Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/system/phpimageeditor/phpimageeditor.php on line 87
53° FESTIVAL PIANISTICO INTERNAZIONALE - CONCERTO ALEXADER LONQUICH - POMERIGGI MUSICALI DI MILANO

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.operalibera.net/home/joomla/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1636

Bergamo, 15 Maggio 2016,  Alexander Lonquich in veste di direttore e solista con l'Orchestra i Pomeriggi Musicali di Milano ci fa rivivere il viaggio in Italia visto con gli occhi di Mendelssohn e rievocato nella quarta sinfonia a cui segue il concerto per pianoforte, ricco di sperimentazioni timbriche, k482 di Mozart {tabs type=tabs}

{tab title=Visto da Mirko Gragnato}

Un teatro Donizetti gremito dà il benvenuto ad un'orchestra che in Lombardia abita i vari teatri durante la stagione di Opera Lombardia: I Pomeriggi Musicali di Milano.

Un'orchestra nata dai postumi della seconda guerra mondiale e che da subito ha voluto proporsi come orchestra da camera che sapeva guardare al passato ma con occhio attento al presente come quel 27 Novembre 1945 quando debuttò affiancando a Beethoven, gli innovativi Stravinsky e Prokof'ev.

Alla guida dell'orchestra vi è il pluridecorato pianista Alexander Lonquich, un pianista-direttore, principale trascinatore del progetto della OTO a Vicenza, trasportando giovani musicisti verso il mondo della professione.


A duecento anni dal viaggio in Italia di Goethe rivivere le impressioni che colpirono anche Mendelssohn nella scoperta del bel paese è compito della quarta sinfonia, che già con l'allegro vivace dipinge i paesaggi di un Italia ottocentesca sino a trasportarci con il tema salmodico del secondo movimento alle sale e alle liturgia della Roma papale. Con il saltarello finale sono poi i legni ad arricchire di un concitato staccato, sostenuto dalla sezione degli archi con schiere di ribattuti, la conclusione della sinfonia.
Una direzione chiara e pulita quella di Lonquich in un'esecuzione magistrale dei Pomeriggi Musicali che richiama
fragorosi applausi. Ottima la fila dei legni, tra cui primeggiano i flauti.

Concerto n. 22 in Mi Bemolle Maggiore, tonalità che sin dalla prima sinfonia viene apprezzata da Mozart, questo concerto è un laboratorio di esperimenti, manchevoli gli oboi, è ai clarinetti che è affidata la vellutata linea melodica dei fiati, cui spetta l'incontro e il dialogo con lo strumento solista.
Lonquich nella doppia veste di direttore - solista non manca di trovare una piena sintonia con l'orchestra e lo strumento, l'ottima acustica del teatro Donizetti gli permette di uscire col piano dall'orchestra, creando un ottimo impasto acustico.
Il secondo movimento andante, in una pregevole esecuzione, mostra quanto sia ancora fortemente attuale la musica di Mozart.È qui che i clarinetti e i fiati si intrecciano in giochi prospettici di linee melodiche, preparando la strada all'ingresso del pianoforte che dal tocco di Lonquich fa uscire il sapore scuro della ricca mano sinistra costellata da brevi interventi della destra.
Segue un ulteriore momento di cornice dei pregevoli fiati di quest'orchestra nel mirabile lavoro d'insieme dei clarinetti ma soprattutto del flauto e del fagotto.
Nel giocoso terzo movimento dove il tema vivace dal pianoforte passa all'orchestra e così via, la mano di Lonquich si muove sulla tastiera con intensità e sicurezza senza abbandonare la guida dell'orchestra che si lascia trasportare in piena collaborazione dal suo direttore.
Un concerto di rara bellezza, conclusosi con calorosi applausi e l'esecuzione di un bis del maestro al piano con un minuetto di Mozart.

{/tab}

{tab title=Locandina}

Teatro Donizetti di Bergamo

53° FESTIVAL INTERNAZIONALE DI BRESCIA E BERGAMO

PROGRAMMA

Sinfonia n.4 in La Maggiore op.90 "Italiana"

Allegro Vivace

Andante con moto

Con moto moderato

Saltarello. Presto

Felix Mendelssohn Bartholdy
(1809-1847)

Concerto per pianoforte e orchestra

n.22 in Mi Bemolle Maggiore k. 482

Allegro

Andante

Allegro - Andatino Cantabile - Tempo Primo

Wolfgang Amadeus Mozart 

(1756-1791)

Orchestra i Pomeriggi Musicali di Milano

Direttore e pianoforte Alexander Lonquich
  

 

{/tab}

{/tabs}