Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/system/phpimageeditor/phpimageeditor.php on line 87
CONCERTO ASSOCIAZIONE VERONA LIRICA 15 OTTOBRE 2017

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

vr- Verona, 15 ottobre 2017. In un teatro Filarmonico stipato in ogni ordine si è inaugurata la 7ª Stagione Concertistica 2016-2017 dell'Associazione "Verona Lirica"

{tabs type=tabs}
{tab title=Visto da Lukas Franceschini}

 

Come al consueto al pianoforte la preziosa presenza del maestro Patrizia Quarta, la quale ha accompagnato i vr 2cinque protagonisti della serata: il soprano Susanna Branchini, il mezzosoprano Anna Maria Chiuri, il tenore Carlo Ventre, il baritono Boris Statsenko, il basso Nicola Ulivieri.
Nicola Ulivieri ha esordito cantando l'aria del protagonista Non più andrai farfallone amoroso da "Le nozze di Figaro" di Wolfgang Amadeus Mozart, nella quale le straordinarie qualità di fraseggiatore e ricercato interprete emergono in maniera nette, in un repertorio a lui particolarmente congeniale. Stesse qualità espresse anche nella celebre Calunnia da "Il barbiere di Siviglia", aria che richiederebbe una vocalità più scusa ma che il cantante trentino ha saputo colmare con un accento molto seducente. Molto raffinato il terzo intervento, La vr 3mort de Don Quichotte di Jacques Ibert, ciclo di melodie francesi, nel quale l' artista mette in luce un gusto e un mirabile fraseggio che confermano doti canore non comuni.
Mirabile l'esordio di Anna Maria Chiuri nell'aria O ma lyre himmortelle da "Sapho" di Jules Massenet, per l'abbandono interpretativo e il ricercato fraseggio. La cantante offre un altro brano non solito nei concerti come Adieu foret da "La pulzella d'Orleans" di Piotr Ilic Cajkovskij (eseguita in lingua originale) nella quale morbidezza vocale e gusto esecutivo, particolarmente raffinato nell'accento, hanno entusiasmato il pubblico, concludendo la sua esibizione con una sensualissima esecuzione di Mon coeur s'ouvre a ta voix da "Samson et Dalida" di Camille Saint- Saens particolarmente sentita.
Carlo Ventre cantava per la prima volta in pubblico Vesti la giubba da "Pagliacci" di Ruggero Leoncavallo, che probabilmente debutterà a breve, dimostrando ancora una volta la disinvoltura vocale in una scrittura a lui particolarmente consona. Passando poi ad un suo celebre cavallo di battaglia, spesso cantato anche a Verona, Cavaradossi del quale ha cantato "E lucevan le stelle", nella quale ha dimostrato un intimo e disperato sentimento di rilevante valore esecutivo.
Boris Statksenko ha dato forza emotiva al personaggio di Luigi da "Tabarro" di Giacomo Puccini, cantando Nulla vr 4silenzio con voce ferma e possente. Ma ancor più incisiva è stata la sua esecuzione di Credo in un Dio crudel da "Otello" di Verdi per una pertinente scansione dei colori.
Susanna Branchini ha sfoderato una voce incisiva e drammatica nell'aria Anch'io dischiuso giorno da “Nabucco” di Giuseppe Verdi, nella quale temperamento e precisione stilistica hanno dato modo alla cantante di offrire un'esecuzione mirabile soprattutto nel trasporto veemente della cabaletta. Qualità che le permettono di affrontare, in seguito, La luce langue da "Macbeth" di Giuseppe Verdi con voce molto seducente e ricca di pathos. Infine, struggente l'esecuzione dell'aria di Margherita L'altra notte in fondo al mare da "Mefistofele" di Arrigo Boito, nella quale si è potuto ammirare un temperamento altamente drammatico.
vr 5L'unico duetto è stato interpretato da Anna Maria Chiuri e Carlo Ventre "L'abborita rivale " da Aida di Verdi, eseguito con spiccata tensione drammatica e una vocalità precisa da parte di entrambi i cantanti.
Il concerto è terminato con una travolgente esecuzione del terzetto Di geloso amor spruzzato che chiude il primo atto de "Il Trovatore", nel quale Susanna Branchini, Carlo Ventre e Boris Statksenko hanno fato fornito prova di ottima coesione premiata da prolungati applausi.
Al termine del concerto è stato assegnato al tenore Carlo Ventre il Premio “Verona Lirica” per la sua partecipazione all’opera Aida nella scorsa stagione areniana.


©

 

FOTO di Studio Brenzoni - Verona