Login

 

image007Verona, 12 novembre 2019. La stagione lirica al Teatro Filarmonico della Fondazione Arena di Verona prosegue nel suo Viaggio in Italia nel tempo e negli stili con il titolo più emblematico dell’opera semiseria nonché il più rappresentato al mondo di Gaetano Donizetti (1797-1848). Infatti L’elisir d’amore gode da sempre di grande attenzione e numerose rappresentazioni a Verona: sono attestate diverse recite nei teatri cittadini sin dal 1838, appena sei anni dopo la prima assoluta dell’opera e, insieme a Il Barbiere di Siviglia, è l’unico titolo che sia mai stato eseguito in Arena molto prima della creazione del Festival (correva l’anno 1856). Il Festival estivo lo mise in scena nello storico anfiteatro nel 1936 mentre l’Ente lirico, poi Fondazione, l’ha ripreso più volte nella storia del Teatro Filarmonico, dove è stato sempre accolto con successo dal 1981 al 2013 con interpreti del calibro di Alida Ferrarini, Giuseppe Taddei, Max Renè Cosotti, Carlo Desderi, Zoltan Kelemen, Vittorio Grigolo, Irina Lungu, Francesco Demuro, Carlo Lepore, Francesco Meli, Serena Gamberoni e Bruno De Simone.
Per la rassegna autunnale L’elisir d’amore torna in scena con un nuovo allestimento arguto e spassoso, realizzato per la stagione estiva del Maggio Musicale Fiorentino e, grazie al suo successo, entrato in breve tempo nel repertorio dell’Opera di Firenze. 
Il regista Pier Francesco Maestrini, con le scene di Juan Guillermo Nova, i costumi di Luca Dall’Alpi e le luci di Paolo Mazzon, colloca la vicenda nel Midwest americano, in quella Corn-Belt rurale non troppo diversa dal paesaggio bergamasco probabilmente immaginato da Donizetti. Qui l’umile Nemorino ha più di un motivo per essere lo zimbello della piccola comunità sfiorata dalla Route 66 e l’indipendente Adina, nella sua stazione di servizio, non può che cedere alle lusinghe e alle promesse di figure di passaggio come lo spavaldo Belcore e il vistoso Dulcamara. Gag e citazioni visive degli anni ’70 pop e country abbondano nel divertente spettacolo di Maestrini, che ha già firmato a Verona due acclamate produzioni rossiniane innovative per l’interazione con proiezioni e cartoon: «nel repertorio brillante la vicenda è un pretesto per raccontare una storia e sviluppare situazioni divertenti che trattano temi universali. È relativamente facile decontestualizzare e portare la vicenda dove si ritiene che possa funzionare. Certe associazioni avvengono in base a quello che piace a ciascuno di noi, quasi in automatico: parto sempre dalla musica, essendo musicista, e mi rendo conto di cosa possa avere i tempi comici o meno e di come possa creare una gag».
Dal 17 al 24 novembre per quattro recite salgono sul palcoscenico del Teatro Filarmonico giovani interpreti provenienti da tutto il mondo, alcuni dei quali al loro esordio a Verona: Nemorino è interpretato dal tenore Francesco Demuro, che proprio con questo titolo ha debuttato a Verona nel 2009, mentre l’amata ma capricciosa Adina è il soprano Laura Giordano; il baritono cinese Qianming Dou è Belcore ed Elisabetta Zizzo è Giannetta. Accanto a loro nei panni del Dottor Dulcamara torna l’esperto buffo Salvatore Salvaggio, dopo il recente impegno nel Matrimonio segreto.
Eccezionalmente per questa produzione il Coro è preparato dal giovane maestro veronese Matteo Valbusa mentre alla guida dell’Orchestra c’è il direttore svedese Ola Rudner, più volte applaudito a Verona nel repertorio sinfonico e qui al proprio debutto operistico con i complessi artistici areniani.
Repliche:
martedì 19 novembre, ore 19.00
giovedì 21 novembre, ore 20.00
domenica 24 novembre, ore 15.30
(dal comunicato stampa Fondazione Arena di Verona)
Foto di ENNEVIFOTO

 

Collega la pagina al tuo social:

