Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/system/phpimageeditor/phpimageeditor.php on line 87
CONCERRTO VERONA LIRCA 16.11.2018

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

01. liricaVerona, 16 novembre 2018. Il secondo concerto dell’Associazione ha avuto la partecipazione del grande basso Giacomo Prestia che capeggiava un quintetto composto da Simone Piazzola, Valentina Boi, Annunziata Vestri e Diego Cavazzin, al pianoforte l’insostituibile M.o Patrizia Quarta. 

{tabs type=tabs}
{tab title=Visto da Lukas Franceschini}

 

In questa stagione il programma artistico è stato volutamente variato con l’esecuzione di arie e scene non consuete, e questo è fattore di plauso oltre che di crescita.
In tale prospettiva sono stati rilevanti i due interventi congiunti di Piazzola e Prestia, i quali si sono esibiti nella scena fulcro del Prologo di Simon 02. liricaBoccanegra di Giuseppe Verdi aria di Fiesco e successivo duetto Simone-Fiesco, nel quale è emerso uno stile appropriato e un fraseggio stilizzato da parte di entrambi i cantanti.
Valenti Boi e Diego Cavazzin erano validi interpreti del sognante duetto “Già nella notte densa” finale atto I do Otello di Verdi. Altro momento di grande musica il duetto Manrico-Azucena da Il Trovatore “Condotta ell’era in ceppi… Mal reggendo all’aspro assalto” nel 03 liricaquale Annunziata Vestri e Cavazzin hanno dimostrato uno stile rifinito e peculiare veemenza soprattutto il mezzosoprano.
Il quale assieme alla Boi, non hanno mancato accenti struggenti e passionali nel duetto Adia-Amneris “Fu la sorte “ da Aida.
Nelle parti solistiche la Boi ha interpretato una struggente Amelia nell’aria “Morrò ma prima in grazia” da Un ballo in maschera, e la Vestri una ricercata dolcezza in “Voce di donna” da La Gioconda di Amilcare Ponchielli.
Simone Piazzola ha confermato una particolare predisposizione per i ruoli verdiani, infatti, l’esecuzione dell’aria di “O de’ verd’anni miei” da Ernani ha dimostrato la nobiltà del cantante, mentre in “Dagli immortali vertici” da Attila ha messo in luce un impetuoso stile, soprattutto nella cabaletta.
Altrettanto felici i due interventi solisti di Diego Cavazzin, in “ O tu che in seno agli angeli” da La forza del destino, è emerso uno stile e una valida linea di canto, infamando la platea per slancio e spavalderia in “Nessun dorma” da Turandot di Giacomo Puccini.
Ha chiuso il concerto il toccante duetto Filippo II-Rodrigo di Posa “Restate! Presso la mia persona” da Don Carlo di Verdi, nel quale Prestia era un04 lirica imponente e regale re con voce luminosa e pastosa, mentre il giovane Piazzola era un sognante e rifinito nobile artista.
Successo trionfale, con numerose chiamate e applausi convinti per il quintetto di cantanti assieme alla bravissima accompagnatrice.

Recensione dello spettacolo.