Login

 

3 agosto 2019. Sullo splendido e suggestivo palcoscenico del Teatro Romano di Volterra, si è conclusa con grande plauso la Cerimonia di consegna dei Premi Ombra della Sera, evento centrale del Festival Internazionale, fondato diciassette anni fa dall'attore e regista Simone Migliorini, che tuttora lo presiede.

 

La giuria, presieduta da Giovanni Antonucci, composta Vito Bruschini, Maura Catalan, Luca Chiellini, Maria Letizia Compatangelo, Alma Daddario, Paola Dei, Elena D’Elia, Natalia Di Bartolo, Lia Gay, Simone Migliorini, Carmela Piccione, Rainero Schembri, Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini, Edoardo Siravo, ha assegnato, nelle diverse sezioni previste, il Premio “Fedra Inghirami” Ombra della Sera alla Carriera, a Carlo Simoni; il Premio “Ernestina Fenzi” Ombra della Sera alla Danza, a Luciana Savignano; il Premio “Bruno Landi” Ombra della Sera alla Lirica, a Giuseppe Sabbatini; il Premio “Giovanni Villifranchi” Ombra della Sera alla Drammaturgia, a Furio Bordon; il Premio “Franco Porretti” Ombra della Sera, al volterrano distintosi in Arti e Mestieri, Stefano De Lellis; il Premio “Cosimo Daddi” Ombra della Sera alle Arti Sceniche, a Stefano Poda; il Premio “Nuccio Messina” Ombra della Sera al progetto fotografico editoriale per lo spettacolo ArtSipario - Leggi il palcoscenico, a Tommaso Le Pera e Manfredi Edizioni.

 

 

Volterra SabbatiniM° GIUSEPPE SABBATINI
Premio Ombra della sera “Bruno Landi” per la Lirica

(motivazione)

Il curriculum del M° Giuseppe Sabbatini è di grande prestigio. Da primo contrabbasso all'Arena di Verona a soli 24 anni è poi passato allo studio del canto lirico da tenore, intraprendendo una carriera che in breve tempo lo ha portato ad esibirsi nei principali teatri e sale da concerto del mondo, in una sfolgorante carriera.
La sua qualità vocale gli ha concesso un repertorio difficile e spesso poco frequentato, insieme alle opere più note del melodramma italiano: ha amato e ama anche l'Opera francese, nella quale eccelle in Gounod come Faust e soprattutto in Massenet come Werther.
Al ventesimo anno della sua carriera ha deciso, come progettava da sempre, di dedicarsi alla direzione d'orchestra ritirandosi dalle scene come tenore e intraprendendo questa attività di grande impegno. Sua ultima fatica, nel maggio scorso, uno splendido “Così fan tutte” di Mozart al Teatro Peréz Galdos di Las Palmas, isola di Gran Canaria, patria del grande tenore Alfredo Kraus, suo estimatore e mentore.
SabbatiniSi dedica anche all'insegnamento, in particolar modo in Giappone, dove ricopre il ruolo di Direttore didattico dell’Accademia dell’Opera della prestigiosa Suntory Hall di Tokyo, ed in Italia, quale docente della Classe di Canto dell’Accademia privata AIMART in Roma. E' stato insignito di prestigiosi premi e onorificenze, tra cui quella di Kammersànger (pron. Kammersàngher) dello Staatsoper di Vienna dalla Republica Austriaca.
Le motivazioni del nostro Premio “Ombra della sera Bruno Landi per la Lirica 2019, che questa sera gli assegniamo, dunque, sono state già dette. Il Maestro Giuseppe Sabbatini, Musicista a tutto tondo, “onnivoro” poiché amante anche della buona musica contemporanea, che è tornato ufficialmente a cantare da baritono nel 2018 con una tournée in Giappone, è stato ed è uno dei cantanti lirici più applauditi e apprezzati dalla critica sulle scene internazionali, ma ha anche una marcia in più, che alla Lirica lo lega inscindibilmente ed ancor di più gli rende merito per questo premio: ha vissuto e vive l'Opera oggi anche dal podio: la sua infinita esperienza gli consente una capacità particolare di supporto ai cantanti e una perfetta gestione dei tempi e delle dinamiche orchestrali, colorando di raffinatezza consapevole le proprie esecuzioni e rendendolo uno dei pochi al mondo che abbiano intrapreso e proseguito con successo un tale prestigioso iter musicale.