News

Previous Next
FESTIVAL VERDI JOURNAL 1/2018   È IN VENDITA IL FESTIVAL VERDI JOURNAL Nel nuovo magazine annuale dedicato al...
TEATRO MAGNANI DI FIDENZA - STAGIONE 2018/2019 Teatro Girolamo Magnani di Fidenza (PR) Stagione Lirico Concertistica...
PREMIO INTERNAZIONE TULLIO SERAFIN2018 A ROLANDO PANERAI Rolando Panerai riceverà il Premio Internazionale Tullio Serafin 2018.
Verona, Daniel Oren confermato direttore musicale dell’Arena Opera Festival anche per il 2019 L'inverno è entrato nel vivo, fa freddo in tutta Italia, ma c'è una notizia che ha a...
ROMA, AL TEATRO PALLADIUM VA IN SCENA "IL GIUDIZIO DI PARIDE" Arie, duetti, recitativi, interludi e perfino una tempesta: i luoghi dell'opera, della...
LA FINTA TEDESCA Dopo il debutto nella Grande Salle de l'Hemu di Sion, arriva a Parma La finta tedesca,...
RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA L'ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI VERDIANI E IL TEATRO REGIO DI PARMA Parma, 25 maggio 2019. Siglata la convenzione per la collaborazione scientifica tra...
TEATRO REGIO DI TORINO: LA NUOVA STAGIONE  Torino, 17 Giugno 2019. Presentata la nuova Stagione del teatro subalpino, una...
IL SOPRANO JESSICA PRATT: "OGGI NELLA LIRICA CONTA PIÙ IL FISICO DELLA VOCE" Per mantenersi agli studi, a Roma, dormiva sul divano delle amiche (quando andava bene)...
RICCARDO COCCIANTE RISCRIVE LA TURANDOT IN CINESE: "NON AVRÀ NULLA A CHE FARE CON PUCCINI" Una Turandot oltre Puccini, tutta cinese: è il nuovo progetto di Riccardo Cocciante,...
PREMIO OMBRA DELLA SERA A GIUSEPPE SABBATINI E STEFANO PODA   3 agosto 2019. Sullo splendido e suggestivo palcoscenico del Teatro...
TEATRO SPERIMENTALE DI SPOLETO, L'OMICIDIO DI SARAH SCAZZI DIVENTA UN'OPERA LIRICA Tragici fatti di cronaca nera diventano un'opera lirica: è il "Re di donne" prodotta...
“IL SOPRANO È TROPPO GRASSO”. LA REPLICA DI KATHRYN LEWEK AL CRITICO: “CRUDELTÀ GRATUITA” Secondo Tacito irritarsi per una critica vuol dire riconoscere di averla meritata....
IL TENORE VITTORIO GRIGOLO È STATO SOSPESO DALLA ROYAL OPERA HOUSE La Royal Opera House ha sospeso il tenore Vittorio Grigolo dopo un'indagine condotta...
IL 25 OTTOBRE 2019 SI CELEBRA IL PRIMO WORLD OPERA DAY La giornata internazionale della pasta, ma anche quella dedicata all'opera lirica. Il...
ANTONINO CANNAVACCIUOLO DEBUTTA COME TENORE: DOPO "MASTERCHEF" L'OPERA LIRICA Segnatevi questa data: 10 novembre 2019. Il Teatro Coccia di Novara ospiterà una...
TEATRO FILARMONICO DI VERONA - STAGIONE 2020 Verona, 29 ottobre 2019. La Fondazione Arena di Verona presenta la sua...
ANNA NETREBKO E YUSIV EYVAZOV TORNANO ALL'ARENA DI VERONA Verona, 7 novembre 2019. Solo i più importanti teatri del mondo hanno il privilegio di...
L'ELISIR D'AMORE TORNA AL TEATRO FILARMONICO   Verona, 12 novembre 2019. La stagione lirica al Teatro Filarmonico della...
RAPPER AMERICANO ANNUNCIA LA SUA PRIMA OPERA LIRICA: SI CHIAMA “NEBUCHADNEZZAR” Rapper, produttore discografico, regista, stilista e ora anche...operista! Kanye West,...
ARCHIVIO STORICO TULLIO SERAFIN: INIZIATI I LAVORI DI RESTAURO Cavarzere (Venezia), 20 novembre 2019. Sono iniziati in queste settimane i lavori di...
VERONA E MOZART: INIZIATIVE PER I 250 ANNI DALLA VISITA   Verona, 20 novembre 2019. Verona si veste a festa per celebrare i 250 anni...
IL DRAMMA PER MUSICA "SEMELE, O SIA LA RICHIESTA FATALE" DI HASSE INAUGURA LA RASSEGNA DI MUSICA BAROCCA DEL TEATRO RISTORI Verona, 19 novembre 2019. Domenica 24 novembre alle ore 20.30 il dramma per musica...

Visitatori

Visitatori oggi:47
Visitatori mese:7385
Visitatori anno:156896
Visitatori totali:494034

OperaLibera piace a...