre 2018. Seconda opera del Cigno di Busseto e secondo titolo...
DIE ZAUBERFLÖTE Roma, 10 ottobre 2018. Dalla fine del '700 agli anni Venti del '900 il passo è...
TOSCA Cremona, 7 ottobre 2018. Il Teatro Grande di Brescia propone tra le produzioni del...
IL VIAGGIO A REIMS Bergamo, 5 ottobre 2018. La stagione del Circuito Opera Lombardia è iniziata con una...
LE TROUVERE Parma, 4 ottobre 2018. Il Festival Verdi 2018 è l’edizione delle conferme, dalla...
ALI'-BABA' E I QUARANTA LADRONI Milano, 14 settembre 2018. L’annuale allestimento del Teatro alla Scala per il...
POLIDORO (Antonio Lotti) Vicenza, 7 settembre 2018. Fiore all'occhiello del Festival Vicenza in Lirica è stata...
KING ARTHUR Vicenza, 2 settembre 2018. L’annuale manifestazione “Vicenza in Lirica” Visione...
VERDI OPERA NIGHT Verona, 26 agosto 2018. Il 96° Opera Festival all’Arena ha offerto quasi in...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA (cast alternativo) Verona, 24 agosto 2018 (cast alternativo). Le ultime due recite de Il barbiere di...
GLI AMORI D'APOLLO E DAFNE Innsbruck, 23 agosto 2018. Come consuetudine una delle produzioni dell’Innsbruck...
DIDONE ABBANDONATA (Giuseppe Saverio Mercadante) Innsbruck, 14 agosto 2018. L’edizione 2018 de Innsbruckner Festwochen der Alten Musik,...
L'ELISIR D'AMORE Macerata, 10 agosto 2018. La regia "balneare" di Damiano Michieletto non ha fatto...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Pesaro, 10 agosto 2018 (prova generale). L’anniversario celebrativo al Rossini Opera...
ADINA Pesaro, 9 agosto 2018 (prova generale). La seconda opera dell’odierno Rossini Opera...
RICCIARDO E ZORAIDE Pesaro, agosto 2018. Il XXXIX Rossini Opera Festival è sato inaugurato con l'opera...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA   Verona, 4 agosto 2018. L’opera che ha ottenuto un vero trionfo all’Arena Opera...
IL BARBIERE DI SIVIGLIA Padova, 2 agosto 2018. Come di consueto ad agosto c’è il classico appuntamento con...
MACBETH Firenze, 13 luglio 2018. Il Maestro Riccardo Muti torna al Maggio Musicale Fiorentino...
LA TRAVIATA Roma, 7 luglio 2018. Una Traviata che strizza l'occhio alla Dolce Vita di Federico...
NABUCCO Verona, 7 luglio 2018. Uno spettacolo di successo non si cambia, anzi è riproposto con...
IL PIRATA Milano, giugno e luglio 2018. Dopo oltre sessant’anni di assenza Il pirata di Vincenzo...
TURANDOT Verona, 30 giugno 2018. La terza opera in cartellone al 96° Festival dell’Arena è...

Visitatori

Visitatori oggi:520
Visitatori mese:7930
Visitatori anno:121811
Visitatori totali:458949

OperaLibera piace a...