 

 

Volterra PodaM° STEFANO PODA
Premio Ombra della sera “Cosimo Daddi” per le Arti Sceniche

(motivazione)

La carriera mondiale del M° Stefano Poda, che dei propri spettacoli d'Opera cura a tutto tondo la regia, la coreografia, la scenografia i costumi e le luci, conta circa un centinaio di produzioni nei teatri più prestigiosi. Ultimo fiore all'occhiello in ordine di tempo la sua produzione dell'opera “Ariane et Barbe-Bleue” di Paul Dukàs al Theatre du Capitole de Toulouse, che gli ha fruttato il 21 giugno scorso il prestigioso Grand Prix “Claude Rostand” della critica Francese per il migliore spettacolo d'Opera del 2019.
Nella sua ricerca di unità estetica e concettuale, il suo lavoro artistico è fondato su un'impronta visionaria e multi-livello bilanciata tra immagini antiche e arte contemporanea. Ha sviluppato un linguaggio in cui musica, scultura, pittura e architettura possono coesistere.
I suoi personaggi sono sempre simbolici, vestiti con abiti da sogno e seguono movimenti coreografici di stilizzata opulenza, che coinvolgono anche gli interpreti.
PodaTraspaiono nei suoi lavori richiami indubbi all'alta moda ed al design, il tutto di un gusto di raffinatezza sapiente, di visionaria capacità di trasposizione onirica e di gran polso registico nel gestire un palcoscenico spesso colmo di una quantità considerevole di persone, tra interpreti, coristi, danzatori e comparse.
E' per questo immenso, ispirato, personalissimo lavoro in cui il M° Poda pone a manifesto l’intelligenza, il rigore, la coerenza stilistica al servizio dell’Opera, che gli assegniamo questa sera il Premio Ombra della sera Cosimo Daddi per le Arti Sceniche: nella sua Arte nulla è gratuito e tutto si giustifica sotto un segno, che è riuscito a consolidarsi come marchio estetico proprio. Un segno che è il frutto di una lunga investigazione che si nutre di ampli orizzonti letterari, musicali, filosofici e figurativi e che lo rende uno dei registi più originali dei nostri giorni, ideatore e artefice di spettacoli unici e indimenticabili.

Collega la pagina al tuo social:

News

Previous Next
FESTIVAL VERDI JOURNAL 1/2018   È IN VENDITA IL FESTIVAL VERDI JOURNAL Nel nuovo magazine annuale dedicato al...
TEATRO MAGNANI DI FIDENZA - STAGIONE 2018/2019 Teatro Girolamo Magnani di Fidenza (PR) Stagione Lirico Concertistica...
PREMIO INTERNAZIONE TULLIO SERAFIN2018 A ROLANDO PANERAI Rolando Panerai riceverà il Premio Internazionale Tullio Serafin 2018.
Verona, Daniel Oren confermato direttore musicale dell’Arena Opera Festival anche per il 2019 L'inverno è entrato nel vivo, fa freddo in tutta Italia, ma c'è una notizia che ha a...
ROMA, AL TEATRO PALLADIUM VA IN SCENA "IL GIUDIZIO DI PARIDE" Arie, duetti, recitativi, interludi e perfino una tempesta: i luoghi dell'opera, della...
LA FINTA TEDESCA Dopo il debutto nella Grande Salle de l'Hemu di Sion, arriva a Parma La finta tedesca,...
RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA L'ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI VERDIANI E IL TEATRO REGIO DI PARMA Parma, 25 maggio 2019. Siglata la convenzione per la collaborazione scientifica tra...
TEATRO REGIO DI TORINO: LA NUOVA STAGIONE  Torino, 17 Giugno 2019. Presentata la nuova Stagione del teatro subalpino, una...
IL SOPRANO JESSICA PRATT: "OGGI NELLA LIRICA CONTA PIÙ IL FISICO DELLA VOCE" Per mantenersi agli studi, a Roma, dormiva sul divano delle amiche (quando andava bene)...
RICCARDO COCCIANTE RISCRIVE LA TURANDOT IN CINESE: "NON AVRÀ NULLA A CHE FARE CON PUCCINI" Una Turandot oltre Puccini, tutta cinese: è il nuovo progetto di Riccardo Cocciante,...
PREMIO OMBRA DELLA SERA A GIUSEPPE SABBATINI E STEFANO PODA   3 agosto 2019. Sullo splendido e suggestivo palcoscenico del Teatro...
TEATRO SPERIMENTALE DI SPOLETO, L'OMICIDIO DI SARAH SCAZZI DIVENTA UN'OPERA LIRICA Tragici fatti di cronaca nera diventano un'opera lirica: è il "Re di donne" prodotta...
“IL SOPRANO È TROPPO GRASSO”. LA REPLICA DI KATHRYN LEWEK AL CRITICO: “CRUDELTÀ GRATUITA” Secondo Tacito irritarsi per una critica vuol dire riconoscere di averla meritata....
IL TENORE VITTORIO GRIGOLO È STATO SOSPESO DALLA ROYAL OPERA HOUSE La Royal Opera House ha sospeso il tenore Vittorio Grigolo dopo un'indagine condotta...

Visitatori

Visitatori oggi:16
Visitatori mese:6853
Visitatori anno:120734
Visitatori totali:457872

OperaLibera piace a...