Login

 

lingotto2Torino, 26 aprile 2016. Per la stagione di Lingotto Musica, nell'auditorium di Renzo Piano, una serata nel nome di Brahms, che ha visto sul palco la Swedish Radio Symphony Orchestra guidata da Daniel Harding con il violino solista di Veronika Eberle


Visto da Mirko Gragnato

 

Un serata interamente dedicata a Brahms e alla tonalità di Re maggiore, quella che ha visto l'orchestra sinfonica della radio svedese diretta da Daniel Harding sul palco dell'auditorium al Lingotto di Torino.
Nella prima parte l'orchestra ha accompagnato Veronika Eberle nel celebre concerto per violino a cui è seguita l'esecuzione della seconda sinfonia in del compositore tedesco, entrambe le partiture si basano sulla tonalità di Re maggiore.
lingottoSu questa tonalità sono scritti quasi tutti i concerti per violino da Beethoven a Korngold e Prokofev, questo perché la tonalità di Re si intreccia alla perfezione con l'accordatura del violino ( Sol- Re- La- Mi) avendo una delle corde centrali che ruota proprio su questa specifica nota.

L'allegro molto apre con un'introduzione dell'orchestra dal sapore sinfonico e dai colori del forte, sino all'ingresso del violino, che fin da subito, con spiccate crome dichiara la sua forza solistica, il violino stradivari di Veronika Eberle si presenta in tutta la sua forza acustica.
La mano sinistra della solista, purtroppo, si mostra troppo nervosa con il vibrato un po' troppo spinto impastando la linea melodica dello strumento solista alla quale invece si contrappone un'orchestra sotto la guida Harding dal suono più pulito e uniforme.

Il nervosismo spinto della mano sinistra si spinge per tutto il primo e il secondo movimento, tranne che per le parentesi delle cadenze, dove il tempo più sospeso, permette alla violinsita di lavorare di più sul suono in maniera più piena e chiara, quasi come fosse un istante bachiano.
Forse un allegro un po' troppo spinto anche dal maestro Harding, aprire un concerto direttamente con il concerto di Brahms: una gara sportiva senza un minimo di riscaldamento
Nel terzo movimento invece la ventottenne violinista dà il meglio di sé, dimenticati i nervosi vibrati sull'agile e dinamico presto è lei che spinge l'orchestra e la trascina, una vera prova di virtuoso che ha accolto gli applausi del folto pubblico nella sala del lingotto al quale la giovane violinista ha concesso il bis.

Nella seconda parte sempre sulla scia della tonalità di Re Maggiore la sinfonia numero 2 op.73 prodotta sempre dall'estro e dalla penna di Johannes Brahms.lingotto3L'orchestra della Swedish Radio Symphony ha dato prova di un'affinità completa, un'orchestra dall'organico corposo, 8 i contrabbassi di cui ben 5 sono donne, tanto per sfatare certi cliché.
Di quest'orchestra la fila delle viole e dei celli hanno mostrato un suono veramente pieno con un'ottima esposizione del tema, le file dei primi è capeggiate da un spalla che sa ben guidare la fila in modo compatto e unito.
Veramente di pregio il primo corno che nel arduo momento del solo non ha mancato di mostrare doti di virtuoso.
Peccato per l'acustica della sala poco tarata per la serata, i soli dei fagotti in piano, purtroppo hanno dovuto fare i conti con un acustica secca.
La bacchetta di Harding invece si è mostrata degna figlia del suo maestro Claudio Abbado, cura nel gesto e negli attacchi, un dimensione di sicurezza che era in piena sintonia con l'orchestra.

Locandina

LINGOTTO MUSICA 2015-2016 - AUDITORIUM LINGOTTO

Concerto per violino in Re mAggiore op.77

 

Sinfonia n.2 in Re maggiore op.73

Johannes Brahms

SWEDISH RADIO SYMPHONY ORCHESTRA

Direttore Daniel Harding
Violino solista Veronika Eberle

 

FOTO su concessione di lingotto musica

Collega la pagina al tuo social: